Monte delle Figne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte delle Figne
Monte Figne.jpg
Il monte delle Figne visto dalla zona dei Piani di Praglia
Stato Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Piemonte Piemonte
Provincia Genova Genova
Alessandria Alessandria
Altezza 1172 m s.l.m.
Catena Appennino ligure
Coordinate 44°33′50.49″N 8°50′07.63″E / 44.564025°N 8.835454°E44.564025; 8.835454Coordinate: 44°33′50.49″N 8°50′07.63″E / 44.564025°N 8.835454°E44.564025; 8.835454
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte delle Figne

Il Monte delle Figne, 1172 m, si trova nel versante padano dell'Appennino Ligure, poco a nord dello spartiacque ligure-padano (che passa per il vicino monte Taccone). La cima, attraversata dal confine amministrativo tra le province di Genova e Alessandria (zona del Parco Regionale delle Capanne di Marcarolo), è la vetta più elevata di quest'area (che comprende anche i monti Tobbio, Taccone e Poggio). La vetta della montagna si trova al confine tra i comuni di Campomorone (GE) e di Voltaggio (AL)[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La montagna è costituita da una costiera erbosa tra le valli del Gorzente e del Lemme.
Alla base del suo versante occidentale si trovano i Laghi del Gorzente di cui si gode una bella vista. Scendendo sul versante meridionale verso i laghi, si passa per il Sacrario dei martiri di Passomezzano, nel luogo in cui furono uccisi alcuni partigiani sopravvissuti alla strage della Benedicta nei giorni intorno alla Pasqua del 1944.
Nelle giornate limpide il panorama regala visioni sulla Corsica e su tutto l'arco alpino nord-occidentale, dal Gran Paradiso al Monte Rosa. Più vicino si riconoscono i profili del monte Beigua (direzione ovest) e dell'Antola (direzione est).

Accesso alla cima[modifica | modifica wikitesto]

La vetta del monte delle Figne

Il Monte delle Figne è raggiungibile con diversi sentieri sia dai Piani di Praglia che dal Passo della Bocchetta, percorrendo lo spartiacque appenninico (tracciato dell'Alta Via dei Monti Liguri) lungo i crinali dei monti Leco e Taccone. Si può raggiungere anche dal Valico degli Eremiti (sulla SP 167 che unisce le Capanne di Marcarolo a Voltaggio), passando dal passo della Dagliola, ai piedi del monte Tobbio, e dalla casa Carrosina. La zona si presenta per lo più spoglia da alberi, con vaste praterie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carta IGM in scala 1:25.000 e limiti comunali 2011 (on-line su www.pcn.minambiente.it, consultato nel dicembre 2013)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]