Monte Pentelico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte Pentelico
Stato Grecia Grecia
Periferia Attica
Grecia Centrale
Altezza 1.109 m s.l.m.
Coordinate 38°24′18.36″N 23°32′08.88″E / 38.4051°N 23.5358°E38.4051; 23.5358Coordinate: 38°24′18.36″N 23°32′08.88″E / 38.4051°N 23.5358°E38.4051; 23.5358
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Grecia
Monte Pentelico

Il monte Penteli o monte Pentelico (in greco Πεντέλη) è un monte della Grecia, alto circa 1 100 metri, situato a nord-est di Atene e a sud-ovest di Maratona.

La montagna è coperta in gran parte da foreste (circa il 60 o 70%), e può essere vista da Atene, dalla pianura Pedia, da Parnitha. La montagna è circondata dall'abitato, soprattutto di Vrilissia, Penteli, Ekali, Dionyssos e, a nord, di Gerakas.

Fin dall'antichità, la cava presente presso la cittadina di Pentele è stata famosa per il suo marmo, che è stato utilizzato per la costruzione dell'Acropoli e di altri edifici dell'antica Atene. Il marmo Pentelico è di un bianco impeccabile con una uniforme, debole colorazione gialla, che lo fa brillare di un colore dorato sotto la luce solare. L'antica cava è protetta dalla legge e utilizzata esclusivamente per ottenere il materiale per l'Acropolis Restoration Project. La strada utilizzata per trasportare i blocchi di marmo dalla cava all'Acropoli nell'antichità è una discesa continua, e segue la naturale pendenza del terreno. Anche lo Stadio Panathinaiko venne restaurato nel 1870 con questo tipo di marmo.

La ricerca e la documentazione sono curati dall'architetto capo dei restauri nell'Acropoli il professor Manolis Korres, nel suo libro "Dal Pentelico al Partenone".

Un monastero si trova sulla montagna, a nord-est del centro della città.