Monte Faito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte Faito
Il monte Faito visto da Castellammare di Stabia
Il monte Faito visto da Castellammare di Stabia
Stato Italia Italia
Regione Campania Campania
Provincia Napoli Napoli
Altezza 1.131 m s.l.m.
Catena Monti Lattari
Coordinate 40°38′46.07″N 14°30′38.52″E / 40.64613°N 14.5107°E40.64613; 14.5107Coordinate: 40°38′46.07″N 14°30′38.52″E / 40.64613°N 14.5107°E40.64613; 14.5107
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Faito
Monte Faito

Il monte Faito è una montagna facente parte della catena montuosa dei monti Lattari: alto 1.131 metri, ha accesso sia da Castellammare di Stabia, che da Vico Equense ed è inoltre raggiungibile con l'omonima funivia, gestita dall'Ente Autonomo Volturno, dalla stazione di Castellammare di Stabia[1].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Faggeta

Il monte Faito, formato prevalentemente da rocce di tipo calcareo[2], deve il suo nome alle faggete che crescono rigogliose sulle sue pendici: addirittura ci sono diversi faggi che hanno oltre quattrocento anni di vita e raggiungono un diametro di oltre sei metri[3]. Sono inoltre presenti altri tipi di alberi come lecci e castagni e piante come l'orchidea ad un bulbo[4], epipogio[5] e la Pteride di Creta[6], specie non molto frequente in Italia. Diverse sono anche le sorgenti, tra cui una denominata della Lontra[1].

Secondo la tradizione, sul monte Faito, si raccolsero in preghiera i santi Catello e Antonino, a cui apparve l'arcangelo Michele. Nei secoli scorsi, la montagna fu sfruttata per la produzione di legno: fu proprio grazie a questa importante risorsa che nel 1783 il re Ferdinando I delle Due Sicilie poté costruire a Castellammare di Stabia il cantiere navale, il quale si riforniva di legname provenienti proprio dai boschi del Faito, per la costruzione delle navi[7]. Altra importante funzione che aveva la montagna riguardava la produzione di ghiaccio: durante la stagione invernale infatti, ampi fossati, venivano riempiti con strati di neve e foglie, che con il passare del tempo, diveniva ghiaccio da poter utilizzare soprattutto durante la stagione estiva per la conservazione dei cibi[8]. L'importanza del Faito, soprattutto come località turistica, accrebbe notevolmente dalla seconda metà del XX secolo, quando furono costruiti numerosi alberghi e villette residenziali, oltre ad un centro sportivo con piscina[1]; nel 1950 venne ultimata la costruzione del nuovo santuario di San Michele arcangelo[9], mentre nel 1952, il monte fu collegato a Castellammare di Stabia da una funivia, che copre l'intero percorso in otto minuti[10]. Nel 1955, nelle vicinanze del santuario, furono inoltre impiantati dei ripetitori dalla RAI per il servizio televisivo[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il Monte Faito. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  2. ^ Descrizione del Monte Faito. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  3. ^ I faggi secolari del Faito. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  4. ^ Herminium monorchis al Monte Faito. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  5. ^ Epigogium aphillum al Monte Faito. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  6. ^ Pteride di Creta. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  7. ^ Storia del cantiere navale di Castellammare di Stabia. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  8. ^ Gli antichi mestieri. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  9. ^ Il Santuario di San Michele arcangelo. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  10. ^ La funivia del Faito. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  11. ^ Tecnologia e televisione in Italia. URL consultato il 23 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adolfo Sassi, Ode al meraviglioso Faito, terra d'incanto e di memoria, Roma, Aracne, 2004, ISBN 88-7999-776-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]