Monitore belga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Monitore belga

Il Monitore belga[1][2] (in francese Moniteur belge, in neerlandese Belgisch Staatsblad, in tedesco Belgisches Staatsblatt) è la gazzetta ufficiale che pubblica le leggi e altri atti regolamentari dello Stato belga. Deve il suo nome al Moniteur universel, giornale ufficiale francese all'epoca della creazione del Belgio (sotto la monarchia di Luglio). È stato creato il 16 giugno 1831[3].

Dal 1º gennaio 2003, non è più pubblicata sotto forma artacea (salvo pochi esemplari), ma è accessibile gratuitamente tramite Internet.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il "Monitore belga" nelle pubblicazioni di lingua italiana.
  2. ^ Il "Monitore belga" citato su EUR-Lex [1]; [2].
  3. ^ Philippe Raxhon, « Mémoire de la Révolution française de 1789 et Congrès national belge (1830-31) », nella Revue belge d'histoire contemporaine, XXVI, 1-2, p. 33-83, 1996, p. 34.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto