Monica Frassoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg
Monica Frassoni

Monica Frassoni (Veracruz, 10 settembre 1963) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Attualmente è co-presidente del Partito Verde Europeo. I principali temi di cui si occupa sono: ambiente, energia, trasporti e infrastrutture, diritti, immigrazione e questioni istituzionali.

Monica Frassoni, laureata in scienze politiche a Firenze (con una tesi sulle relazioni tra l'Europa e l'America Latina), è stata deputata al Parlamento Europeo nel gruppo dei Verdi durante la V^ (1999-2004) e la VI^ (2004-09) legislatura e durante quest'ultima è stata co-presidente del gruppo dei Verdi/Alleanza Libera Europea insieme a Daniel Cohn-Bendit.

Dopo una prima esperienza nei giovani repubblicani a Firenze, nel 1983 ha iniziato la sua attività politica nel Movimento Federalista Europeo fondato da Altiero Spinelli e nel 1987 si è trasferita a Bruxelles in quento eletta segretario generale europeo dell'organizzazione giovanile (JEF) del Movimento Federalista Europeo.

Dal 1990 al giugno 1999 ha lavorato al Gruppo dei Verdi al Parlamento europeo come responsabile delle questioni costituzionali, del regolamento interno e delle immunità, avendo Adelaide Aglietta come punto di riferimento politico principale.

Alle elezioni europee del 1999 è stata eletta eurodeputata nelle liste dei verdi francofoni belgi Ecolo. Durante tale legislatura è stata membro della Commissione per gli affari costituzionali, membro sostituto della Commissione per le libertà e i diritti dei cittadini, la giustizia e gli affari interni e della Delegazione per le relazioni con i paesi dell'America del Sud e Mercosur e di quella alla commissione parlamentare mista UE-Cipro.

Alle elezioni europee del 2004 è stata riconfermata al Parlamento europeo per la Federazione dei Verdi italiani, nella circoscrizione nord-ovest. Al Parlamento europeo è stata membro della Conferenza dei presidenti, della Commissione giuridica e membro sostituto della Commissione per gli affari costituzionali e di quella per l'ambiente, la salute pubblica e la sicurezza alimentare. È stata anche membro della Delegazione per le relazioni con il Mercosur e membro sostituto della Delegazione per le relazioni con l'Iran e della Delegazione all'Assemblea parlamentare Euromediterranea.

Monica Frassoni ha fatto parte anche dell'esecutivo della rete parlamentare della Banca Mondiale (PNoWB) e nel 2006 ha guidato due missioni di osservazione elettorale della UE in Bolivia e in Venezuela.

Eletta nell'ottobre 2009 co-presidente del Partito Verde Europeo insieme a Philippe Lamberts, nel dicembre 2010 è stata inserita tra i 100 "top global thinkers" (unica presenza italiana) dal periodico di Washington "Foreign Policy" con la seguente motivazione: "For taking green mainstream" (per aver fatto crescere il peso delle tematiche ambientali nel mondo politico ed economico)[1].

Nel 2010 ha collaborato al volume collettivo Europa 2.0 Prospettive ed evoluzioni del sogno europeo, edito da ombre corte, a cura di Nicola Vallinoto e Simone Vannuccini con un saggio sulle condizioni del rilancio del processo costituente in Europa.

Alle Elezioni politiche italiane del 2013 Frassoni è candidata al Senato della Repubblica Italiana come capolista della lista di Sinistra Ecologia Libertà nella regione Lombardia[2]. Per questo, i Giovani Verdi le hanno chiesto di lasciare la sua carica in seno al Partito Verde Europeo. Ipotesi che lei ha rifiutato[3]. Alle elezioni SEL non supera in Lombardia la soglia di sbarramento per far accedere al Senato suoi candidati e quindi Monica Frassoni risulta non eletta.

Attualmente è co-presidente del Partito Verde Europeo e coordinatore nazionale[4] del movimento ecologista Green Italia

Presenze al Parlamento Europeo[modifica | modifica sorgente]

Secondo il sito VoteWatch.eu la percentuale di presenze di Monica Frassoni in plenaria è stata del 92.95% (277 giorni su 298)[5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Monica Frassoni tra i "100 global top thinkers" del periodico Foreign Policy
  2. ^ Le teste di lista di Sel | Sinistra Ecologia Libertà
  3. ^ Monica Frassoni La Mia Risposta Alla Richiesta Di Dimissioni Dai Verdi Europei
  4. ^ [1]
  5. ^ VoteWatch.eu European Parliament - FRASSONI, Monica - Italy

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]