Molva molva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Molva
Molva molva Gervais.jpg

Big Molva molva.jpg

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Paracanthopterygii
Ordine Gadiformes
Famiglia Lotidae
Genere Molva
Specie M.molva
Nomenclatura binomiale
Molva molva
L., 1758

La molva (Molva molva) è un pesce di mare della famiglia Gadidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa sulle coste atlantiche europee tra la Scandinavia del nord, l'Islanda ed il golfo di Guascogna a sud. Nel mar Mediterraneo e nelle acque italiane è rarissima.
Vive in zone rocciose, ad elevate profondità, gli adulti tra i 100 ed i 600 m, i giovani talvolta fino a 50 m o meno.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una specie caratteristica soprattutto per il corpo molto allungato, con la testa dotata di un muso piuttosto sporgente. Il mento porta un tentacolo piuttosto lungo (più del diametro dell'occhio). Le pinne dorsali sono due, la prima più corta e la seconda molto bassa e lunga, quasi simmetrica alla pinna anale, la pinna caudale è arrotondata e le pinne pari sono abbastanza piccole.
La colorazione è abbastanza uniforme, bruna sul dorso e chiara sul ventre. I giovani spesso mostrano delle marezzature chiare sul dorso.
È il più grande Gadide conosciuto e raggiunge la bella taglia di 180 cm per 80 kg di peso.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Carnivora e molto vorace, cattura soprattutto pesci (soprattutto altri Gadidi e pesci piatti), crostacei e molluschi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Tra marzo e maggio depone alcune decine di milioni (da 20 a 60) di uova. le uova sono pelagiche grazie ad una goccia oleosa interna. Le larve alla schiusa misurano 3 mm ed hanno un caratteristico colore giallo e nero.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Ha carni ottime come molti altri Gadiformes e per questo motivo viene frequentemente pescata. Nelle zone dove è comune, come la Gran Bretagna, sopporta un discreto sforzo di pesca con palamiti o reti a strascico. Le sue carni sono considerate simili a quelle del merluzzo, al posto del quale viene talvolta fraudolentemente propinato nei ristoranti e nella vendita al dettaglio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X
  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci