Molossus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Molossus
Molossus bondae.jpg
Molossus currentium
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Molossidae
Sottofamiglia Molossinae
Genere Molossus
E.Geoffroy, 1805
Sinonimi

Dysopes

Specie

Vedi testo

Molossus (E.Geoffroy, 1805) è un genere di pipistrelli della famiglia dei Molossidi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Al genere Molossus appartengono pipistrelli di piccole e medie dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 50 e 95 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 33 e 60 mm, la lunghezza della coda tra 20 e 70 mm e un peso fino a 30 g.[1]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica sorgente]

Il cranio è corto, largo con un rostro breve ed allo stesso libvello della scatola cranica. La mandibola è robusta, mentre è presente una cresta sagittale ben sviluppata. Sono privi dell'apertura palatale tra gli incisivi superiori, i quali sono in contatto. I molari hanno la struttura delle cuspidi incompleta.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 1 1 1 1 1 1 3
3 2 1 1 1 1 2 3
Totale: 26
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Il corpo è robusto. La pelliccia varia dal castano scuro al nerastro, sebbene diverse forme abbiano due fasi di colore. Il muso è largo, il labbro superiore è privo di pieghe cutanee. Le orecchie sono unite anteriormente alla base, hanno un piccolo trago nascosto dietro l'antitrago, il quale è grande e solitamente semi-circolare. Le ali sono lunghe e strette. La coda è lunga, tozza e si estende oltre l'uropatagio. In alcune specie è presente una sacca golare.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il genere è diffuso in America Centrale e meridionale.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere comprende 8 specie.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Novak, 1999, op. cit.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Molossus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi