Moldauhafen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moldauhafen
Moldauhafen
Stato Germania Germania
Land Amburgo Amburgo
Località Amburgo Amburgo
Fiume Elba
Coordinate 53°31′44″N 10°00′54″E / 53.528889°N 10.015°E53.528889; 10.015Coordinate: 53°31′44″N 10°00′54″E / 53.528889°N 10.015°E53.528889; 10.015
Mappa di localizzazione: Germania

Moldauhafen (Vltavský přístav in ceco; tradotto in italiano Porto sulla Moldava) è un settore extraterritoriale nel porto di Amburgo, in Germania, che è stato affittato nel 1929 alla Cecoslovacchia per un periodo di 99 anni in applicazione del trattato di Versailles. Nel 1993, la Repubblica Ceca è subentrata alla Cecoslovacchia nel contratto di locazione la cui durata è stabilita fino al 2028.

Il lotto di circa 30.000 m² non è una exclave, in quanto non è un territorio sovrano ceco benché goda della extraterritorialità. In precedenza, un accordo simile esisteva per il porto di Stettino allora in Germania e dal 1945 in Polonia.

Fino al 2002 è stato usato dalla comapagnia ceca ČSPL a. s. con sede a Děčín[1].

Carta di Moldauhafen nel porto di Amburgo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il trattato di Versailles stabiliva agli articoli 363 e 364:

Articolo 363
« Nei porti di Amburgo e di Stettino, la Germania darà in affitto allo Stato Czeco-slovacco, per un periodo di 99 anni, degli spazi che saranno situati sotto il regime generale delle zone franche e destinate al transito diretto delle merci di provenienza o a destinazione di detto Stato. »
Articolo 364
« La delimitazione di questi spazi, il loro uso, il loro modo di espletamento e in generale tutte le condizioni per la loro utilizzazione, saranno fissati da una Commissione composta: di un delegato della Germania, un delegato dello Stato Cecoslovacco, e un delegato della Gran Bretagna. Queste condizioni potranno essere rivedute ogni decennio nelle stesse forme. La Germania dichiara anticipatamente di gradire le decisioni che così saranno prese. »

Anche se la Germania aveva già dichiarato in anticipo che avrebbe seguito le decisioni della Commissione, il contratto di locazione fu formalizzato in un accordo tra Germania e Cecoslovacchia, firmato a Praga il 16 febbraio 1929[2].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) ČSPL a. s.
  2. ^ (DE) Ereignisse 1929 fh-merseburg.de

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]