Mojo Jojo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mojo Jojo
Mojo Jojo.png
Universo Le Superchicche
Lingua orig. inglese
Autore Craig McCracken
1ª app. 25 novembre 1998
1ª app. in Il perfido Mojo Jojo
Voci orig.
Voci italiane
Specie Scimmia geneticamente modificata
Sesso Maschio
Abilità
Parenti

Mojo Jojo, il cui vero nome è Jojo, è un personaggio immaginario antagonista della serie televisiva d'animazione statunitense Le Superchicche.

È doppiato in originale da Roger L. Jackson e in italiano da Neri Marcorè (dalla prima alla quarta stagione), da Paolo Buglioni (dalla quinta stagione) e da Fabrizio Temperini (edizione successiva).

Mojo Jojo era la scimmia da laboratorio del professor Utonium prima di essere colpito in pieno dall'esperimento che diede vita alle tre Superchicche; ciò ha accresciuto la sua intelligenza e lo ha trasformato in uno dei malvagi più potenti della città di Townsville, il cui unico scopo è proprio quello di distruggere le tre supereroine protagoniste.

Nella serie ha il ruolo di nemico per eccellenza delle protagoniste e, di conseguenza, è il cattivo più ricorrente, essendo apparso anche nell'omonimo film tratto dalla serie uscito nel 2002.[2]

Personaggio[modifica | modifica sorgente]

Personalità[modifica | modifica sorgente]

L'esperimento che ha dato vita alle Superchicche, ha modificato anche la personalità di Jojo. Da scimmia monella e dispettosa, Jojo divenne un essere dotato di una portentosa intelligenza, oltre ad essere megalomane, spietato e molto ambizioso. Nonostante si professi malvagio è una delle maggior fonti di comicità della serie, inoltre è evidentemente infantile, distraibile e fondamentalmente ha un cuore troppo tenero. Caratteristiche di Mojo Jojo sono l'avere un grande ego (si considera un essere dall'intelligenza superiore e perciò l'unico che merita di dominare il mondo) ed essere molto logorroico arrivando a ripetere più volte lo stesso concetto quando parla. La personalità di Mojo Jojo è inoltre quella di un eccellente manipolatore. Nel doppiaggio originale della serie, Mojo Jojo parla l'inglese con un marcato accento giapponese.

Come nella tradizione dei supercattivi, tenta più volte di conquistare il Pianeta Terra, con piani arzigogolati, macchine per la fine del mondo, e altri tradizionali ingredienti dei vecchi film di genere. Come si vede nel film ispirato alla serie (Le Superchicche il film, Mojo Jojo dimostra di nutrire disprezzo per la specie umana per come trattano le scimmie, motivo per il quale manderà un esercito di suoi simili ad attaccare e conquistare Townsville.

I suoi piani vengono regolarmente sventati dalle Superchicche, ma Mojo Jojo odia queste ultime anche perché gli hanno rubato l'affetto e le attenzioni del suo ex-padrone, professor Utonium.[1]

Aspetto fisico[modifica | modifica sorgente]

Mojo Jojo è una scimmia dalla statura minuta, ricoperta da numerosi peli neri (ad'eccezione del viso, della mani e dei piedi che sono del colore della pelle, cioè verde). Veste sempre con un camice di colore blu, stivali e guanti bianchi, una cintura bianca con un pallino viola e un lungo mantello del medesimo colore. Caratteristica principale del personaggio è quella di avere un cervello abnorme che gli fuoriesce dal cranio, motivo della sua straordinaria intelligenza, che tiene sempre coperto da un lungo casco bianco con strisce viola.

In Le Superchicche il film, prima di vestire il suo classico abbigliamento, Mojo Jojo indossava un lungo impermeabile beige, una camicia celeste a righe bianche, una sciarpa malconcia di colore viola e, il suo cervello, era nascosto da un semplice sacchetto.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

Jojo era la scimmia da laboratorio del professor Utonium che aveva il compito di aiutarlo nei suoi esperimenti. Jojo era dispettoso e combinava un sacco di monellerie, ma nonostante questo era sempre trattato con amicizia dal professore.[1]

Un giorno, quando il professor Utonium decise di inventare la bambina perfetta mescolando in un recipiente degli ingredienti (zucchero, cannella, e ogni cosa bella), Jojo lo spinse; questa azione portò il professore a rompere accidentalmente un recipiente di Chemical X, un misterioso e potentissimo liquido dagli effetti imprevedibili, che portò alla nascita delle Superchicche. Proprio per questo motivo si può considerare Mojo Jojo come il "padre" delle Superchicche.[1]

Inconsapevolmente da tutti, anche Jojo venne coinvolto nell'esperimento. Il Chemical X gli diede un'intelligenza superiore ed un cervello gigantesco. Jojo cercò di far notare al professor Utonium le sue nuove capacità, ma questo era troppo preso dalle Superchicche e dai loro fantastici poteri. Fu, così, che Jojo scappò dalla casa del professore e dichiarò eterna inimicizia alle tre bambine.[1]

Nel film[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Le Superchicche - Il film.
« Scrivete un necrologio per il vecchio Jojo, d'ora in poi io sarò universalmente conosciuto come Mojo Jojo. »
(Mojo Jojo dopo aver conquistato Townsville)

Fuggito dall'abitazione del professore, Jojo vagò per la città di Townsville aspettando l'occasione giusta per poter mettere in atto il suo folle piano di conquista. Per far questo, Jojo raggira le tre Superchicche con la scusa di voler migliorare la città di Townsville tramite la sua conoscenza. Le tre bambine, dunque, creano a Jojo una base criminale in un nascondiglio sul ciglio di un vulcano dove lo scienziato dà vita ad un esercito di scimmie evolute con lo scopo di conquistare il mondo. Jojo riesce a conquistare Townsville e si ribattezza Mojo Jojo. Il suo esercito viene, però, sconfitto dalle Superchicche e Mojo Jojo si potenzia diventando un gigante. Inizia, così, lo scontro finale tra le supereroine e il loro antagonista, nel quale quest'ultimo viene sconfitto.

Tale evento darà, dunque, inizio alla rivalità tra Mojo Jojo e le tre bambine, le quali si ritroveranno, da lì in poi, a sventare i piani dello scienziato pazzo e della sua sofisticata tecnologia.

Nella serie[modifica | modifica sorgente]

Mojo Jojo fa la sua prima apparizione nel secondo episodio della serie televisiva.[3] Qui, attraverso un antico manufatto ritraente la testa di Anubi, riesce a trasformare tutti gli abitanti di Townsville in cani, ma viene, poi, di nuovo sconfitto dalla Superchicce.[3] In un'occasione, pur di riuscire nel suo obbiettivo, Mojo Jojo si allea con Bebo Bestione e "Lui", ma viene nuovamente sconfitto.[4]

Nell'episodio Super Mojo Jojo, Mojo Jojo rapisce il professor Utonium allo scopo di convincere le Superchicche a consegnargli i poteri. È proprio in questa occasione che il criminale rivela le sue origini e il motivo del suo risentimento verso le tre supereroine. Sentitosi in colpa per aver abbandonato Jojo, il professore decide di acconsentire alla richiesta del criminale e gli dona i superpoteri. Jojo, così, ottiene una forza e dei poteri straordinari e comincia a distruggere tutto ciò che gli capita a tiro. Il professore, allora, ricorda i disastri di Mojo Jojo nel suo laboratorio, ma riconosce in lui anche il vero e proprio creatore della tre Superchicche. Mojo Jojo, scioccato da tale rivelazione, viene poi spogliato dei suoi nuovi poteri e ritorna quello di prima.[1]

Nell'episodio 12 della serie, è proprio Mojo Jojo a dare vita ai I Supercocchi, ovvero la versione maschile delle Superchicche, nel tentativo di distruggere queste ultime, fallendo anche in questa occasione.[5]

Nell'episodio finale della serie, Mojo Jojo decide di diventare un cittadino modello e, grazie alla sua intelligenza, trasforma il mondo in un posto sorprendentemente felice e libero dalla sofferenza. In seguito, però, Mojo si stanca della pace sulla Terra e ricomincia la sua attività criminale e ad impersonare nuovamente nel ruolo di arcinemico delle Superchicche.[6]

Abilità[modifica | modifica sorgente]

Mojo Jojo è dotato di un quoziente intellettivo estremamente alto, di un'intelligenza formidabile e di portentosi poteri psichici, donatigli dal Chemical X. Dispone di un'abilità di simulatore e truffatore, elevata fino al punto da renderlo capace di raggirare perfino le Superchicche e il professor Utonium.[1] Come nel genere, Mojo Jojo è un cattivo di tipo "intellettuale", ossia molto intelligente e ambizioso, ma estremamente debole nel combattimento corpo a corpo. Ragione per la quale si affida ai suoi robot o ad altre invenzioni per combattere le Superchicche.

Nell'episodio Super Mojo Jojo, il personaggio riesce ad impadronirsi, almeno temporaneamente, di tutti i poteri delle Superchicche, compresa la capacità di volare e sparare laser dagli occhi.[1] Con questi poteri, inoltre, riesce a tenere testa a tutte le tre Superchicche senza troppa difficoltà.[1]

In Le Superchicche il film, Mojo Jojo si potenzia grazie al Chemical X e diventa un gigantesco scimmione; in questo modo aumenta enormemente la sua forza.

PPG Z[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi PPG Z - Superchicche alla riscossa.

Nel remake PPG Z - Superchicche alla riscossa (Demashita! Powerpuff Girls Z) Mojo Jojo presenta numerose differenze con la versione classica. In principio era una scimmia dello zoo che venne potenziata grazie al Chemical Z (un derivato del "chemical X") e divenne estremamente intelligente. In questa versione, però, Mojo Jojo è anche più forte e possiede dei poteri simili a quelli delle Superchicche (ad esempio ha una forza sovrumana ed è in grado di volare). Inoltre anche la personalità è diversa da quella della serie classica, infatti è molto più immaturo e infantile. È doppiato in originale da Masashi Ebara e in italiano da Fabrizio Temperini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i Le Superchicche, episodio 7 Super Mojo Jojo
  2. ^ (EN) The Powerpuff Girls Movie - Netflix
  3. ^ a b Le Superchicche, episodio 2 Il perfido Mojo Jojo
  4. ^ Le Superchicche, episodio 6 Scherzi telefonici
  5. ^ Le Superchicche, episodio 12 I ragazzi terribili
  6. ^ Le Superchicche, episodio 78

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]