Moharebeh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Moharebeh (محاربة) (o anche muharebeh ) è un delitto previsto dalla Sharia iraniana che punisce chiunque ponga in essere un'offesa contro l'Islam o lo Stato (artt. dal 183 al 195 del codice penale iraniano). Il significato letterale di moharebeh è quello di "lotta", giacché esprime il concetto di "guerra contro Dio".

Sanzioni[modifica | modifica wikitesto]

La condanna per moharebeh può prevedere quattro tipo di punizioni: esecuzione capitale, amputazione incrociata degli arti, crocifissione e/o esilio, sebbene si ricorra maggiormente alla pena di morte.

Casi celebri di condanna[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio 2007 i giornalisti Adnan Hassanpour e Hiwa Boutimar sono stati condannati a morte perché ritenuti colpevoli di moharebeh, per aver pubblicato degli articoli critici contro il governo. La sentenza è stata in seguito sospesa in attesa di riesame[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.articolo21.com