Mohand-Aârav Bessaoud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Mohand-Aârav Bessaoud (in cabilo Muḥend Arab Besaɛud; Cabilia, 24 dicembre 1924Cabilia, 1 gennaio 2002) è stato uno scrittore e attivista berbero con cittadinanza algerina.

Descritto come il padre spirituale del berberismo, era un mujahid durante la guerra di liberazione tra il 1954 e il 1962.

È stato fondatore dell'Accademia berbera a Parigi nel 1966, progettista della bandiera berbera moderna e autore di numerosi libri sulla guerra d'indipendenza algerina.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Heureux les Martyrs qui n'ont rien vu : la vérité sur la mort du colonel Amirouche et de Abbane Ramdane, Berbères.
  • F.F.S. Espoir et trahison, Imprimerie Cary, Parigi [rééd. FNAR, 1995].
  • L'Identité provisoire (Roman), Agraw Imazighene, Parigi.
  • Des Petites Gens pour une grande cause. L'histoire de l'Académie berbère (1966-1978), Compte d'auteur, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 71387413

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie