Modern Vampires of the City

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Modern Vampires of the City
Artista Vampire Weekend
Tipo album Studio
Pubblicazione 14 maggio 2013
Durata 42 min : 54 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Indie rock
Etichetta XL Recordings
Produttore Rostam Batmanglij, Ariel Rechtshaid
Registrazione 2011 - 2013, Vox Recording Studios (Hollywood), SlowDeath Studios (New York)
Vampire Weekend - cronologia
Album precedente
(2010)
Album successivo

Modern Vampires of the City è il terzo album discografico in studio della band indie rock statunitense Vampire Weekend, uscito nel 2013 sotto contratto dalla XL Recordings.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Come l'album precedente, Contra è stato prodotto dal membro della band Rostam Batmanglij, insieme, per la prima volta, a Ariel Rechtshaid. Il disco è stato registrato in diverse località: Hollywood, New York, Los Angeles e Martha's Vineyard.

La copertina è una foto del 1966 scattata da Neal Boenzi a New York, in un giorno di particolare inquinamento.

Il disco ha debuttato direttamente alla prima posizione nella Billboard 200, vendendo circa 134.000 copie nella prima settimana.[1] Nel Regno Unito, invece, ha debuttato alla posizione #3 della UK Albums Chart.[2] Inoltre è entrato nella "Top 10" di molti altri Paesi: Australia (#7), Belgio-Fiandre (#5), Irlanda (#2), Norvegia (#2), Portogallo (#4), Scozia (#3).

Per Rolling Stone e Pitchfork Media si tratta del miglior album del 2013.[3] Spin lo ha invece inserito al terzo posto della sua classifica dei migliori album dell'anno 2013[4], così come Stereogum.[5] Nel dicembre 2013 il disco è stato nominato ai Grammy Awards 2014 nella categoria "Best Alternative Music Album".

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le tracce sono state scritte da Ezra Koenig, eccetto dove indicato. Tutta la musica è stata composta da Koenig e da Rostam Batmanglij, eccetto dove indicato.

  1. Obvious Bicycle – 4:11
  2. Unbelievers – 3:22
  3. Step – 4:11
  4. Diane Young – 2:40
  5. Don't Lie – 3:33 (Koenig, Batmanglij)
  6. Hannah Hunt – 3:57
  7. Everlasting Arms – 3:03
  8. Finger Back – 3:25
  9. Worship You – 3:21
  10. Ya Hey – 5:12
  11. Hudson – 4:14 (Koenig, Batmanglij, Chris Tomson)
  12. Young Lion – 1:45 (Batmanglij)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Vampire Weekend
Altri musicisti
  • Ariel Rechtshaid – batteria e programmazione in "Obvious Bicycle", "Unbelievers", "Diane Young", e "Hudson", basso in "Everlasting Arms", produzione, ingegneria
  • Jeff Curtin – batteria in "Diane Young", ingegneria
  • Brendan Ryan – fisarmonica in "Unbelievers"
  • Johnny Cuomo – flistle in "Unbelievers"
  • Danny T. Levin – tromba in "Unbelievers" e "Hudson"
  • Elizabeth Lea – trombone in "Unbelievers" e "Hudson"
  • Seth Shafer – tuba in "Unbelievers" e "Hudson"
  • Adam Shatz – sax in "Diane Young"
  • Angel Deradoorian – cori in "Obvious Bicycle", "Worship You" e "Young Lion", arrangiamenti vocali
  • Fanny Franklin – cori in "Finger Back"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ billboard.com
  2. ^ musicweek.com
  3. ^ rollingstone.com
  4. ^ spin.com
  5. ^ stereogum.com
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica