Moby Lines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moby S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1959 a Napoli
Fondata da Achille Onorato
Sede principale legale, Milano
operativa Portoferraio
Filiali Roma, Bologna, Firenze, Napoli, Wiesbaden
Persone chiave Vincenzo Onorato
Settore Trasporti
Prodotti Trasporti marittimi
Slogan Un viaggio più avanti
Sito web www.moby.it
Traghetto Moby Aki nel porto di Livorno

Moby S.p.A. è una compagnia di navigazione italiana, con sede legale a Milano e sede amministrativa a Portoferraio, originariamente nota come Nav.Ar.Ma. (Navigazione Arcipelago Maddalenino).

La storia[modifica | modifica sorgente]

Fondata da Achille Onorato a Napoli nel 1959, cominciò con piccoli traghetti a servire prima La Maddalena, poi l'Isola d'Elba. Oggi collega la Sardegna, la Corsica e l'Isola d'Elba con traghetti da Genova, Livorno, Civitavecchia e Piombino. La Moby è attualmente capitanata da Vincenzo Onorato, presidente ed esponente della quarta generazione della dinastia familiare, con Daniela Onorato alla direzione della compagnia, oltre che uno dei principali azionisti. La presidenza e l'amministrazione della compagnia venne loro lasciata dal padre Achille, che introdusse per primo nell'economia le azioni della Moby.

La Moby è una delle compagnie navali italiane che offre servizio di trasporto persone e mezzi per il Mar Tirreno, con focalizzazione sulle linee da Genova, Civitavecchia, Piombino e Livorno per la Sardegna, l'Isola d'Elba e la Corsica da Genova e da Livorno. Alla fine del 2006 la Moby acquista la compagnia marittima "Lloyd Sardegna". Lloyd Sardegna era attiva già dal 1978 sulle rotte tra Piombino e Livorno per Olbia e Cagliari.

La Società iniziò ad essere spiacevolmente nota all'epoca del disastro della Moby Prince, che il 10 aprile 1991, in circostanze ancora non del tutto chiarite, partendo da Livorno speronò la petroliera Agip Abruzzo all'ancora in rada nel porto, prendendo fuoco e causando la morte nel rogo di 140 persone, con un membro dell'equipaggio come unico superstite.

Nel corso del 2012 attraverso la Cin S.p.A. (Compagnia Italiana di Navigazione S.p.A.) in cui la Moby è azionista di maggioranza con una partecipazione del 40% è stata acquisita la ex compagnia Statale Tirrenia. Attraverso questa acquisizione e le sinergie tra le due compagnie la Moby Lines S.p.A. è diventata la prima compagnia di navigazione Italiana per le rotte nel mediterraneo.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 una nave della flotta Moby entrò nel porto di Livorno con agganciata al bulbo di prua una balenottera lunga 15 metri e pesante 18 tonnellate presa al largo e trasportata fino all'approdo. Questo fatto curioso fece sorridere i testimoni e uscì un articolo sul giornale della città labronica. A far sorridere non era la sfortunata morte del cetaceo, quanto il fatto che la Moby - il cui logo è rappresentato da una balena - ne incastrasse una nella prua di una sua nave e la trasportasse fino in porto. Pare, comunque, che la balenottera fosse già morta al momento dell'impatto. Per rimuovere l'animale fu necessario l'intervento di camion e gru dei vigili del fuoco per farlo uscire dal porto.[1]

La rinascita grafica della compagnia ebbe inizio nel 1998/1999 quando, da un'idea del figlio Alessandro Onorato, nasceva la Moby Ale (appunto dal nome del ragazzo) con disegnati due ragazzi stilizzati che facevano sci nautico. La tecnica usata per questo nuovo stile della compagnia, consisteva nel proiettare le immagini sulla nave e poi gli addetti ai lavori procedevano con la vernice seguendo l'immagine. Dopo questa ne seguirono molte altre sempre con lo stesso metodo. In questo modo si esorcizzava anche un po' la spiacevole nomea che accompagnava sia la compagnia dall'epoca del disastro del Moby Prince sia alcuni suoi traghetti come la Nave rossa della compagnia, l'Elba Prima, nota dai lavoratori pendolari Elba-Piombino come Terrore rosso a causa della sua navigazione che seguiva molto il moto ondoso, diventando problematica nei momenti di mare grosso.

Campagna grafica[modifica | modifica sorgente]

La Moby però fu anche al centro di una notevole fama quando incominciò a disegnare sulle enormi navi bianche il logo dell'azienda: una grossa balena azzurra che sorridendo ornava i traghetti dal centro fino alla poppa della nave. Essendo una gradevole idea pubblicitaria molti volevano prendere "La nave con la balena". Successivamente oltre alla balena è stato aggiunto sulle nuove navi il tema delle vacanze, con isole, surfisti e altri disegni vacanzieri, infine un accordo con la Warner Bros. ha permesso alla Moby di proseguire le precedenti campagne pubblicitarie disegnando sulle nuove navi alcuni personaggi dei Looney Tunes, ciò ha aumentato la notorietà dell'azienda e ha messo in risalto l'ingegno e la direzione del marketing aziendale.

La flotta[modifica | modifica sorgente]

A settembre 2013 la flotta è composta dai seguenti traghetti con un'età media di 32,7 anni.[2]

Flotta Moby Lines
Traghetto Lunghezza (m) Larghezza (m) Stazza Capacità passeggeri Capacità auto Metri lineari
carico merci
Velocità in Nodi Anno di costruzione Denominazione Grafica Rotte
Moby Wonder/Moby Aki 175 27 36.093 2.200 750 1950 29 2001/2005 Fast Cruise-Ferry Looney Tunes Livorno-Olbia / Piombino-Olbia / Civitavecchia-Olbia
Moby Drea/Moby Otta 185 27 22.528 1.900 500 910 27 1975/1976 Fast Cruise-Ferry Looney Tunes Genova-Olbia
Moby Tommy 212 25 28.920 2.200 1.000 2.000 30,5 2002 Fast Cruise-Ferry Looney Tunes Civitavecchia-Olbia / Piombino-Olbia
Moby Corse 152 25 19.321 1.200 450 810 20 1978 Cruise-Ferry Looney Tunes Genova-Bastia
Moby Vincent 120 22 12.108 1.600 570 790 17 1974 Cruise-Ferry Looney Tunes Livorno-Bastia
Moby Love 114\115 19 7.657 1.200 250 - 17 1972 Ferry balena e 2 isolotti Piombino-Portoferraio
Moby Ale 93 16 2.837 800 160 - 17 1969 Ferry animali stilizzati Piombino-Cavo
Moby Lally 119 19 8.570 1.150 300 370 17,5 1974 Ferry Lupo Alberto Piombino-Portoferraio
Bastia 75 13 1.936 400 100 - 15,5 1974 Ferry Balena e scritta MOBY Piombino-Portoferraio
Giraglia 75 13 2.041 400 100 - 16,5 1981 Ferry Scritta Moby Bonifacio-Santa Teresa di Gallura
Moby Baby 101 18 5.667 T.S.L. 1.100 220 - 16,5 1966 Ferry balena e disegni vari Piombino-Portoferraio
Luigi PA/Giuseppe Sa. 167 21,04 12.500 12 200 1724 18,5\18,5\18 1975 Ro-Ro Scritta Moby Cargo Olbia-Piombino/Livorno

Navi del passato[modifica | modifica sorgente]

Rotte effettuate[modifica | modifica sorgente]

Traghetto "Bastia" a Bonifacio

Corsica[modifica | modifica sorgente]

Linea Tempo Nave Frequenza Note
BonifacioSanta Teresa di Gallura 49 min Giraglia Giornaliera Stagionale
GenovaBastia 10 h (Notturna)\6,30 h (Diurna) Moby Corse Giornaliera Stagionale
LivornoBastia 4 h Moby Vincent Giornaliera Stagionale

Isola d'Elba[modifica | modifica sorgente]

Linea Tempo Nave Frequenza Note
PiombinoCavo 30 min Moby Ale Giornaliera
PiombinoPortoferraio 1 h Moby Baby-Moby Lally-Moby Love Giornaliera
PiombinoRio Marina 45 min Vettore Toremar Giornaliera

Sardegna[modifica | modifica sorgente]

Linea Tempo Nave Frequenza Note
Santa Teresa di GalluraBonifacio 49 min Giraglia Plurigiornaliera Stagionale
GenovaOlbia 11,30 h\11 h Moby Drea\Moby Otta Giornaliera / Plurigiornaliera Stagionale
LivornoOlbia 9,30 h\7,30 h (Notturna)7,30 h\6,30 h (Diurna) Moby Aki\Moby Wonder Giornaliera / Plurigiornaliera
PiombinoOlbia 8,30 h\4,30 h (Camping On Board) Moby Aki''\Moby Wonder'' - Moby Tommy Giornaliera Stagionale
CivitavecchiaOlbia 5,30\5 h (Diurna) Moby Tommy - Moby Aki'\Moby Wonder Giornaliera Stagionale

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo del corriere della sera
  2. ^ La flotta sul sito ufficiale
  3. ^ Conosciuta, per la sua livrea nera, mantenuta tale per diversi anni, e le sue dimensioni ridotte anche col nome di Calimero, da La Nuova Sardegna del 15 dicembre 2002.
  4. ^ [1].
  5. ^ http://snpvalue.com/ship-demolition-market/demolition-market-report-august-31st-2013-3/

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti