Mo Li Hua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Melodia di Mo Li Hua
L'antico testo di Mo Li Hua. Dal libro giapponese di musica "Gekkin Gakufu" (月琴楽譜) (1877)

Mo Li Hua (茉莉花; pinyin: Mòlìhuā), il cui significato è "Fiori di Gelsomino", è una famosa canzone folk cinese. Fu creata durante l'Impero Qianlong, periodo della Dinastia Qing. Esistono due versioni della canzone, la più nota proveniente dalla provincia di Jiangsu, e l'altra dalla provincia di Zhejiang. Le due versioni hanno testi diversi e melodie lievemente divergenti.

La melodia era stata stampata per la prima volta in notazione occidentale già nel 1806, ma è divenuta molto conosciuta al pubblico per essere stata inclusa da Giacomo Puccini nella sua opera Turandot, dove è associata allo "Splendore di Turandot".[1] Il testo con cui il tema (ricorrente più volte nell'opera) si presenta, per la prima volta, nell'atto I è: "Là sui monti dell'est / la cicogna cantò". Mentre il primo suono della canzone cinese era stato notato dai musicisti occidentali come fondamentale, perché la melodia, almeno visivamente, sposta verso il minore, Puccini interpretò il suono più acuto della scala pentafonica come la fondamentale, in modo che la melodia cominci alla terza, e al tempo stesso attribuendole un carattere più dolce e fluttuante.

Questa celebre canzone cinese è anche stata cantata dagli studenti dell'Università di Pechino durante la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi 2004 ad Atene, in Grecia.[2]

Un adattamento della melodia, opera di Tan Dun fu suonato durante la cerimonia delle medaglie alle Olimpiadi 2008 di Pechino.[3]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono varie versioni della canzone, di seguito le due varianti più famose.

Prima variante[modifica | modifica wikitesto]


Cinese Tradizionale[modifica | modifica wikitesto]

好一朵美麗的茉莉花
好一朵美麗的茉莉花
芬芳美麗滿枝椏
又香又白人人誇
讓我來將你摘下
送給別人家
茉莉花呀茉莉花

Cinese Semplificato[modifica | modifica wikitesto]

好一朵美丽的茉莉花
好一朵美丽的茉莉花
芬芳美丽满枝桠
又香又白人人夸
让我来将你摘下
送给别人家
茉莉花呀茉莉花


  • A volte, bié rén (别人) è sostituito da qíng láng (情郎), che significa "amante maschio" (fidanzato)


Hanyu Pinyin[modifica | modifica wikitesto]

hǎo yī duǒ mĕi lì de mò li huā
hǎo yī duǒ mĕi lì de mò li huā
fēn fāng měi lì mǎn zhī yā
yòu xiāng yòu bái rén rén kuā
ràng wǒ lái jiāng nǐ zhāi xià
sòng gěi bié rén jiā
mò li huā ya mò li huā

Traduzione Letterale[modifica | modifica wikitesto]

Un bel fiore di Gelsomino
Un bel fiore di Gelsomino
Odoroso, bello, pieno di petali
Fragrante e bianco, compiace chiunque
Lascia che io ti colga
Ti dia a qualcuno
Fiore di Gelsomino, oh, Fiore di Gelsomino.

Seconda Variante[modifica | modifica wikitesto]


Cinese Tradizionale[modifica | modifica wikitesto]

好一朵茉莉花,
好一朵茉莉花,
滿園花開香也香不過它,
我有心采一朵戴
又怕看花的人兒罵.

好一朵茉莉花,
好一朵茉莉花,
茉莉花開雪也白不過它,
我有心采一朵戴,
又怕旁人笑話.

好一朵茉莉花,
好一朵茉莉花,
滿園花開比也比不過它,
我有心采一朵戴,
又怕來年不發芽.

Cinese Semplificato[modifica | modifica wikitesto]

好一朵茉莉花,
好一朵茉莉花,
满园花开香也香不过它,
我有心采一朵戴
又怕看花的人儿要将我骂.

好一朵茉莉花,
好一朵茉莉花,
茉莉花开雪也白不过它,
我有心采一朵戴,
又怕旁人笑话.

好一朵茉莉花,
好一朵茉莉花,
满园花开比也比不过它,
我有心采一朵戴,
又怕来年不发芽.


Hanyu Pinyin[modifica | modifica wikitesto]

Hǎo yī duo mòlìhuā,
Hǎo yī duo mòlìhuā,
Mǎn yuán huā kāi xiāng yě xiāng bùguò tā,
Wǒ yǒuxīn cǎi yī duo dài
Yòu pà kàn huā de rén er yào jiāng wǒ mà.

Hǎo yī duo mòlìhuā,
Hǎo yī duo mòlìhuā,
Mòlìhuā kāi xuě yě bái bu guò tā,
Wǒ yǒuxīn cǎi yī duo dài,
Yòu pà pángrén xiàohuà.

Hǎo yī duo mòlìhuā,
Hǎo yī duo mòlìhuā,
Mǎn yuán huā kāi bǐ yě bǐ bùguò tā,
Wǒ yǒuxīn cǎi yī duo dài,
Yòu pà láinián bù fāyá.

Traduzione Letterale[modifica | modifica wikitesto]

Un bel fiore di gelsomino!
di tutti i fiori e le piante del giardino,
non ce n'è nessun altro profumato come lui.
Volevo raccoglierne uno e indossarlo,
e il giardiniere mi ha rimproverato.

Un bel fiore di gelsomino!
Quando il gelsomino sboccia,
neanche la neve è più bianca.
Volevo raccoglierne uno e indossarlo,
ma avevo paura che le persone intorno a me mi prendessero in giro.

Un bel fiore di gelsomino!
Anche dopo che tutti gli altri fiori sono sbocciati,
nessuno è paragonabile a lui.
Volevo raccogleirne uno e indossarlo
Ma avevo paura che l'anno segeutne non sarebbe ricresciuto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ashbrook W & Powers H (1991) Puccini's Turandot: The End of the Great Tradition. Princeton University Press, see Ch IV
  2. ^ Qian Chen, 'Jasmine Flower' chosen for medal ceremony music, Shanghai Daily, 21 luglio 2008. URL consultato il 18 novembre 2008.
  3. ^ Classical piece will ring in ears of winners - China Daily