Mitsubishi Space Star

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mitsubishi Space Star
Mitsubishi Space Star silver.jpg
Mitsubishi Space Star
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Mitsubishi Motors Corporation
Tipo principale Monovolume
Produzione dal 1998 al 2005
Sostituisce la Mitsubishi Space Runner
Euro NCAP 3 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.050 mm
Larghezza 1.715 mm
Altezza 1.515 mm
Passo 2.500 mm
Massa 1.160 kg
Altro
Auto simili Hyundai Matrix
Mercedes-Benz Classe A
Opel Meriva
Renault Modus
Note dati relativi alla Space Star prodotta tra il 1998 ed il 2005

La Mitsubishi Space Star è un'automobile compatta prodotta dalla Mitsubishi Motors Corporation nell'azienda olandese NedCar (ex stabilimento della DAF) dal 1998 al 2005.

Space Star 1998-05[modifica | modifica wikitesto]

Introdotta sul mercato nell'autunno 1998, la prima generazione della Space Star proponeva una carrozzeria monovolume compatta su piattaforma condivisa con la Mitsubishi Carisma e la Volvo S40. Disponeva di 4 motorizzazioni, tre a benzina e una a gasolio (quest'ultima di origine Renault). La sua produzione terminò nel 2005, dopo un lieve restyling della mascherina anteriore e dei gruppi ottici posteriori eseguito nel 2002.

Gli esperti hanno messo in evidenza la sua affidabilità, abitabilità e spaziosità, che hanno conferito alla vettura un buon successo commerciale, mentre un difetto della macchina può essere la scarsa ripresa. Nel 2001 la Space Star fu sottoposta ai crash test dell'EuroNCAP e ricevette una valutazione di tre stelle per la sicurezza dei suoi passeggeri adulti e di due stelle per la sicurezza dei pedoni.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Space Star dal 2013 in poi[modifica | modifica wikitesto]

Una Mitsubishi Space Star, versione rimarchiata per l'Europa della Mitsubishi Mirage giapponese

Il nome Space Star è stato proposto nuovamente nel 2013 per la Mitsubishi Mirage commercializzata in Europa. Tale modello, che in Giappone è giunto alla sua sesta generazione ed è stato introdotto già l'anno prima, propone in questo caso una carrozzeria berlina a 2 volumi simile a quella della più diffuse utilitarie e superutilitarie europee. È quindi una vettura che si pone a metà tra il segmento A ed il segmento B. I suoi motori sono due, entrambi tricilindrici e a benzina, da un litro e da 1.2 litri di cilindrata, con potenze di rispettivamente 72 e 80 CV.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili