Mitridate I di Cio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mitridate I di Cio (in greco: Mιθριδάτης; floruit prima metà IV secolo a.C.; ... – ...) figlio di Ariobarzane principe di Cio.

Viene menzionato da Senofonte[1] come colui che tradì suo padre, evento sottinteso anche da Aristotele.[2] E possibile che egli sia lo stesso Mitridate che accom­pagnò il giovane Ciro, ma non risultano prove al riguardo; inoltre, può essere lo stesso Mitridate, menzionato da Senofonte,[3]satrapo di Cappadocia e Licaonia. Sembra che fosse morto prima del 363 a.C., quando Ariobarzane II si fece padrone del della città di Cio, nella Misia.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Senofonte, Ciropedia, viii. 8. 4
  2. ^ Aristotele, v. 10
  3. ^ Senofonte, Anabasi, vii. 8. 25
  4. ^ Diodoro, xv. 90

References[modifica | modifica wikitesto]