Mitologia yoruba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Yoruba.

La mitologia del popolo yoruba è costituita da un vasto insieme di miti e leggende che, in generale, sono anche parte integrante della religione tradizionale del popolo yoruba e dell'itan (il sistema di riferimento culturale della tradizione yoruba). In seguito alla tratta degli schiavi, la mitologia yoruba ha avuto una ampia diffusione anche nelle Americhe, e costituisce uno dei fondamenti della maggior parte delle religione e dei culti sincretici afroamericani, come la Santeria, il Candomblé, l'Umbanda e il Vodun.

Divinità[modifica | modifica sorgente]

Il dio supremo di questa religione è Olofi, nella religione cattolica sarebbe Dio. Olofi creò gli "orisha", cioè i santi i quali a loro volta crearono gli uomini, nel dettaglio gli orishas obatalà e yemaya diedero vita all'intera umanità

Orisha[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Orisha.

Gli orisha sono creature di origine divina (semidèi) che servono da intermediario fra Olorun e la sua creazione. Ogni orisha veglia su alcuni elementi dell'universo. Ognuno di noi ha una madre e un padre orisha. Per scoprirgli bisogna ricevere la mano di Orula. Per questa cerimonia chiamata "la mano di orula" bisogna consultare e farsi consultare da un santero, cioè da una persona che abbia ricevuto Ifà.

Alcuni orisha sono:

  • Oddua è un orisha che ricevono i babalawi nell'ifà. Questo semi-dio è la rappresentazione maggiore degli Eggun(morti) e per tanto conosce tutti i segreti e i misteri della morte. Oddua vive in montagna (Okè).Quando avviene la "matanza" cioè
  • Ogum, orisha del ferro, della guerra e della tecnologia.
  • Oxóssi, orisha della caccia e dell'abbondanza.
  • Logunedé, orisha giovane della caccia e della pesca.
  • Xangô, orisha del fuoco e del tuono, protettore della giustizia.
  • Xapanã, orisha dei dolori epidermici e delle piaghe.
  • Oxumarê, orisha della pioggia e dell'arcobaleno.
  • Ossaim, orisha delle erbe e dei segreti medicinali.
  • Oyá, orisha femminile dei venti, dei fulmini, delle tempeste e del Rio Niger.
  • Oxum, orisha femminile dei fiumi, dell'oro e dell'amore.
  • Yemaja, orisha femminile dei laghi, dei mari e della fertilità, madre degli altri orisha
  • Nanã, orisha femminile della palude e della morte, madre di Babalú Ayé, Iroko, Oxumarê, Ossaim e Yewá, orisha di origine daomeana.
  • Yewá, orisha femminile del fiume Yewa, la vergine cacciatrice.
  • Obá, orisha femminile del fiume Oba, una delle spose di Xangô.
  • Ibeji, orisha gemelli.
  • Iroko, orisha dell'albero sacro.
  • Iyami-Ajé, sacralizzazione della figura materna.
  • Onilé, orisha legato al culto della terra.
  • Obatala, il padre di quasi tutti gli orisha, creatore del mondo e dei corpi umani.
  • Ifá, portavoce di Orunmila, orisha della divinazione e del destino.
  • Odudua, padre di Oranian e degli Yoruba.
  • Oranian, figlio più giovane di Odudua.
  • Olokun, divinità del mare.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]