Mitologia aborigena australiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'essere mitologico Damarri, trasformato in una catena montuosa, giace sulla schiena sopra la Gola del Fiume Barron, all'interno del paesaggio ricco di foreste dell'Australia nordoccidentale.

I miti aborigeni australiani, noti anche come storie del Dreamtime (Tempo del sogno), Songlines (Versi dei canti o anche Vie dei canti) o letteratura orale aborigena, sono storie tradizionalmente raccontate dai popoli aborigeni all'interno di ciascuno dei gruppi linguistici dell'Australia.[1]

Tutti questi miti raccontano, in maniera diversa, verità significative all'interno del paesaggio culturale locale di ciascun gruppo aborigeno, coprendo effettivamente l'intera topografia del continente australiano con sfumature culturali e significati più profondi, e mettendo a disposizione di un pubblico selezionato la saggezza e la conoscenza accumultate dagli antenati degli aborigeni australiani da tempo immemorabile.[2]

David Horton osserva:[3]

« Una mappa mitologica dell'Australia conterrebbe migliaia di personaggi di varia importanza, ma tutti in qualche modo legati alla terra. Alcuni sono nati in luoghi specifici e sono rimasti spiritualmente legati ad essi. Altri, invece, sono nati in un luogo ma si sono poi spostati altrove. »
« Molti assumevano diverse forme: erano trasformati in esseri umani, o in animali, o in altri elementi naturali come le rocce, ma tutti lasciavano qualcosa della loro essenza spirituale nei luoghi descritti nelle loro storie. »

I miti aborigeni sono stati definiti come "al tempo stesso frammenti di un catechismo, un manuale liturgico, una storia della civiltà, un testo di geografia, e in misura molto minore, un manuale di cosmografia".[4].

Mitologia aborigena: antichità[modifica | modifica wikitesto]

Un linguista australiano, R. M. W. Dixon, registrando dei miti aborigeni nella loro lingua originale, notò delle coincidenze tra alcuni dei dettagli paesaggistici che venivano narrati all'interno di vari miti, e alcune delle scoperte scientifiche che venivano fatte sugli stessi paesaggi.[5]

Nel caso dei miti dell'Altopiano Atherton sulle origini del Lago Eacham, del Lago Barrine, e del Lago Euramo, le ricerche geologiche hanno permesso di datare le stesse esplosioni formative vulcaniche descritte dai narratori dei miti aborigeni, come occorsi più di 10.000 anni fa. Campioni di pollini fossili provenienti dai sedimenti depositatisi sul fondo di quei crateri fin dalla loro formazione hanno confermato la storia dei narratori di miti aborigeni, secondo cui a quel tempo le foreste di eucalipti dominavano al posto delle attuali foreste pluviali tropicali.[6][7]. (Vedi Lago Euramo per un sunto del mito originale, tradotto.)

Dixon ha osservato, partendo dai dati disponibili, come i miti aborigeni relativi all'origine dei Crater Lakes potessero essere datati accuratamente fino a 10.000 anni fa.[8]. Ulteriori studi su queste osservazioni da parte della Commissione per il retaggio australiano (Australian Heritage Commission) hanno permesso di includere il mito dei Crater Lakes nel registro del patrimonio nazionale.[9], e incluso tra i candidati al Patrimonio dell'umanità dell'Australia delle foreste tropicali pluviali, come un'"impareggiabile testimonianza umana di eventi risalenti al Pleistocene".[10]

Da allora Dixon ha raccolto un certo numero di esempi simili di miti aborigeni rappresentati o raccontati per tutta l'Australia descriventi accuratamente i paesaggi di un antico passato, annotando soprattutto quel gran numero di miti che parlano dei precedenti livelli del mare, compresi:[8]

  • il mito di Port Phillip raccontato a Mr Robert Russell nel 1850, che descrive la Baia di Port Phillip in passato come terraferma, e il corso dello Yarra River come un tempo diverso (che seguiva l'allora palude di Carrum Carrum) - una testimonianza orale che sarebbe stata accurata 10.000 anni fa.
  • il mito della linea costiera della Grande Barriera Corallina raccolto da Dixon stesso a Yarrabah, appena a sud di Cairns, che narra di un'antica linea costiera (poi sommersa) che stava al margine della Grande Barriera Corallina, e che dà a luoghi ora completamente sommersi nomi che derivavano da foreste e alberi che una volta vi crescevano - una testimonianza orale che sarebbe stata accurata 10.000 anni fa.
  • i miti del Lago Eyre raccolti da J.W. Gregory nel 1906 narranti dei deserti dell'Australia Centrale una volta fertili, delle pianure caratterizzate da notevoli precipitazioni e dei deserti intorno all'attuale Lago Eyre, che erano un giardino sterminato - una tradizione orale che corrisponde ai ritrovamenti geologici secondo cui il primo Olocene fu caratterizzato da una fase umida quando il Lago avrebbe avuto acque permanenti.

Mitologia aborigena: Australia intera[modifica | modifica wikitesto]

Carta geologica dell'Australia

Diversità di un continente[modifica | modifica wikitesto]

In Australia esistono 400 distinti gruppi aborigeni[11], ciascuno distinto da nomi unici molto spesso identificanti particolari lingue, dialetti o caratteristici manierismi del linguaggio,[12] ciascuno dei quali sarebbe stato utilizzato per narrare i miti originali, da cui le parole e i nomi distintivi dei miti individuali sono derivati.

Esistono così tanti e distinti gruppi, linguaggi, credi e pratiche aborigeni, che non sembra sensato tentare di caratterizzare, sotto una sola intestazione, l'intero spettro e l'intera diversità di tutti i miti variamente e continuamente narrati, sviluppati, elaborati, rappresentati e sperimentati, dai membri dei gruppi di un intero continente (vedi il collegamento esterno[13] per una mappa spaziale indicativa dei gruppi aborigeni australiani, e vedi qui per una precedente mappa di Tindale dei gruppi aborigeni.)

L'Enciclopedia dell'Australia aborigena comunque osserva: "Un aspetto intrigante [della mitologia aborigena australiana] è la mescolanza di diversità e somiglianze nei miti di tutto il continente."[3]

Una generalizzazione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

L'opuscolo del Consiglio per la riconciliazione aborigena, Comprendere il Paese, cerca in maniera formale di presentare agli Australiani non-indigeni le prospettive aborigene sull'ambiente, e fa la seguente generalizzazione sui miti e sulla mitologia aborigeni:[14]

« … essi descrivono generalmente i viaggi di esseri ancestrali, spesso animali o persone gigantesche, in quello che iniziò come un dominio senza caratteristiche. Montagne, fiumi, pozze d'acqua, specie animali o vegetali, e altre risorse naturali e culturali divennero realtà come risultato di eventi che ebbero luogo durante questi viaggi del Tempo del sogno (Dreamtime). La loro esistenza nei paesaggi attuali viene vista da molti indigeni come una conferma delle loro credenze sulla creazione. »
« … Le rotte seguite dagli Esseri Creatori nei loro viaggi del Tempo del sogno per terra e per mare… collegano molti luoghi sacri l'uno all'altro in una rete di sentieri del Tempo del sogno che attraversano in lungo e in largo il paese. I sentieri del sogno possono correre per centinaia, anche migliaia di chilometri, dal deserto alla costa [e] possono essere condivisi da persone che vivono in paesi attraverso cui i sentieri passano. »

Una generalizzazione antropologica[modifica | modifica wikitesto]

Gli antropologi australiani propensi a generalizzare suggeriscono che i miti aborigeni tuttora rappresentati in Australia dai popoli aborigeni svolgono un'importante funzione sociale tra il loro pubblico designato: giustificare l'ordinamento generalmente accettato delle loro vite quotidiane;[15] aiutare a concepire le idee degli individui; assistere per influenzare il comportamento degli altri;[16] spesso incorporando continuamente e "mitologizzando" gli attuali eventi storici nel perseguimento di questi scopi sociali in un mondo moderno altrimenti rapidamente mutevole:[17]

« È sempre integrale e comune… che la Legge (Legge Aborigena) è in qualche modo originata da popoli e da Sogni ancestrali e viene trasmessa alle generazioni successive in una linea continua. Mentre… i diritti di particolari esseri umani possono andare e venire, i sottostanti rapporti tra Sogni fondatori e certi paesaggi sono in teoria eterni… i diritti di un popolo sui luoghi sono generalmente considerati come più forti quando questo popolo gode di un rapporto di identità con uno o più Sogni di quel luogo. Si tratta di un'identità di spirito, una consustanzialità, piuttosto che una questione di pura credenza: i Sogni preesistono e persistono, mentre le loro incarnazioni umane sono temporanee.[18] »

Una generalizzazione aborigena[modifica | modifica wikitesto]

Gli antropologi aborigeni propensi a generalizzare ritengono che tutti i miti aborigeni australiani, in combinazione, reppresentino una specie di biblioteca non-scritta (orale) entro la quale i popoli aborigeni imparano qualcosa sul mondo e percepiscono una "realtà" peculiarmente aborigena dettata da concetti e valori enormemente differenti da quelli delle società occidentali.[2]

« I popoli aborigeni hanno imparato dalle loro storie che una società non deve essere centrata sull'uomo ma piuttosto centrata sulla terra, altrimenti dimenticano le loro fonti e i loro scopi… gli umani sono proni a comportamenti sfruttatori se non viene loro rammentato costantemente che essi sono interconnessi con il resto della creazione, che essi come individui sono solo temporanei nel tempo, e le generazioni passate e future devono essere incluse nella percezione dei loro scopi nella vita.[19] »
« I popoli vanno e vengono ma la Terra, e le storie sulla Terra, restano. È questa una saggezza che necessita una vita di ascolto, osservazione e sperimentazione… Esiste una profonda comprensione della natura umana e dell'ambiente… i luoghi detengono "sentimenti" che non possono essere descritti in termini fisici… sentimenti sottili che risuonano attraverso i corpi di questi popoli… È solo quando si parla e si vive con questi popoli che questi "sentimenti" possono essere realmente apprezzati. È questa… l'intangibile realtà di questi popoli.[19] »

Mitologia aborigena: miti pan-australiani[modifica | modifica wikitesto]

Serpente Arcobaleno[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Serpente Arcobaleno.
Pitone tappeto australiano, una delle forme che il personaggio del "Serpente Arcobaleno" può assumere nei miti del "Serpente Arcobaleno"

Nel 1926 un antropologo britannico specializzato in etnologia e etnografia aborigene australiane, il professor Alfred Radcliffe-Brown, notò come molti gruppi aborigeni distribuiti in tutto il territorio australiano apparivano condividere variazioni di un singolo (comune) mito, narrante di un serpente incredibilmente potente, spesso creativo, spesso pericoloso, talvolta di enormi dimensioni strettamente associato ad arcobaleni, pioggia, fiumi e pozze d'acqua profonde.[20]

Radcliffe-Brown coniò il termine "Serpente Arcobaleno" per descrivere quello che identificò come un mito comune, ricorrente, e, lavorando in tutto il continente australiano notò come il personaggio chiave questo mito (il "Serpente Arcobaleno", appunto) avesse vari nomi:[20]

Kanmare (Boulia, Queensland); Tulloun: (Mount Isa, Queensland); Andrenjinyi (Pennefather River, Queensland), Takkan (Maryborough, Queensland); Targan (Brisbane, Queensland); Kurreah (Broken Hill, Nuovo Galles del Sud);Wawi (Riverina, New South Wales), Neitee & Yeutta (Wilcannia, Nuovo Galles del Sud), Myndie (Melbourne, Victoria); Bunyip (Western Victoria); Wogal (Perth, Australia Occidentale); Wanamangura (Laverton, Australia Occidentale); Kajura (Carnarvon, Australia Occidentale); Numereji (Kakadu, Territorio Settentrionale).

Questo "Serpente Arcobaleno" viene generalmente e variamente identificato da quelli che narrano i miti del "Serpente Arcobaleno", come un serpente di dimensioni alquanto enormi, spesso abitante nelle pozze d'acqua più profonde di molti corsi d'acqua australiani; discendente da quell'enorme essere visibile nella striscia scura della Via Lattea; esso si rivela al popolo in questo mondo come un arcobaleno mentre si muove attraverso acque e pioggia, dando forma ai paesaggi, citando e cantando di luoghi, ingoiando e spesso annegando persone; potenziando i saggi con il potere di far piovere e guarire; castigando gli altri con ferite, debolezza, malattia e morte.[20]

Perfino il bunyip australiano è stato identificato come un mito del "Serpente Arcobaleno" del tipo suddescritto.[21] Il termine coniato da Radcliffe-Brown viene oggi comunemente usato ed è familiare a un ampio pubblico australiano e internazionale, poiché viene sempre più usato da agenzie governative, musei, gallerie d'arte, organizzazioni aborigene e media per fare riferimento specificatamente al mito aborigeno pan-australiano, e come un'allusione abbreviata alla mitologia aborigena australiana in generale.[22]

Capitano Cook[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi James Cook.
Statua di Cook (Greenwich, Londra)

Un certo numero di linguisti, antropologi e altri hanno documentato in maniera formale un altro mito aborigeno comune diffuso in tutta l'Australia all'interno del quale predecessori dei narratori del mito incontrano un personaggio mitico, esotico (per lo più inglese), che giunge dal mare, importando il colonialismo occidentale, o offrendo doni ai predecessori del narratore o portando loro molto dolore.[23]

Questo mitico personaggio chiave è molto spesso chiamato "Capitano Cook", essendo questo un personaggio "mitico" condiviso con la più ampia comunità australiana che attribuisce peraltro a James Cook un ruolo chiave nella colonizzazione dell'Australia.[24] Il "Capitano Cook" aborigeno viene indicato come colui il quale porta la legge britannica in Australia,[25] ma il suo arrivo non è festeggiato e, per lo più, nei racconti aborigeni, viene descritto come un malvagio.[24]

Le molte versioni aborigene di questo "Capitano Cook" sono raramente riferimenti orali ad incontri reali con il Tenente James Cook che per primo navigò e cartografò la costa orientale dell'Australia a bordo dell'HM Bark Endeavour, nel 1770. I predecessori Guugu Yimidhirr, lungo il fiume Endeavour, incontrarono il vero James Cook durante la sua permanenza di 7 settimane in quella che ora è la città di Cooktown mentre l'HM Bark Endeavour era in riparazione;[26] e dal quel momento, i Guugu Yimidhirr ricevettero i nomi attuali dei luoghi della loro terra; e i Guugu Yimmidhir possono di fatto rammentare questo incontro.

Il mito pan-australiano del Capitano Cook, tuttavia, fa riferimento ad un personaggio Britannico generico, ampiamente simbolico, che arriva di là dal mare, talvolta dopo la formazione del mondo aborigeno e dopo la fondazione di un ordine sociale aborigeno: questo Capitano Cook è un apportatore di drammatiche trasformazioni dell'ordine sociale originario, apportando cambiamenti e un ordine sociale diverso, essendo l'ordine sociale in cui gli attuali spettatori sono nati[27] (vedi sopra a proposito di questa funzione sociale svolta dai miti aborigeni).

Nel 1988, l'antropologo australiano Kenneth Maddock raccolse un certo numero di versioni di questo mito del Capitano registrate per tutta l'Australia.[28] Inclusi in questa raccolta troviamo:

  • Batemans Bay (Nuovo Galles del Sud): Percy Mumbulla raccontò del Capitano Cook che arrivava su una grande nave ancorata presso l'Isola di Snapper, dalla quale sbarcò per dare ai predecessori del narratore del mito vestiti (da indossare) e biscotti duri (da mangiare), dopodiché ritornò alla sua nave e salpò. Mumbulla raccontò come i suoi predecessori rifiutarono i doni del Capitano Cook, gettandoli in mare.[29]
  • Cardwell (Queensland): Chloe Grant e Rosie Runaway raccontarono di come il Capitano Cook ed il suo gruppo sembravano sorgere dal mare con la pelle bianca di spiriti ancestrali, ritornando dai loro discendenti. Il Capitano Cook arrivò per primo offrendo una pipa e del tabacco per fumare (che fu respinta come una "cosa che bruciava... infilata nella sua bocca"), poi bollendo un pentolino di tè (che fu respinto come "acqua sporca"), quindi cuocendo farina sul carbone (che fu rifiutata come "urina" puzzolente e gettata via senza assaggiarla), infine bollendo del manzo (che aveva un buon odore, e un sapore gradevole, una volta che la pelle salata si era tolta strofinando). Il Capitano Cook e il suo gruppo alla fine partirono, salpando verso nord, lasciando i predecessori di Chloe Grant e Rosie Runaway a battere il terreno con i pugni, terribilmente addolorati di vedere gli spiriti dei loro antenati andarsene in quel modo.[25]
  • Lato sud-orientale del Golfo di Carpentaria (Queensland): Rolly Gilbert raccontò di come il Capitano Cook e altri attraversarono gli oceani in una nave, e decisero di venire a vedere l'Australia, dove egli incontrò una coppia di predecessori di Rolly ai quali all'inizio intendeva sparare, ma invece li convinse con l'inganno a rivelare l'area principale di accampamento delle popolazioni locali, dopodiché essi:[30]
« convinsero la gente [dell'industria dell'allevamento] ad andare in campagna e ad abbattere le persone a fucilate, proprio come animali, le lasciarono stese là per i falchi e i corvi… Così molti vecchi e giovani furono colpiti alla testa con il calcio del fucile e lasciati là. Volevano che la gente fosse spazzata via perché gli Europei nel Queensland dovevano allevare il loro bestiame: cavalli e bovini. »
  • Fiume Victoria (Territorio Settentrionale): si racconta in tutta una saga del Capitano Cook che questi salpò da Londra a Sydney per conquistare terre, e ammirando il paese sbarcò manzi e uomini con armi da fuoco, dopodiché i popoli aborigeni locali nell'area di Sydney furono massacrati. Il Capitano Cook poi andò fino a Darwin, dove mandò uomini armati a cavallo a dare la caccia agli Aborigeni nella zona del fiume Victoria, fondando la città di Darwin e dando alla polizia e ai capi dei grossi allevamenti di bestiame ordini su come trattare gli Aborigeni.[31]
  • Kimberley (Austrialia Occidentale): si racconta da parte di numerosi narratori di miti aborigeni che il Capitano Cook è un eroe della cultura europea che sbarcò in Australia, e usando la polvere da sparo, creò un precedente per il trattamento dei popoli aborigeni in tutta l'Austrialia, compreso il Kimberley. Al ritorno in patria sostenne di non aver visto alcun popolo aborigeno, suggerendo che il paese era una terra vasta e vuota che i coloni potevano occupare e reclamare per sé. In questo mito, il Capitano Cook introdusse la "Legge di Cook", sulla quale fanno affidamento i coloni, notando, tuttavia, che questa è una legge recente, ingiusta e falsa paragonata alla legge aborigena.[32]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Horton ,  Oral Literature
  2. ^ a b H. Fourmile, S. Shneider, A. Smith ,  An Approach to Ensure Continuity and Transmissioorn of the Rainforest Peoples' Oral Tradition
  3. ^ a b David Horton ,  Mythology
  4. ^ Van Gennep, A (1906)
  5. ^ Dixon, R.M.W. (1972) The Dyirbal Language of North Queensland. Cambridge: Cambridge University Press. Page 29
  6. ^ Dixon, R.M.W (1996)
  7. ^ Ngadjon jii - Earthwatch Web Page
  8. ^ a b Dixon,R.M.W. (1996)
  9. ^ Register of the National Estate listing for Queensland's wet tropical forests
  10. ^ citato in PANNELL, S (2006) Reconciling Nature and Culture in a Global Context: Lessons form the World Heritage List[1]. James Cook University, Cairns. Pagina 11
  11. ^ Horton, David (1994) Enciclopedia dell'Australia aborigena
  12. ^ Donaldson, T. J. (1994) "Tribal Names" Horton, David (1994)
  13. ^ qui
  14. ^ Smyth, Dermot (1994) Understanding Country: The Importance of Land and Sea in Aboriginal and Torres Strait Islander Societies. Council for Aboriginal Reconciliation's Key Issue Paper 1. Australian Government Publishing Service. Canberra. Pagine 3, 6.
  15. ^ Beckett, J. (1994) Pagine 97-115
  16. ^ Watson, M (1994) "Storytelling" in Horton, David (1994) The Encyclopedia of Aboriginal Australia: Aboriginal and Torres Strait Islander History, Society, and Culture Aboriginal Studies Press. Canberra.
  17. ^ Dixon, R. M. W. (1996)
  18. ^ Sutton, Peter (2003) Native Title in Australia: An Ethnographic Perspective. Cambridge University Press, Cambridge. Pagine 113, 117.
  19. ^ a b Morris, C. (1995). Pagina 71.
  20. ^ a b c Radcliffe-Brown, A.R. (1926). Pagine 19-25.
  21. ^ Radcliffe-Brown (1926). Pagina 22.
  22. ^ Serpente Arcobaleno#Link esterni.
  23. ^ Maddock, K. (1988). p. 20.
  24. ^ a b Maddock (1988). p. 27.
  25. ^ a b Dixon, R.M.W. (1983). pp. 1-3
  26. ^ Hough, Richard. (1994). Captain James Cook: a biography, pp. 150-155. Hodder and Stoughton, Londra. ISBN 0-340-58598-6.
  27. ^ Maddock, K. (1988). p. 27.
  28. ^ Maddock, K. (1988). pp. 13-19.
  29. ^ La fonte citata è Robinson, Roland (1970). Alteringa and Other Aboriginal Poems. A.H. e A.W. Reed. Sydney. pp. 29-30.
  30. ^ Citato in Maddock, K. (1988). p. 17.
  31. ^ La fonte citata è Rose, Deborah (1984). "The Saga of Captain Cook: Morality in Aboriginal and European Law". Australian Aboriginal Studies, Volume 2. pp. 24-39.
  32. ^ La fonte citata è Kolig, Erich (1980). "Captain Cook in the Kimberley's" in Berndt, R.M. & Berndt, C.H. (a cura di). Aborigines if the West: Their Past and Their Present. University of Western Australia Press. St Lucia. pp. 23-27.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Fourmile, S. Shneider, A. Smith, An Identification of Problems and Potential for Future Rainforest Aboriginal Cultural Survival and Self-Determination in the Wet Tropics, Cairns, Australia, Centre for Aboriginal and Torres Strait Islander Participation Research and Development, 1995.
  • Beckett, J. (1994). “Aboriginal Histories, Aboriginal Myths: an Introduction.” Oceania Volume 65. pp. 97–115.
  • Berndt, R. M. & Berndt, C. H. (1989). The Speaking Land. Penguin. Melbourne.
  • Cowan, James (1994). Myths of the dreaming: interpreting Aboriginal legends. Unity Press. Roseville, N.S.W.
  • Dixon, R. M. W. (1996) “Origin legends and linguistic relationships.” Oceania.. Volume 67. Numero 2. pp. 127–140.
  • Elkin, A. P. (1938). Studies in Australian Totemism. Oceania Monography No. 2. Sydney.
  • Haviland, John B., with Hart, Roger. 1998. Old Man Fog and the Last Aborigines of Barrow Point. Crawford House Publishing, Bathurst. ISBN 1-86333-169-7.
  • Hiatt, L. (1975). Australian Aboriginal Mythology: Essays in Honour of W.E.H Stanner. Australian Institute of Aboriginal Studies. Canberra.
  • David Horton, Encyclopaedia of Aboriginal Australia, Canberra, Aboriginal Studies Press, 1994, ISBN 0-85575-234-3.
  • Isaacs, J. (1980). Australian Dreaming: 40,000 Years of Aboriginal History. Lansdowne Press, Sydney, ISBN 0-7018-1330-X.
  • Koepping, Klaus-Peter (1981). "Religion in Aboriginal Australia" Religion Volume 11. pp. 367–391.
  • Lawlor, Robert (1991). Voices Of The First Day: Awakening in the Aboriginal dreamtime. Inner Traditions International, Ltd. Rochester, Vermont. ISBN 0-89281-355-5
  • Maddock, K. (1988). “Myth, History and a Sense of Oneself.” In Beckett, J. R. (ed) Past and Present: The Construction of Aboriginality. Aboriginal Studies Press. Canberra. Pages 11–30. ISBN 0-85575-190-8.
  • Morphy, H. (1992). Ancestral Connections.. University of Chicago Press. Chicago.
  • Mountford, C.P. (1985). The Dreamtime Book: Australian Aboriginal Myths Louis Braille Productions.
  • Pohlner, Peter. 1986. gangarru. Hopevale Mission Board, Milton, Queensland. ISBN 1-86252-311-8.
  • Radcliffe-Brown, A.R. (1926) "The Rainbow-Serpent Myth of Australia." The Journal of the Royal Anthropological Institute of Great Britain and Ireland. Volume 56. pp. 19–25.
  • Roth, W.E. 1897. The Queensland Aborigines. 3 Vols. Reprint: Facsimile Edition, Hesperian Press, Victoria Park, W.A., 1984. ISBN 0-85905-054-8.
  • Rumsey, Allen (1994). “The Dreaming, human agency and inscriptive practice”. Oceania. Volume 65, Numero 2. pp. 116–128.
  • Smith, W. Ramsay (1932). Myths and Legends of the Australian Aborigines. Farrar & Rinehart, New York, reprinted by Dover, 2003, excerpts available on Google Books. ISBN 0-486-42709-9.
  • Sutton, P. (1988). “Myth as History, History as Myth”. In Keen, I (ed.) Being Black: Aboriginal Cultures in 'Settled' Australia. Aboriginal Studies Press. Canberra. pp. 251–68.
  • Stanner, W.E.H. (1966). "On aboriginal religion", Oceania Monograph No. 11. Sydney.
  • Van Gennep, A. (1906). Mythes et Legendes d'Australie. Parigi.
  • Yengoyan, Aram A. (1979). "Economy, Society, and Myth in Aboriginal Australia". Annual Review of Anthropology. Volume 8. pp. 393–415.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]