Miskatonic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Miskatonic è un fiume immaginario del New England, scaturito dalla fantasia dello scrittore H. P. Lovecraft. Nella finzione letteraria lovecraftiana il fiume attraversa la città di Arkham, che sorge nel Massachusetts, e dà il nome all'omonima valle[1]. Questo fiume viene citato per la prima volta nel racconto intitolato L'immagine nella casa (1920).

L'immaginario Massachussets lovecraftiano. Nel riquadro è indicato il corso del fiume Miskatonic

In base agli scritti di Lovecraft risulta che le comunità di Arkham e Dunwich si sono sviluppate lungo il corso di questo fiume. La cittadina portuale di Kingsport sorge invece a poca distanza dall'estuario del fiume. L'università di Arkham, nota come "Miskatonic University", deve il suo nome proprio al corso d'acqua.

In Il colore venuto dallo spazio (1927), l'autore afferma che:

c'è un isolotto lungo il Miskatonic, in cui il diavolo possiede un terreno proprio a fianco di uno strano altare di pietra, più antico dei nativi americani.

L'isolotto, disabitato, pare sia luogo di cerimonie di cui sarebbe empio anche il solo sospettare l'esistenza[2].

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

Il Miskatonic si snoda da ovest e est attraverso il Massachusetts. La sorgente del fiume è nelle colline a est di Dunwich, al confine col New Hampshire. Il Miskatonic sfocia nel mare due miglia a est di Kingsport, altra città immaginaria dell'universo lovecraftiano. Le acque del fiume pare siano fangose[3].

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una lettera di Lovecraft ad August Derleth[4] ha ideato il nome Miskatonic mescolando alcuni termini della lingua delle tribù algonchine. Anthony Pearsall crede che Lovecraft abbia copiato il nome dal fiume Housatonic, che si estende tra il Massachusetts e il Connecticut.

Daniel Harms suggerisce che Miskatonic derivi da "Misqat", una tribù che discende dai nativi americani del Massachusetts.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Dream World of H. P. Lovecraft: His Life, His Demons, His Universe di Donald Tyson, pag. 123, su Google Libri
  2. ^ Manuale dei luoghi fantastici di Gianni Guadalupi e Alberto Miguel, Rizzoli, 1982, voce Arkham
  3. ^ Manuale dei luoghi fantastici di Gianni Guadalupi e Alberto Miguel, Rizzoli, 1982, voce Arkham
  4. ^ 6 novembre 1931, in Lettere dall'altrove - Epistolario 1915-1937, Mondadori, 1993

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]