Mirko Andreoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mirko Andreoli detto Spumino (Sorbolo, 1923[1]Reggio nell'Emilia, 9 febbraio 1945) è stato un partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Coenzo[2], frazione di Sorbolo (Parma), nel 1943 entrò a far parte dei gruppi partigiani della zona parmense; in breve tempo fu a capo del distaccamento Buraldi della 47ª Brigata Garibaldi[2]. Nel 1945 fu catturato dai fascisti nella zona di Reggio Emilia; venne poi torturato e ucciso, e il suo corpo fu abbandonato lungo la via Emilia[3].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Nel 1994 fu decorato al valor militare alla memoria, con decreto del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro[3].

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Appena ventenne, sospinto da acceso spirito di rivolta contro l’oppressore, entrava tra i primi nelle formazioni partigiane parmensi, subito emergendo per capacità organizzativa ed eccezionale coraggio. Comandante di uno dei più agguerriti distaccamenti della 47’ Brigata Garibaldi, trascinava i suoi uomini in molteplici combattimenti. Catturato in una imboscata e tradotto a Ciano d’Enza, centro di martirio per molti partigiani, veniva riconosciuto dal nemico e sottoposto a indicibili torture. Pur martoriato, manteneva un fiero e sprezzante contegno verso i suoi aguzzini che, furenti del suo nobile silenzio, lo assassinavano e abbandonavano il corpo nel mezzo della via Emilia. Luminoso esempio di virtù militari e civili, è ricordato come un faro della resistenza parmense per le future generazioni.»
— Villa Cadé, 9 febbraio 1945[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Secondo P. Tomasi (in Gazzetta di Parma 27 ottobre 1995, p. 12) sarebbe nato il 14 ottobre 1921
  2. ^ a b P. Tomasi, Gazzetta di Parma 27 ottobre 1995, p. 12 in Dizionario biografico: Anceo-Arzio, parmaelasuastoria.it. URL consultato il 13 novembre 2012.
  3. ^ a b Biografia: Mirko Andreoli, Associazione Nazionale Partigiani d'Italia. URL consultato il 13 novembre 2012.
  4. ^ Andreoli Mirko - Medaglia d'oro al valor militare, Presidenza della Repubblica. URL consultato il 13 novembre 2012.