Miologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Studio di Leonardo da Vinci dei muscoli della spalla.

In anatomia, con il termine miologia (dal latino myos, "muscolo" e logia, "trattato"[1]) si indica lo studio sui muscoli, degli organi di inserzione (tendini e aponeurosi) e dei tessuti muscolari.

In particolare la miologia si occupa della classificazione dei muscoli, che viene svolta in base a:[2]

Tessuto muscolare striato in sezione trasversale.

La classificazione dei muscoli in "volontari" e "involontari" è strettamente connessa alla tipologia del tessuto muscolare: le fibre muscolari infatti sono in genere "striate" nei muscoli volontari e "lisce" nei muscoli involontari. Il tessuto muscolare cardiaco fa invece eccezione: sebbene sia costituito da fibre muscolari striate è costituito da muscoli involontari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Etimologia : miologia
  2. ^ Anatomia artistica/Miologia | il glossario di Kebheka

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vincenzo Virno, "Miologia. Parte prima", Delfino Antonio Editore, 2008. ISBN 887287386X
  • Robert Barone, "Anatomia comparata dei mammiferi domestici. Vol. 2/2: Miologia", Il Sole 24 Ore Edagricole, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia