Minox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Minox
Logo
Stato Germania Germania
Tipo GmbH
Fondazione 1937 a Riga (Lettonia), dal 1948 Wetzlar (Germania)
Fondata da Walter Zapp
Sede principale Wetzlar
Settore Fotografia e ottica
Prodotti Apparecchiature ottiche e fotografiche
Sito web www.minox.de

Minox è un'azienda che produce macchine fotografiche, famosa per l'omonima fotocamera miniaturizzata, nota anche come "spy camera", ideata nel 1922 e creata nel 1936 da Walter Zapp (1905 - 2003).[1] La Minox, fabbricata a Riga, in Lettonia, dal 1937 al 1943, dopo la seconda guerra mondiale, dal 1948, fu prodotta in Germania. Negli anni settanta la casa produttrice adottò anche i formati 110 e 135. La produzione di apparecchiature fotografiche e ottiche continua tuttora.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Minox Riga

Il prototipo della Minox, la famosa UR, fu realizzata nel 1936 da Walter Zapp, un tedesco del Baltico nato nel 1905 a Riga, allora parte dell'Impero russo. L'idea era di creare una macchina fotografica di dimensioni molto ridotte, ma di elevata qualità tecnica.

La produzione iniziò nel 1937 a Riga, presso la VEF (Valsts Elektrotehniskā Fabrika), e proseguì fino al 1943. Minox è stato brevettato in tutto il mondo da VEF.[2] Dal 1948 la Minox fu prodotta a Wetzlar, in Germania, dove è fabbricata attualmente.

Questo piccolo gioiello meccanico non interessò soltanto i fotoamatori, ma anche le agenzie e i film di spionaggio,[3] grazie all'ingombro ridotto e alla possibilità di riprese ravvicinate.

L'azienda fu acquistata dalla Leica nel 1996, ma successivamente tornò indipendente grazie a un management buyout.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

La Minox nasce con alcune caratteristiche fondamentali, che rimangono sostanzialmente invariate nel tempo. La macchina ha un sistema di apertura telescopico e, quando è chiusa, nasconde obiettivo e mirino, quest'ultimo con correzione automatica della parallasse. Le dimensioni (misurate ciascuna in mm) sono 80 × 27 × 16 e il peso è 130 g.

Utilizza una pellicola larga 9,2 mm, con un fotogramma di mm × 11 mm. Il caricatore ha inizialmente una capacità di 50 fotogrammi, successivamente portati a 36 o 15.

L'obiettivo ha una lunghezza focale di 15 mm e una luminosità f/3,5, e consente riprese ravvicinate fino a 20 cm. I tempi dell'otturatore meccanico, a tendine metalliche, vanno da 1/2 a 1/1000 di secondo, più le pose B e T.

Successivamente l'otturatore diventa elettromagnetico, viene aggiunto l'esposimetro, prima al selenio poi al solfuro di cadmio, e si rende necessaria una batteria.

I modelli[modifica | modifica sorgente]

Formato 8 × 11[modifica | modifica sorgente]

Minox A IIIs
Minox EC

Formato 24 × 36[modifica | modifica sorgente]

Minox 35 GT

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel 1976 fu realizzato il modello 110S, essendo il formato 110 allora di moda: fu l'unica fotocamera dotata di telemetro fabbricata da Minox.

La produzione attuale[modifica | modifica sorgente]

Minox DSC, "spy camera" digitale

La Minox produce attualmente apparecchiature ottiche e macchine fotografiche di diversi tipi: compatte analogiche e digitali, "spy cameras" sia tradizionali che digitali e miniature di fotocamere d'epoca.

Oltre a numerosi accessori, la produzione comprende anche una penna fotografica digitale e un lettore multimediale, denominato "Multimedia-Player".

Minox Classic Collection[modifica | modifica sorgente]

La Minox ha realizzato una serie di riproduzioni in miniatura di famose macchine fotografiche, tra cui: Leica IIIf, Leica M3, Contax I, Rolleiflex e Hasselblad SWC. Gli apparecchi funzionano come normali fotocamere digitali.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The Development of Visible Innovation URL consultato il 4 gennaio 2014
  2. ^ (EN) Pēteris Skorovs, Minox Patents in Historical patents. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  3. ^ a b (EN) Minox 8×11 Variations. URL consultato il 4 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Claudio Russo, Fotoguida Minox, Cesco Ciapanna Editore, 1982
  • Hubert E. Heckmann, Variations in 8x11, Wittig Books, 1995
  • D. Scott Young, Minox: Marvel in Minature, Authorhouse, 2000
  • Morris Moses, John Wade, Spycamera: The Minox Story, Hove Books, 2003
  • Walter Zapp, The Minox is my life, Minox, 1998, (Video)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

fotografia Portale Fotografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fotografia