Ministero degli esteri dell'Impero austro-ungarico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ministero degli Esteri dell'Impero austro-ungarico
Wappen Österreich-Ungarn 1916 (Klein).png
CIMG2973 bkanzleramt wien.jpg
Il Palazzo del Ministero degli Esteri a Vienna
Nome originale: K.u.k. Ministerium des Äußern
Istituzione: 21 dicembre 1867
Istituito da: Francesco Giuseppe d'Austria
Primo capo: Friedrich Ferdinand von Beust
Soppressione: 1918
Soppresso da: Carlo I d'Austria
Ultimo capo: Julius Andrássy von Csíkszentkirály und Krasznahorka
Sede: Palazzo del Ministero della Guerra, Ballhausplatz, Vienna, Austria

L'Imperiale e Reale Ministero degli Esteri dell'Impero d'Austria-Ungheria (Kaiserliche und Königliche Ministerium des Äußern vom Osterreiche-Hungherische Kaisertum) fu uno dei ministeri istituiti dall'Impero Austro-Ungarico. Esso rimase attivo dalla fondazione della nuova monarchia nel 1867 sino al 1918 quando crollò l'Impero stesso.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il ministero degli esteri austro.ungarico era uno dei tre ministeri comuni (kaiserlich und königlich, spesso abbreviato in k.u.k.) creato dall'Ausgleich del 1867, assieme a quello della Guerra ed a quello delle Finanze al fine di affrontare aspetti di medesimo piano per la monarchia duale, come ad esempio la politica estera.

Il quartier generale venne originariamente posto nel palazzo barocco denominato Geheime Hofkanzlei al n.2 della Ballhausplatz di Vienna anche se poi venne spostato alla Hofburg. La struttura venne eretta nel 1919 su progetto di Johann Lukas von Hildebrandt. La parola Ballhausplatz veniva all'epoca utilizzata come metonimia per il ministero stesso come oggi si fa per Downing Street nel Regno Unito.

Il ministero era guidato da un ministro degli esteri direttamente nominato dall'Imperatore e che era anche membro del Consiglio della Corona, il più alto organo di governo della monarchia austriaca. Direttamente sottoposto al ministro vi era un Sottosegretario che era deputato al ministero ed agli affari amministrativi. Sotto di questo si trovava un Capo di sezione che si occupava dei dipartimenti politici del ministero.[1]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ William D. Godsey, Aristocratic Redoubt: The Austro-Hungarian Foreign Office on the Eve of the First World War, West Lafayette, Purdue University Press, 1999, p. 11ff.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William D. Godsey, Aristocratic Redoubt: The Austro-Hungarian Foreign Office on the Eve of the First World War, West Lafayette, Purdue University Press, 1999.
  • Jahrbuch des k.u.k. Auswärtigen Dienstes, 22 vols., Vienna, K.K. Hof- und Staatsdruckerei, 1897–1918.
  • Erwin Matsch, Geschichte des Auswärtigen Dienstes von Österreich-Ungarn 1720-1920, Vienna, Böhlau, 1980.
  • Erwin Matsch, Der Auswärtige Dienst von Österreich-Ungarn 1720-1920, Vienna, Böhlau, 1986.