Military Cross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Military Cross
Military Cross.jpg
Flag of the United Kingdom.svg
Regno Unito
Tipo Decorazione militare
Status attivo
Capo Elisabetta II del Regno Unito
Istituzione Londra, 28 dicembre 1914
Prodotta da varie ditte
Modellista vari
Diametro 46 mm altezza - 44 mm larghezza
Gradi croce (classe unica)
Military cross BAR.svg
Nastro della medaglia.

La Military Cross (MC) o Croce Militare è il terzo livello di decorazione militare assegnato agli ufficiali e, dal 1993, anche a sottufficiali e truppa dell'esercito britannico. In precedenza veniva assegnata anche ad ufficiali di altri paesi del Commonwealth. La decorazione fu assegnata anche all'aviatore italiano Francesco Baracca.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'onorificenza venne creata nel 1914 per ricompensare quegli ufficiali sino al grado di capitano compreso che si fossero distinti in particolari azioni sul campo. Nel 1931 la croce venne estesa anche ai gradi più alti sino a quello di maggiore e venne concessa anche ai membri della Royal Air Force per atti di valore a terra.

Insegne[modifica | modifica sorgente]

  • la medaglia è composta di una croce in argento di 46 mm di altezza per 44 di larghezza, ornata, avente le quattro braccia terminanti con una corona imperiale inglese. Il centro è decorato con le cifre reali del monarca regnante al momento del conferimento. Il retro è piano, ma dal 1938 vi viene inciso il nome dell'insignito sul braccio orizzontale.
  • il nastro è bianco con una striscia viola al centro. Sul nastro possono essere apposte delle rose Tudor bianche in numero di una alla seconda concessione e due dopo la terza concessione compresa della medaglia.

Gradi[modifica | modifica sorgente]

Nastri
Military cross BAR.svg
1° conferimento
Military cross w bar BAR.svg
2° conferimento
Military cross w 2bars BAR.svg
3° conferimento e oltre

Sulla decorazione sono ammesse anche delle barrette sulle quali possono essere riportati gli atti di coraggio e galanteria compiuti dal ricevente.

Insigniti notabili[modifica | modifica sorgente]

Tra gli insigniti troviamo anche alcuni italiani:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mackay, J and Mussel, J (eds) - Medals Yearbook - 2005, (2004), Token Publishing.