Mileva Marić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mileva Einstein

Mileva Einstein, nata Marić - Милева Марић (Titel, 19 dicembre 1875Zurigo, 4 agosto 1948), è stata una scienziata serba compagna di studi di Albert Einstein, di cui divenne anche prima moglie.

Dal 1990 si è aperta la discussione sulla sua partecipazione ai lavori sulla relatività di Einstein.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Mileva Maric nasce a Titel da una famiglia possidente. Terza di cinque figli, ma in pratica fu la primogenita visto che i due fratelli maggiori morirono in tenera età, nacque con un difetto congenito all'anca sinistra che la fece zoppicare tutta la vita. Tra il 1886 e il 1887 frequenta il liceo di Novi Sad dove rivela spiccate capacità nello studio della matematica e delle scienze. Il padre la incoraggia permettendole di frequentare nel 1888 il liceo a Mitrovica presso Ruma, una scuola dotata di laboratori di chimica e fisica dove il suo talento può liberamente esprimersi.

Per proseguire gli studi è costretta a recarsi in Svizzera, poiché le università dell'Impero austro-ungarico erano interdette alle donne.

La vita con Einstein[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1896, si iscrive a medicina all'Eidgenössische Technische Hochschule di Zurigo (ETHZ). È la quinta donna a essere ammessa nella storia del Politecnico di Zurigo, l'unica donna in corso del suo anno. Dopo poco tempo conosce Albert Einstein e si trasferisce alla stessa facoltà da lui frequentata. Ne diverrà la compagna.

Rimane incinta, ma, a causa del rifiuto dei genitori di Einstein nei riguardi di una donna non ebrea, Mileva è costretta a partorire di nascosto e ad affidare la figlia Lieserl a una nutrice. Non si sa se la bambina sia morta di scarlattina o venne affidata in adozione dalla nutrice che ne fece perdere le tracce ai genitori. In ogni caso, per il dispiacere Mileva non portò a termine i suoi studi.

Si sposano nel 1903 alla morte del padre di Albert. Ebbero altri due figli: il 14 maggio 1904 Hans Albert e il 28 luglio 1910 Eduard, che si ammalò di schizofrenia.

La separazione[modifica | modifica wikitesto]

Si separano nel 1914, lei resta a Zurigo con i figli, lui parte per Berlino. Il 14 febbraio 1919 divorziano.

È stato proposto[1] senza prova convincente[2] che Mileva abbia avuto un ruolo nella elaborazione della teoria della relatività ristretta. Di questo non solo non c'è prova ma Mileva non viene nominata né come coautrice né come collaboratrice nel lavoro dello scienziato, che si limitò a donarle il ricavato del premio Nobel vinto nel 1921. Da allora Albert si disinteressò totalmente dei figli. Uno di essi, Hans Albert, disse che sua madre abbandonò le proprie ambizioni scientifiche subito dopo essersi sposata[3]. La stessa Marić non ha mai preteso di aver avuto alcun ruolo nel lavoro scientifico di Einstein.[4]

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Mileva muore all'età di 72 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albert Einstein il millntatore
  2. ^ Silvio Bergia, Einstein: quanti e relatività, una svolta nella fisica teorica", p.9, collana "I grandi della scienza" n.6, dicembre 1998, edizioni "Le Scienze S.p.A."
  3. ^ G.J. Whitrow (ed.)(1967), Einstein: The man and his achievements, p.19.
  4. ^ http://philoscience.unibe.ch/lehre/winter99/einstein/Stachel1966.pdf; Popović, M. (ed.) (2003). In Albert's Shadow: The Life and Letters of Mileva Marić, Einstein's First Wife.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 7408788 LCCN: n85163829

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie