Milan Rastislav Štefánik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Milan Rastislav Štefánik

Milan Rastislav Štefánik (Košariská, 21 luglio 1880Ivanka pri Dunaji, 4 maggio 1919) è stato un politico slovacco, uno degli artefici - sul piano sia militare sia diplomatico - della Cecoslovacchia indipendente nel 1918. Figura estremamente poliedrica, fu, oltre che diplomatico e Generale dell'esercito francese, astronomo, Ministro della guerra e umanista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Insieme a Masaryk è considerato uno dei padri fondatori della Cecoslovacchia. In contatto con gli ambienti diplomatici francesi ha organizzato in Francia le legioni straniere, formate da cechi e slovacchi che hanno combattuto per l'indipendenza dall'Austria-Ungheria. Morì tragicamente in un incidente aereo, a bordo di un Caproni Ca.33, rientrando dall'Italia. In verità si trattò purtroppo non di un incidente, ma di un vero e proprio attentato, studiato nei minimi particolari e nel quale non fu fatta mai luce. Anche se sporadici e deboli tentativi vennero espletate dalle Autorità d'Italia,anche per la tragica morte di alcuni soldati italiani presenti sul veivolo, ma furono consapevolmente deviate, minimizzate ed affossate dalle Autorità Cecoslovacche, con l'ausilio dei Servizi Segreti. Si presume a fin di logica e con l'intervento di varie testimonianze, seppur frammentarie, che gli iteressi italiani andavano contro quelli francesi e che l'allora Governo avesse preferito di gran lunga un'influenza francese a discapito di quella italiana. Questo comportamento non sarebbe sicuramente stato gradito a Štefánik che voleva una posizione paritaria, seppur tendenzialmente più italiana.

Alla sua memoria sono stati intitolati l'Osservatorio astronomico di Praga e l'Aeroporto di Bratislava.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24651925 LCCN: n82053175