Mikoyan-Gurevich I-270

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mikoyan-Gurevich I-270
modello in scala dell'I-270
modello in scala dell'I-270
Descrizione
Tipo caccia intercettore
Equipaggio 1
Progettista URSS OKB 155 Mikoyan Gurevich
Costruttore URSS OKB 155 Mikoyan Gurevich
Data ordine 26 febbraio 1946[1]
Data primo volo 3 febbraio 1947[1]
Utilizzatore principale URSS VVS
Esemplari 2
Sviluppato dal Messerschmitt Me 263
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 8,77 m
Apertura alare 7,75 m
Altezza 2,80 m
Superficie alare 12,0
Peso a vuoto 1 893 kg
Peso max al decollo 4 120 kg
Capacità combustibile 2 120 kg
Propulsione
Motore un razzo Dushkin-Glushko RD-2M-3V
Spinta 14,2 KN (1 450 kg)
Prestazioni
Velocità max 1 000 km/h (al suolo)
936 km/h in quota
Velocità di salita 70,3 m/s
Autonomia 9 min
Tangenza 17 000 m
Armamento
Cannoni 2 Nudelman-Suranov NS-23 calibro 23 mm

i dati sono estratti da Уголок неба[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Mikoyan-Gurevich I-270 (in cirillico Микояна и Гуревича И-270) era un prototipo di caccia intercettore monomotore a razzo ad ala dritta progettato dall'OKB 155 diretto da Artëm Ivanovič Mikojan e Michail Iosifovič Gurevič e sviluppato in Unione Sovietica negli anni quaranta.

Tra i primi caccia sovietici dotati di propulsione a razzo, venne progettato sulla base delle analisi compiute sui Messerschmitt Me 262 e Junkers Ju 248 di produzione tedesca e soprattutto del Messerschmitt Me.163 catturati durante le ultime fasi della seconda guerra mondiale, e sullo studio degli schemi del Walter HWK 109-509.

Dotato di cabina pressurizzata, doveva ricoprire il ruolo di intercettore ma la limitata autonomia, lo sviluppo della nuova tecnologia dei motori a reazione, gli incidenti che comportarono la distruzione dei due prototipi costruiti, lo sviluppo di razzi antiaerei portarono alla cancellazione del progetto.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

URSS URSS

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c И-270 in Уголок неба

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Yefim Gordon, Bill Gunston. Soviet X plane (in inglese). Midland Pub Ltd, Leicester (2001) ISBN 1-85780-099-0
  • Yefim Gordon, Bill Gunston. MiG Aircraft since 1937 (in inglese). London: "Putnam Aeronautical Books", 1998. — P.45-47. — ISBN 0-85177-884-4
  • Беляков Р.А., Мармен Ж. Самолёты "МиГ" 1939-1995 (in russo). Москва: АВИКО ПРЕСС, 1996. — С.56-72. — ISBN 5-86309-033-2.
  • Валерий Багратинов. Крылья России (in russo). Москва: "Эксмо", 2005. — С.629-630. — ISBN 5-699-13732-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]