Mikołaj Radomski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mikołaj Radomski, citato anche come Mikołaj z Radomia e Nicolaus de Radom (Radom, 1400 circa – Cracovia, 1450 circa), è stato un compositore polacco, attivo agli inizi del XV secolo, operò presso la corte di Jogaila e compose musica polifonica rinomata per la sua espressività e religiosa contemplazione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A proposito della vita di Radomski si sa soltanto che fu alla corte di Cracovia dove operò come strumentista.

Solo un Magnificat e un mottetto, Et in terra e Patrem sono giunti a noi e risultano scritti sotto l'influenza dello stile italiano del Quattrocento.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mirosław Perz, The structure of the lost manuscript from the National Library in Warsaw, No. 378 (WarN 378). Chloe. Beihefte zum Daphnis. Bd 21. From Ciconia to Sweelinck. Ed. by A. Clement and E. Jas. Edit. Rodopi B.V. Amstersdam
  • Mirosław Perz, Mikołaj Radomski, Polski Słownik Biograficzny, tom XXIX, 1986, s. 737-739
  • Mirosław Perz, Kontrafaktury ballad w rękopisie Krasińskich nr 52 (PL-Wn8054). Muzyka, Warsaw 1992 nr 4
  • J. R. Wojcik, Nicola Radomski primo compositore polifonico polacco, Roma,Pontificio Istituto di Musica Sacra, 1956
  • Henri Musielak, W poszukiwaniu materiałów do biografii Mikołaja z Radomia, Muzyka, t. XVIII, Warsaw 1973, nr 1 (68)