Miguel Veloso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miguel Veloso
Miguel Veloso 20120609.jpg
Miguel Veloso con la maglia della Nazionale portoghese
Dati biografici
Nome Miguel Luis Pinto Veloso
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 180 cm
Peso 79 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Dinamo Kiev Dinamo Kiev
Carriera
Giovanili
1999-2001
2001-2005
Clube AC Clube AC
Sporting CP Sporting CP
Squadre di club1
2005-2006 Olivais e M. Olivais e M. 28 (7)
2006-2010 Sporting CP Sporting CP 98 (4)
2010-2012 Genoa Genoa 49 (2)
2012- Dinamo Kiev Dinamo Kiev 29 (2)
Nazionale
2006-2008
2007-
Portogallo Portogallo U-21
Portogallo Portogallo
10 (1)
40 (2)
Palmarès
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Bronzo Polonia-Ucraina 2012
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2013

Miguel Veloso, nome completo Miguel Luis Pinto Veloso (Coimbra, 11 maggio 1986), è un calciatore portoghese, centrocampista della Dinamo Kiev e della Nazionale portoghese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È figlio dell'ex calciatore António.[1]

È sposato con Paola Preziosi, figlia di Enrico Preziosi presidente e proprietario della squadra di calcio italiano del Genoa.[2]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

In Portogallo[modifica | modifica sorgente]

Comincia la sua carriera calcistica con il Clube Atlético e Cultural, una società giovanile di Lisbona.

Nel 2000, quattordicenne, si trasferisce allo Sporting Lisbona; con la squadra giovanile guidata da Paulo Bento vince il campionato nazionale di categoria nella stagione 2004-2005.

Nel 2005, divenuto professionista, viene girato in prestito all'Olivais e Moscavide, squadra di terza serie portoghese, con la quale colleziona 28 presenze e 7 reti in campionato.

Nel 2006 viene richiamato allo Sporting da Paulo Bento, divenuto nel frattempo l'allenatore della prima squadra. Nella stagione 2006-2007 è spesso titolare in difesa,[senza fonte] mentre a partire dall'annata seguente va a formare la coppia del centrocampo bianco-verde insieme a João Moutinho.

Genoa[modifica | modifica sorgente]

Il 30 luglio 2010 lo Sporting Lisbona, attraverso il proprio sito ufficiale,[3] ne comunica la cessione al Genoa in cambio di Alberto Zapater (valutato 2 milioni di euro) più un conguaglio economico di 9 milioni;[4] il calciatore portoghese firma un contratto da 1,5 milioni di euro a stagione[5] e sceglie la maglia numero 42. Il 27 febbraio 2011, durante la partita di Serie A contro il Catania, sbaglia un calcio di rigore che poteva risultare il suo primo gol nella massima serie.[6][7] Il 20 marzo seguente, durante la partita giocata allo Stadio Dall'Ara contro il Bologna, è costretto al cambio[8] e ad un periodo di stop di circa un mese e mezzo. Torna in panchina l'8 maggio 2011, in occasione del derby contro la Sampdoria vinto per 2 a 1 dal grifone.[9] Torna in campo, invece, il 14 maggio seguente, durante la penultima giornata di campionato giocata allo Stadio Olimpico di Roma contro la Lazio (4-2), subentrando nel corso del secondo tempo.[10] Termina la stagione 2010-2011 con 22 presenze, di cui 20 in campionato e 2 in Coppa Italia.

L'11 settembre 2011, durante la seconda giornata del campionato 2011-2012 (prima partita effettiva a causa dello sciopero indetto dall'AIC) giocata contro l'Atalanta e terminata sul punteggio di 2-2, segna il suo primo gol in Serie A.[11][12] In totale, in questa stagione, disputa 29 partite in Serie A ed altre 2 in Coppa Italia, segnando 2 reti.

Dinamo Kiev[modifica | modifica sorgente]

Il 4 luglio 2012, tramite un comunicato ufficiale apparso sul proprio sito, la Dinamo Kiev annuncia l'acquisizione di Miguel Veloso per 7 milioni di euro più 1,5 milioni di bonus. Il calciatore portoghese firma un contratto quadriennale fino al 30 giugno 2016 con la società ucraina.[13]

Il 18 settembre segna la prima rete con la maglia della Dinamo nella prima partita del gruppo A di Champions League persa dalla squadra ucraina per 4-1 al Parco dei Principi contro i padroni di casa del Paris Saint-Germain. Tre settimane dopo, il 7 ottobre, segna nei minuti di recupero la sua prima rete in Prem'er-Liha nella trasferta persa dalla Dinamo contro il Dnipro con il risultato di 2-1.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Miguel Veloso (a destra) insegue Mats Hummels (al centro) durante la partita Germania-Portogallo di Euro 2012

Nel 2003, con la Nazionale Under-17 portoghese, vince da capitano il campionato europeo di categoria disputato proprio in Portogallo. Continua il suo cammino con le nazionali giovanili con delle convocazioni in Under-19 e, di seguito, per l'Under-21, partecipando, con quest'ultima, al campionato europeo del 2007.

Esordisce in Nazionale maggiore il 13 ottobre 2007, in occasione della partita giocata contro l'Azerbaigian; nel 2008, invece, viene convocato per la fase finale di Euro 2008, scendendo in campo nel terzo incontro del girone contro la Svizzera. Il 14 ottobre 2009, nella gara di qualificazione al Mondiale 2010 contro Malta, segna il suo primo gol in nazionale.[14] Nel 2010, dopo aver terminato al secondo posto del gruppo 1, partecipa alla fase finale dei Mondiali 2010 in Sudafrica, scendendo in campo negli ultimi minuti della seconda e della terza partita della fase a gironi.

Il 15 novembre 2011, durante i play-off di qualificazione all'Europeo 2012, segna il suo secondo gol (il momentaneo 5-2) con la maglia della nazionale nella partita giocata contro la Bosnia ed Erzegovina, match terminato sul punteggio di 6-2 per i lusitani. Durante la fase finale, che vede il Portogallo eliminato in semifinale dalla Spagna dopo i tiri di rigore, Veloso disputa tutti match.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 31 agosto 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Portogallo Olivais e M. SD 28 7 TP+TL 0+0 0+0 - - - - - - 28 7
2006-2007 Portogallo Sporting Lisbona PL 22 0 TP+TL 0+0 0+0 UCL 5 0 - - - 27 0
2007-2008 PL 29 1 TP+TL 0+1 0+0 UCL+CU 6+5 0+0 ST 1 0 42 1
2008-2009 PL 21 0 TP+TL 0+1 0+0 UCL 7 1 ST 1 0 30 1
2009-2010 PL 25 3 TL+TP 3+3 2+2 UCL+UEL 4+10 1+3 - - - 45 11
ago. 2010 PL 0 0 TP+TL 0+0 0+0 UEL 1 0 - - - 1 0
Totale Sporting Lisbona 97 4 8 4 38 5 2 0 145 13
2010-2011 Italia Genoa A 20 0 CI 2 0 - - - - - - 22 0
2011-2012 A 29 2 CI 2 0 - - - - - - 31 2
Totale Genoa 49 2 4 0 53 2
2012-2013 Ucraina Dinamo Kiev PL 24 2 CU 1 0 UCL+UEL 10+2 1+0 - - - 35 3
2013-2014 PL 5 0 CU 0 0 UEL 1 0 6 0
Totale Dinamo Kiev 29 2 1 0 13 1 0 0 43 3
Totale carriera 203 15 13 4 51 6 2 0 269 25

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Sporting: 2006-2007, 2007-2008
Sporting: 2007, 2008

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 27 (2010-2011), Panini, 5 novembre 2012, p. 69.
  2. ^ Veloso e la figlia di Preziosi. È colpo di fulmine genova.repubblica.it
  3. ^ (PT) Sporting com princípio de acordo com o Genova, sporting.pt, 30-07-2010. URL consultato il 02-08-2010.
  4. ^ (PT) Comunicado (PDF), sporting.pt, 03-08-2012. URL consultato il 05-07-2012.
  5. ^ Stipendi Genoa: Toni è il più ricco, calciomercato.com, 08-09-2010. URL consultato il 05-07-2012.
  6. ^ Catania 2-1 Genoa, legaseriea.it, 27-02-2011. URL consultato il 05-07-2012.
  7. ^ Catania-Genoa 2-1. Grifone spreco in “rosso”. Veloso getta il pari, Il Secolo XIX, 27-02-2011. URL consultato il 05-07-2012.
  8. ^ Vittoria Melchioni, Bologna-Genoa 1-1: Di Vaio puntuale come un orologio svizzero, ma dal cilindro di Ballardini spunta a sorpresa Dainelli, goal.com, 20-03-2011. URL consultato il 05-07-2012.
  9. ^ Genoa 2-1 Sampdoria, legaseriea.it, 08-05-2011. URL consultato il 05-07-2012.
  10. ^ Lazio 4-2 Genoa, legaseriea.it, 14-05-2011. URL consultato il 05-07-2012.
  11. ^ Genoa 2-2 Atalanta, legaseriea.it, 11-09-2011. URL consultato il 05-07-2012.
  12. ^ Stefano Fiore, Genoa-Atalanta 2-2 e tante emozioni, Sport Mediaset, 11-09-2011. URL consultato il 05-07-2012.
  13. ^ (RU) Мигел Велозу – игрок «Динамо»!, fcdynamo.kiev.ua, 04-07-2012. URL consultato il 04-07-2012.
  14. ^ (EN) Portugal - Malta 4:0 (2:0), fifa.con, 14-10-2009. URL consultato il 05-07-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]