Miguel Ángel Santoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miguel Ángel Santoro
Miguel Angel Santoro.jpg
Santoro all'Independiente negli anni settanta
Dati biografici
Nazionalità Argentina Argentina
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1977 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1962-1974 Independiente Independiente 343 (-?)
1974-1977 Hercules Hércules 50 (-?)
Nazionale
1965-1974 Argentina Argentina 14 (-11)
Carriera da allenatore
1980 Independiente Independiente
2001 Independiente Independiente
2005 Independiente Independiente
2008-2009 Independiente Independiente
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Miguel Ángel Santoro (Sarandí, 27 febbraio 1942) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Santoro all'Independiente nel 1965, battuto dal tiro dell'interista Peiró nella finale d'andata dell'Intercontinentale.

Ha passato la gran parte della sua carriera con la squadra che lo ha cresciuto: l'Independiente. Con questa squadra ha vinto quattro campionati, quattro coppe Libertadores, una coppa Interamericana e una Coppa Intercontinentale.

Nel 1974 è emigrato in Spagna nelle file dell'Hercules dove rimarrà sino al ritiro avvenuto nel 1977.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

A livello internazionale ha fatto parte della Nazionale argentina dal 1965 al 1974 partecipando ai Mondiali del 1974. In totale, con la maglia albiceleste, Santoro disputò 14 partite.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1980 e il 2009 ha allenato l'Independiente per un totale di 36 partite.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Julio Macías, Quién es quién en la Selección Argentina. Diccionario sobre los futbolistas internacionales (1902-2010), Buenos Aires, Corregidor, 2011, p. 646, ISBN 978-950-05-1932-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]