Migiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Migiana
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Perugia-Stemma.png Perugia
Comune Corciano-Stemma.png Corciano
Territorio
Coordinate 43°08′47″N 12°17′37″E / 43.146389°N 12.293611°E43.146389; 12.293611 (Migiana)Coordinate: 43°08′47″N 12°17′37″E / 43.146389°N 12.293611°E43.146389; 12.293611 (Migiana)
Altitudine 301 m s.l.m.
Abitanti 222 (Censimento ISTAT 2001)
Altre informazioni
Cod. postale 06073
Prefisso 075
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Migiana

Migiana è una frazione del comune di Corciano (PG).

È situata circa 1 km a nord di Corciano, sulle pendici (301 m s.l.m.) del monte Malbe, sopra il corso del torrente Caina, ed è popolato da 222 abitanti (dati Istat, censimento 2001). Il paese non va confuso con Migiana di monte Tezio, frazione di Perugia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fin dall'Alto Medioevo si ha notizia del fortilizio di Migiana, che nel XII secolo divenne villa e fu poi dotato di una cinta muraria a partire dall'inizio del XV secolo.

Economia[modifica | modifica sorgente]

La zona è sede di una intensa produzione vitivinicola doc Colli del Trasimeno. Da non trascurare la presenza di aziende agrituristiche.

Monumenti e luoghi d'arte[modifica | modifica sorgente]

  • Resti della cinta muraria medievale;
  • Chiesa di San Bartolomeo (XIII secolo), contenente una tavola lignea del Maestro di Paciano;
  • Cava di Migiana, affioramento di marne e calcari marnosi rossastri, ove è possibile reperire resti fossili di ammonite;
  • Castello della Pieve del Vescovo (XI secolo), sorto intorno alla chiesa di San Giovanni Intermontes (1031), che contiene un affresco del Perugino. Caratterizzato da una pianta quadrangolare, con quattro possenti torri poste agli angoli della struttura, venne restaurato nel XVI secolo su progetto di Gian Galeazzo Alessi, finanziato dal Duca della Corgna. Nel medioevo vi celebrò le proprie nozze il signore di Perugia Biordo Michelotti. Fino agli inizi del XX secolo, era la residenza estiva del Vescovo di Perugia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]