Microsoft Flight

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Microsoft Flight
Sviluppo Microsoft Studios
Pubblicazione Microsoft Studios
Serie Microsoft Flight Simulator
Data di pubblicazione 29 febbraio 2012 (Come download)
Genere Simulatore di volo
Modalità di gioco Giocatore singolo,
Multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows

Microsoft Flight è il successore spirituale dell'ultima versione del celebre gioco di simulazione Microsoft Flight Simulator, in particolare della sua versione "X"[1].

Dopo l'annuncio, avvenuto agli inizi del 2009, della chiusura da parte di Microsoft degli Aces Studios, storici sviluppatori della famiglia Flight Simulator, per problemi di ri-organizzazione, l'azienda aveva comunicato che comunque il prodotto non sarebbe stato del tutto abbandonato. Ad agosto 2010 è arrivato l'annuncio che Microsoft stesse sviluppando un nuovo programma ispirato al celebre Flight Simulator, ma che avrebbe portato con sé diverse innovazioni non ancora specificate.[1]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il gioco si è trovato per tutto il suo arco di disponibilità al pubblico in una fase di sviluppo, ed era disponibile solo una versione di download. Il nuovo programma avrebbe dovuto garantire lo stesso grado di realismo, sia visivo che di simulazione, della storica famiglia Flight Simulator, ma includere anche novità nella modalità di gioco con alcune possibilità inedite[2].

I primi screenshot che sono stati rilasciati da Microsoft, mostrano l'utilizzo di nuovi shader in abbinamento a una nuova versione delle DirectX probabilmente in versione "11". Nuovi modelli per le ombre, consentono di ottenere effetti maggiormente realistici sui riflessi di luce, e di avere anche ombre proiettate dai vari elementi dello scenario, comprese le singole asperità del terreno e non solo dagli oggetti mobili o dagli elementi decorativi come nei precedenti capitoli. Sul sito ufficiale sono stati pubblicati periodicamente, oltre agli screenshot già citati anche dei brevi video dimostrativi, i quali, ad eccezione dei primi due, sono stati tutti registrati durante sessioni effettive di gioco.[3]

Nonostante le promesse, il gioco aveva perso completamente la componente simulativa dei precedenti capitoli, favorendo un approccio molto più user friendly indirizzato verso l'enorme parte di mercato non interessata alla simulazione. Tuttavia il gioco, oltre ovviamente a deludere i fedeli fan di Flight Simulator, non è riuscito ad essere apprezzato nemmeno dai nuovi giocatori, finendo ben presto nel dimenticatoio.

Per questi evidenti motivi il 27 luglio 2012, con un comunicato ufficiale, gli sviluppatori hanno annunciato la fine dello sviluppo al gioco.

Requisiti di sistema[modifica | modifica sorgente]

A novembre 2011 Microsoft ha pubblicato i requisiti minimi e quelli consigliati per poter sfruttare il nuovo prodotto in maniera adeguata:[4]

Componenti Configurazione Minima Configurazione Consigliata
CPU Dual Core 2 GHz Intel Core i7 960 (3,2 GHz)
AMD Phenom II X6 1100T (3,3 GHz)
GPU Compatibile DirectX 9.0c (Shader 3.0)
con 256 MB di memoria video
ATI Radeon HD 5870
NVIDIA GeForce GTX 560
Hard Disk 10 GB Hard Drive space
RAM 2 GB 6 GB
Sistema Operativo Windows XP SP3 Windows 7 64 bit

Add-on[modifica | modifica sorgente]

Per scaricare i diversi aeromobili disponibili, è necessario utilizzare i Microsoft Points, acquistabili nei negozi o online.

Note[modifica | modifica sorgente]

  • Il giorno 01/12/2011 sul sito ufficiale viene annunciata l'apertura delle candidature per la beta pubblica del simulatore.
  • Il giorno 22/12/2011 Microsoft Flight è stato mostrato al Consumer Electronics Show di Las Vegas dal 10 al 13 gennaio 2012.
  • Il giorno 06/02/2012 sul sito ufficiale viene annunciato la data di uscita del download.
  • Il giorno 29/02/2012 è uscito come download Microsoft Flight.
  • Ad Agosto 2013, dato che è stato tolto il servizio "Games for Games - LIVE", è sparito totalmente Microsoft Flight da Steam, sia la versione gratuita, che i vari DLC a pagamento
  1. ^ a b Microsoft Flight scheduled for take-off - Pocket-lint
  2. ^ Microsoft makes a return to Flight | Beyond Binary - CNET News
  3. ^ Microsoft Flight FAQ. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  4. ^ Microsoft Flight - Sito Ufficiale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]