Michelle Ryan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michelle Ryan nel 2009 a Londra, alla cerimonia di premiazione dei BAFTA.

Michelle Claire Ryan (London Borough of Enfield, 22 aprile 1984) è un'attrice inglese, conosciuta soprattutto per il ruolo di Nimueh nella serie televisiva inglese Merlin.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Michelle Ryan è nata a Enfield, in Londra, ed era studentessa della Community School Chace. Membro di un gruppo teatrale locale fin da quando aveva dieci anni, è stata scelta per il ruolo di Zoe Slater in EastEnders, quando ne aveva quindici. Lei ha lasciato la serie nel giugno del 2005 e da allora ha dichiarato che non sarebbe tornata a recitare a EastEnders. Due anni dopo interpreta Jaime Sommers, ruolo principale in Bionic Woman, remake de La donna bionica, mentre nel 2008 viene scelta per ricoprire il ruolo Nimueh nella prima stagione della serie britannica Merlin. Sempre nello stesso anno ha recitato nella serie televisiva Mister Eleven insieme a Sean Maguire, Adam Garcia, Lynda Bellingham, Olivia Coleman e Denis Lawson.

Nel gennaio 2009 Michelle è stata scritturata nell'episodio speciale Planet of the Dead della serie Doctor Who. Nello stesso anno, ha recitato nel film thriller 4.3.2.1., diretto da Noel Clarke e Mark Davis insieme a Emma Roberts, Noel Clarke, Tamsin Egerton e Ophelia Lovibond. Ryan ha inoltre completato le riprese del film horror Cockneys vs Zombies, diretto da Matthias Hoene al fianco di Georgia King, Rasmus Hardiker e Jack Doola. Il film, che parla di un gruppo di rapinatori di banche che combattono i non morti, è uscito nel settembre 2012. Ad ottobre debutta nel teatro del West End londinese, interpretando Sally Bowles nel revival del musical Cabaret, a fianco a Will Young.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Michelle è stata per la rivista FHM tra le 100 donne più sexy del pianeta nella classifica negli anni 2002, 2004, 2005 (nel quale è arrivata quarta), e 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32192699 · LCCN: (ENno2010023629 · ISNI: (EN0000 0001 1930 2576 · GND: (DE173929532 · BNF: (FRcb167094830 (data)