Michelle Pfeiffer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michelle Marie Pfeiffer (Santa Ana, 29 aprile 1958) è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

Michelle Pfeiffer nel 1985

Si diploma nel 1976 al liceo "Fountain Valley High School"; successivamente si iscrive al "Golden West College" in California, che però, nonostante la sua originaria intenzione di entrare nel giornalismo (cronista giudiziaria), abbandonerà dopo circa un anno. Tra un lavoro e l'altro (commessa in vari negozi, cassiera in un supermercato), decide di partecipare ad uno dei tanti concorsi di bellezza che si tengono negli Stati Uniti: Miss Orange County. Da quella “piccola vittoria” discendono poi tutta una serie di apparizioni in telefilm e film TV. Studia contestualmente recitazione alla "Beverly Hills Playhouse".

Il suo debutto sullo schermo è con il film tv The Solitary Man per poi esordire al cinema nel 1980 con Ricominciare ad amarsi ancora a cui fa seguito, nel 1981, Charlie Chan e la maledizione della regina drago. Il 1982 è l'anno di Grease 2, seguito poi dal film con il suo primo grande regista, Brian De Palma, Scarface, a fianco di Al Pacino. Michelle si distingue subito come attrice dal fascino magnetico, che poi troverà naturale collocazione e conferma nella fiaba fantasy Ladyhawke, diretta da Richard Donner.

Le interpretazioni[modifica | modifica sorgente]

Michelle Pfeiffer con il marito David E. Kelley ai Premi Emmy 1994

Pfeiffer intanto comincia a prendere parte a film tv e a film di calibro come Le streghe di Eastwick (accanto a Jack Nicholson, Cher e Susan Sarandon), Una vedova allegra... ma non troppo e Le relazioni pericolose (con il quale vince il BAFTA e riceve la sua prima nomination all'Oscar) di Stephen Frears. Da sottolineare senz'altro la sua interpretazione ne I favolosi Baker (con cui ha vinto il Golden Globe e riceve la sua seconda nomination all'Oscar) dove, nel ruolo della cantante Susie Diamond che affianca un duo di pianisti jazz (i fratelli, anche nella vita reale, Jeff Bridges e Beau Bridges), prepara un intero repertorio senza alcun doppiaggio vocale, e cantando altresì dal vivo, dimostrando in tal modo un inaspettato - fino a quel momento - talento musicale.

Agli inizi degli anni Novanta prende parte ai film La casa Russia accanto a Sean Connery, Paura d'amare di Garry Marshall al fianco nuovamente di Al Pacino, Batman - Il ritorno di Tim Burton con Michael Keaton, Danny DeVito e Christopher Walken, Due sconosciuti, un destino (per il quale vince al festival di Berlino e riceve la sua terza nomination all'Oscar) e nel 1993 doppia Mindy Simmons ne I Simpson.

Continua a prendere parte ai film L'età dell'innocenza di Martin Scorsese con Daniel Day-Lewis e Winona Ryder, Wolf - La belva è fuori nuovamente accanto a Jack Nicholson, Pensieri pericolosi, A Gillian, per il suo compleanno, co-produce e interpreta affiancata dal sex symbol George Clooney in Un giorno, per caso, affianca Robert Redford in Qualcosa di personale e co-produce e interpreta Segreti accanto a Colin Firth e Jessica Lange.

Agli inizi del 2000 viene diretta da Robert Zemeckis nel horror Le verità nascoste in cui ad affiancarla ci sarà Harrison Ford, affianca Sean Penn nel dramma Mi chiamo Sam e White Oleander, partecipa ai blockbuster estivi del 2007 Hairspray - Grasso è bello! e Stardust e guadagnerà una stella sul l'Hollywood Walk of Fame il 6 agosto 2007. Dopo essersi presa una breve pausa nel 2009 viene nuovamente diretta da Stephen Frears per interpretare Lea de Lonval in Chéri, trasposizione del romanzo di Colette, e affianca Ashton Kutcher e Kathy Bates nel dramma Personal Effects.

Presenta Alice in Wonderland ai Golden Globe 2011. Nel 2011 viene nuovamente diretta da Garry Marshall in Capodanno a New York, sequel di Appuntamento con l'amore affiancata da un cast stellare, con volti noti come Halle Berry, Ashton Kutcher, Jessica Biel, Sarah Jessica Parker, Zac Efron, Hilary Swank, Hector Elizondo, Robert De Niro e Lea Michele. Nel 2012 presenta War Horse ai Golden Globe 2012 ed è chiamata da Tim Burton per interpretare Elizabeth Collins Stoddard nella trasposizione cinematografica della serie televisiva Dark Shadows accanto a Johnny Depp, Helena Bonham Carter, Eva Green e Chloe Moretz.

Successivamente interpreta la vedova Lilian nel dramedy Una famiglia all'improvviso accanto a Chris Pine, Elizabeth Banks e Olivia Wilde. Nel 2013 interpreta la moglie di Robert De Niro nella black comedy Cose nostre - Malavita di Luc Besson, nel quale recita anche Tommy Lee Jones. Una costante nelle donne interpretate da Michelle Pfeiffer, in buona parte dei suoi film, è la forza interiore e, al tempo stesso, la fragilità che derivano da scelte di vita sofferte, sia subite che volitive, ma comunque coraggiose e determinate.

Il tema dei figli, cresciuti da sola, persi o mai avuti, è infatti spesso presente: basti ricordare la Sukie di Le streghe di Eastwick (mamma single di una numerosa prole), Angela di Una vedova allegra... ma non troppo (fugge con il figlio dal marito, ucciso dalla mafia), Katya di La casa Russia (alleva i bambini con le proprie forze), Frankie di Paura d'amare (non può avere figli per le percosse ricevute in passato), Lurene di Due sconosciuti, un destino (ha perso un bimbo in gravidanza), Louanne di Pensieri pericolosi (ha perso un figlio), Melanie di Un giorno, per caso (donna in carriera, cresce suo figlio da sola), Beth di In fondo al cuore (smarrisce un bimbo, ritrovato dopo molti anni), Katie di Storia di noi due (gestisce una situazione familiare in crisi, con 2 figli), Rita di Mi chiamo Sam (in rotta con il proprio compagno, che poi l'abbandona, tenta di riallacciare un rapporto con suo figlio, trascurato per il successo professionale), Ingrid di White Oleander (viene incarcerata per omicidio, lasciando così la figlia da sola nel periodo di crescita adolescenziale, ma riuscendo ad influenzarla anche da dietro le sbarre), Rosie nella scanzonata commedia 2 Young 4 Me - Un fidanzato per mamma (deve gestire i primi turbamenti adolescenziali della figlia, in assenza di un padre realmente maturo), Linda di Personal Effects (vedova, si prende cura di suo figlio Clay, sordo dalla nascita), Elizabeth di Dark Shadows (si prende cura della sua disfunzionale figlia Carolyn e anche di suo nipote David, trascurato dal fratello oltre che a mantenere l'economia della famiglia) e infine Lilian di Una famiglia all'improvviso (vive una vita infelice, dato che il marito ha un'altra famiglia e trascura il figlio).

Nei lungometraggi, Stardust e Hairspray - Grasso è bello, Michelle ha voluto quasi divertirsi in ruoli di "cattiva" che, tra l'altro, sono sembrati calzarle a pennello. D'altra parte aveva già dimostrato inclinazioni diaboliche e sensualissime interpretando Catwoman nel film del 1992 Batman - Il ritorno, di Tim Burton. Si è inoltre dimostrata perfettamente a suo agio anche nelle ambientazioni d'epoca, grazie a film quali Le relazioni pericolose, diretto da Stephen Frears, L'età dell'innocenza, di Martin Scorsese e Chéri.

Ruoli rifiutati[modifica | modifica sorgente]

Sono proverbiali i suoi rifiuti di interpretare film che poi si sono rivelati un grande successo, in particolare: Thelma & Louise di Ridley Scott (la parte propostale fu assegnata a Geena Davis); Basic Instinct di Paul Verhoeven (ruolo poi attribuito a Sharon Stone); Il silenzio degli innocenti di Jonathan Demme (la cui protagonista divenne poi Jodie Foster); Insonnia d'amore di Nora Ephron (fu Meg Ryan a essere selezionata per interpretare la donna che Tom Hanks conosce soltanto alla fine della pellicola), Pretty Woman di Garry Marshall (ruolo che poi fu affidato a Julia Roberts); Le cronache di Narnia - Il leone, la strega e l'armadio di Andrew Adamson (ruolo che poi ottenne Tilda Swinton).

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel 1981 Michelle Pfeiffer sposò l'attore e regista Peter Horton, dal quale divorziò sette anni dopo. Ha avuto relazioni con Michael Keaton, John Malkovich e Fisher Stevens. Lasciate alle spalle queste relazioni, Pfeiffer adotta una bambina, Claudia Rose, e nel 1993 sposa il produttore e sceneggiatore David E. Kelley; nel 1994 la coppia ha un figlio, John Henry.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attrice[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrice[modifica | modifica sorgente]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Partecipazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Grease 2 - Original Soundtrack Recording (CD)
  • The Fabulous Baker Boys - Original Motion Picture Soundtrack (CD)
  • Hairspray - Original Motion Picture Soundtrack (CD)

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Michelle Pfeiffer è stata doppiata da:

  • Emanuela Rossi in Charlie Chan e la maledizione della regina drago, Casa Butterfield, Ricominciare ad amarsi ancora, Scarface, La casa Russia, Paura d'amare, Due sconosciuti, un destino, L'età dell'innocenza, Wolf - La belva è fuori, Qualcosa di personale, A Gillian, per il suo compleanno, Un giorno, per caso, Segreti, In fondo al cuore, Sogno di una notte di mezza estate, Storia di noi due, Le verità nascoste, Mi chiamo Sam, White Oleander, Hairspray - Grasso è bello!, Stardust, Chéri, Capodanno a New York, Dark Shadows, Una famiglia all'improvviso, Cose nostre - Malavita
  • Rossella Izzo in Tutto in una notte, Tequila Connection, Batman - Il ritorno
  • Susanna Javicoli in Le relazioni pericolose, I favolosi Baker
  • Cristina Boraschi in Sweet Liberty - La dolce indipendenza
  • Roberta Paladini in Le streghe di Eastwick
  • Paila Pavese in Una vedova allegra... ma non troppo
  • Cristiana Lionello in Ladyhawke
  • Mavi Felli in Pensieri pericolosi
  • Roberta Greganti in 2 Young 4 Me - Un fidanzato per mamma
  • Alessandra Korompay in Personal Effects

Da doppiatrice è sostituita da:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 71499905 LCCN: n85138115