Michele Tripisciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele Tripisciano

Michele Tripisciano (Caltanissetta, 13 luglio 1860Caltanissetta, 21 settembre 1913) è stato uno scultore italiano.

Busto dello scultore Enrico Quattrini dedicato a Michele Tripisciano

Fu un testimone ed interprete di una cultura artistica che trova nel rispetto della classicità la sua connotazione principale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Terzogenito, dopo Maria e Benedetto e prima di Giuseppe, figlio di Ferdinando Tripisciano di professione quartararo (vasaio), e di Calogera Falci, nacque nell'antico quartiere della Saccarella a Caltanissetta. Sin da piccolo ebbe dimestichezza con le argille con le quali creava bozzetti vari. Cosa questa che fu notata dal barone e suo mecenate Guglielmo Luigi Lanzirotti e dell'onorevole Pugliese. Questi lo indussero nel 1873 a studiare a Roma presso l'Ospizio San Michele dove fu allievo del prof. di disegno figurato Alessandro Coccanini, del prof. di prospettiva Enrico Becchetti, del prof. di architettura Pietro Benedetti e del prof. Coccurri di ornato.

Successivamente operò dal 1880 al 1888 nella famosa scuola-bottega dello scultore Francesco Fabi Altini, dove imparò che «la scultura deve vivere» nel rispetto della forma accademica.

Nel 1884 realizza la sua prima opera premiata: "Mario sulle rovine di Cartagine", per il concorso dell'Accademia nazionale di San Luca, dove conquista la medaglia d'argento.

Nel 1888, ormai maturo e consapevole dei suoi mezzi, lascia lo studio dello scultore Fabio Altini e prende uno studio proprio in via Aureliana a Roma. Successivamente si sposa con Edvige Carli dalla quale avrà un figlio: Ferdinando.

Il Tripisciano rimase a Roma per più di ventennio partecipando attivamente alla vita artistica della capitale e conoscendo giornalisti, poeti ed artisti; pur mantenendo forte il legame con la città natale, anche per la presenza dei genitori e della sorella che tornava ogni estate a visitare.

Le sue capacità tecniche e la sua adesione a modelli formali classici gli consentirono di ottenere importanti commesse di opere pubbliche commemorative in varie parti di Italia, infatti tutta la sua produzione è grandemente celebrativa. Dopo il successo dell'inaugurazione del «Monumento a Gioacchino Belli», inaugurazione avvenuta il 4 Maggio 1913 e realizzata in tempi molto stretti e per questo fisicamente provato, il Tripisciano decise di ritornare a Caltanissetta per un necessario riposo.

« Che il tuo genio nel marmo hai così impresso

Che pur mirando ad eternare il Belli,
Sei riuscito a immortalar te stesso! »

(Cav. Avv. Giuseppe Geraci "Lazio ieri e oggi”, fascicolo XXV -1989.[1])

Qui, a seguito di un'improvvisa infezione polmonare, morì il mattino del 21 Settembre 1913 a soli 53 anni. Venne sepolto il martedì 23 Settembre alle ore 10.00 nella Cappella dei Lanzirotti.

Lasciò in testamento tutte le opere e i bozzetti in gesso (gipsoteca) del suo studio alla città di Caltanissetta. Questa solamente dopo il 2010 crea un museo a lui dedicato oggi aperto al pubblico. Egli donò, anche, la sua intera raccolta di libri alla biblioteca Scarabelli. Inoltre, secondo le cronache, memore dell'episodio di cecità temporanea, subita in giovane età, donò diecimila lire dell'epoca per la sezione oculistica dell'ospedale civile nisseno.

Inoltre, lasciò un fondo di 6.000 lire per la erezione di un busto ad opera di un suo amico Enrico Quattrini con la sua effigie; busto che verrà eretto nel 1922 nella piazza a lui dedicata.

Commemorazioni[modifica | modifica sorgente]

Nel 1922 venne intitolata in città lungo la Via Vittorio Emanuele II una piazza (piazzetta Tripisciano) a suo nome, insieme alla messa in posa di un busto ad opera dello scultore Enrico Quattrini.

Il 21 settembre 2013, per i cento anni della morte, la città di Caltanissetta ha ospitato diverse manifestazioni commemorative alla memoria dell'illustre concittadino scomparso cento anni prima;[2][3] tra queste, in occasione della "Notte di Cultura", è stato presentato il numero 12 della rivista Archivio Nisseno[4] edita dalla Società Nissena di Storia Patria che ospita 150 pagine interamente dedicate all'artista.

Inoltre, la stessa mattina in coincidenza dei cento anni esatti della morte, alla presenza dei parenti dell'artista, delle autorità e del Vescovo, viene benedetta ed inaugurata la tomba monumentale dedicata allo scultore nisseno.[5] L'unica erede vivente dello scultore: Lucia Politi Tripisciano critica l'idea di spostare le spoglie mortali del nonno da sempre tumulate nella tomba della famiglia del Barone Lanzirotti che fu il suo mecenate e benefattore.[6]

In data 11 ottobre 2013 nei locali del museo Tripisciano viene inaugurata la mostra: "I disegni di Tripisciano", mostra di disegni e pitture inedite dell'artista. Questi disegni e pitture sono conservati presso collezioni private e sono state eccezionalmente esposte, insieme alle opere in gesso e in marmo conservate nello stesso museo nisseno, in occasione della commemorazione del centenario della scomparsa dell'artista.[7]

Opere[modifica | modifica sorgente]

Tecnicamente molto capace con la creta, il gesso, il marmo e il bronzo: aderisce ai moduli formali di un classicismo ideale, con una cura per la una compostezza formale dei soggetti rappresentati, e per il sempre attento rapporto per il pieno e il vuoto. Rientrando a pieno titolo per questo in un conformismo accademico orientato ad un neoclassicismo ideale.

Tra i primi riconoscimenti ricevuti vinse i concorsi per il conferimento della pensione artistica del «Lascito Stanzani», per l’esecuzione del busto di Pasquale Mancini, collocato nella Camera dei Deputati.

Nel 1884 ottenne con l'opera Caio Mario sulle rovine di Cartagine la medaglia d'argento dell'Accademia di San Luca.[8] Nella Esposizione delle Belle Arti negli Stati Uniti di America (1890) ottenne il primo premio col bozzetto di Cristoforo Colombo.

Nel 1900 fu insignito dal re Umberto I di Savoia della croce di cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia e nel 1912 da Vittorio Emanuele III dell'onorificenza di cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.

Opere nissene[modifica | modifica sorgente]

Molta della produzione del Tripisciano è presente a Caltanissetta, sua città natale, presso la gipsoteca di Palazzo Moncada dove è ospitato il costruendo Museo Tripisciano. In questo museo sono conservate, ed in parte esposte, la gran parte delle opere in gesso prodotte come studio e come bozzetti preparatori per le opere poi realizzate dall'artista sia in bronzo che in marmo. Queste sono le opere presenti in punto di morte dell'artista, nel suo studio di Via Aureliana a Roma, e donate per volontà testamentaria interamente alla città natale.

La mostra permanente delle sue opere è parzialmente visibile presso le quattro sale espositive del palazzo Moncada in Largo Paolo Barile.

Secondo diversi studiosi, questa collezione di bozzetti rappresenta una "rarità", per la possibilità unica di studiare il percorso preparatorio dell'artista nel realizzare le sue opere. Grazie a questi gessi preparatori ricerche future consentiranno di comprendere meglio il ruolo avuto nella storia dell'arte da Tripisciano; soprattutto in riferimento all'epoca storica in cui visse, compresa tra l'unità d'Italia e la prima guerra mondiale.

Altre opere presenti in città sono le statue e i busti in marmo o bronzo commissionata all'artista dalle amministrazioni o dei privati.

Opere nissene del Tripisciano
Foto Opera Anno Materiale Note descrittive
Michele Tripisciano - Busto del Petrarca 01.JPG Busto del Petrarca 1875 Gesso Opera giovanile successivamente dipinta da mano ignota, oggi visibile degli uffici del Palazzo della Provincia a Caltanissetta.
Michele Tripisciano - L'angelo della Tomba Testasecca di Caltanissetta 1894.jpg L'angelo della Tomba Testasecca di Caltanissetta 1886 Gesso Opera creata n preparazione della statua per la tomba di famiglia dei Testasecca. Essa posta in alto si mostra con lo sguardo rivolto verso il basso, come per accoglie i visitatori. Sul capo, un’aureola decorata e con una tunica lunga sino ai piedi.
Michele Tripisciano - Quei tempi non tornano più 07.JPG Quei tempi non tornano più 1883 Terracotta Opera in terracotta di cm 31 x 50 creata a Roma il 18 luglio 1883, oggi conservata nel Palazzo della provincia di Caltanissetta, Essa mostra le fattezze di un vecchio di 75 anni il cui volto mostra nostalgia, nel ricordo di tempi che furono, con le sopracciglia sollevate, gli occhi aperti e la bocca che sembra sospirare.
Busto di Vitt. Emanuele II 1891 Marmo Busto di Vittorio Emanuele II di Savoia in alta uniforme, è un'opera che a pieno titolo rientra tra i ritratti storico-realistici più importanti della sua carriera, oggi è visibile nella villa Amedeo a Caltanissetta.
Michele Tripisciano - Barone Guglielmo Lanzirotti gesso 01.JPG Busto del Barone Lanzirotti 1901 Gesso Busto in gesso del 1901 del Barone Guglielmo Luigi Lanzirotti esposto presso la Camera di Commercio di Caltanissetta.
Michele Tripisciano - Padre Nicola Sciales 06.JPG Altorielievo di Padre Nicola Sciales 1903 Marmo Padre Nicola Sciales della Congregazione Olivetana illuminato rettore della Chiesa di Sant'Agata al Collegio posto nella navata centrale destra della stessa chiesa.
Michele Tripisciano - Crocifisso di Santa Lucia a Caltanissetta.jpg Crocifisso di S Lucia 1903 Bronzo Crocifisso donato da Michele Tripisciano alla Chiesa di Santa Lucia, santa cui era devoto, per disposizione testamentaria.
Fontana del Tritone di Piazza Garibaldi.jpg Fontana del Tritone 1955 Bronzo La fontana fu inaugurata il 15 dicembre 1956 e rappresenta un cavallo marino, imbizzarrito per la presenza di due mostri marini, trattenuto da un Tritone. I mostri sono opera dello scultore palermitano Giovanni Rosone.
Michele Tripisciano fontana del Tritone particolare 05.JPG Fontana del Tritone 1955 Bronzo In primo piano gruppo scultoreo in bronzo del gruppo mitologico del cavallo marino imbizzarrito, trattenuto da un tritone, perché insidiato da due mostri marini alati.

Il monumento fu inaugurato il 15 dicembre 1956, esso venne realizzato dal Tripisciano prima in gesso, come prototipo per il marmo della fontana del Tritone del comune di Marino nel 1889.
Il gesso fu conservato fino al 1955, presso l’androne del Palazzo del Carmine a Caltanissetta, fino a quando l’architetto nisseno Gaetano Averna lo utilizzò, distruggendolo, come calco per una copia in bronzo. Questa copia in bronzo è oggi nella fontana di piazza Garibaldi insieme ai due mostri marini anch'essi in bronzo, in sostituzione ad un vecchio lampione in ferro a cinque luci ottocentesco.

Michele Tripisciano Fontana del Tritone in bronzo 06.JPG Fontana del Tritone 1955 Bronzo
Statua di Umberto I a Caltanissetta di Michele Tripisciano 03.JPG Statua di Umberto I 1911 Bronzo Mostra il re di Italia Umberto I, in alta uniforme. Essa è sita, nell'omonima via cittadina, su un alto basamento che da monumentalità all'opera posta in situ nel 1922; la statua è in bronzo ed è un esempio di opera storica realizzata in chiave realistica.
Statua di Umberto I a Caltanissetta di Michele Tripisciano 31.JPG Statua di Umberto I 1922 Caltanissetta
Ritratto Scarabelli.jpg Ritratto dello Scarabelli 1882 Grafite
su carta
Ritratto a grafite su carta di cm 50 x 70 del 1882 del filologo e mecenate Luciano Scarabelli custodito nella pinacoteca della Biblioteca Scarabelli di Caltanissetta.
« Lo studioso critico d’arte Gino Cannici ritiene che Tripisciano abbia ricreato di Scarabelli un’immagine molto vivida con una tecnica sicura nei morbidi effetti chiaroscurali che sovrastano il modello fotografico a cui il ritratto s’ispira. »
(A. Vitellaro[9])
Michele Tripisciano forse - Bimbo che gioca con pietre 03.JPG Bambino sdraiato 1913 Marmo Ultima opera dell'artista custodita nel Palazzo della Provincia di Caltanissetta; l'attribuzione all'artista è incerta forse l'opera secondo alcuni è da attribuire al Frattalone. Essa mostra un bambino di otto anni semi sdraiato che gioca con delle pietre.[10]

Altre opere nissene[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Museo Tripisciano.

Altre opere dell'autore presenti nella città di Caltanissetta sono tutte conservate nel Museo Tripisciano di Palazzo Moncada, tranne alcune, di seguito elencate, presenti in alcuni edifici pubblici o nel cimitero monumentale cittadino:[11]

  • Baronessa Calogera Morillo (1912), Cimitero monumentale Angeli, Cappella Morillo di Caltanissetta;
  • Busto in marmo del Barone Guglielmo Luigi Lanzirotti (1902), Cimitero monumentale “Angeli”, Cappella Lanzirotti di Caltanissetta;
  • Busto in marmo della Baronessa Angelina Lanzirotti (1902), Cimitero monumentale “Angeli”, Cappella Lanzirotti di Caltanissetta;
  • Lapide funeraria di Ferdinando Tripisciano (1904), Cimitero monumentale “Angeli” di Caltanissetta;
  • Madonna in trono col Bambino (1895), Cimitero monumentale “Angeli”, Cappella Testasecca di Caltanissetta;
  • Maria (1880), Museo diocesano di Caltanissetta;
  • Senatore Francesco Morillo di Trabonella (1912), Cimitero monumentale “Angeli”, Cappella Morillo di Caltanissetta.

Opere romane[modifica | modifica sorgente]

La notorietà raggiunta dall'artista fece sì che ebbe molti committenti romani tanto che oggi la città di Roma è ricca di opere del Tripisciano:[12]

Opere romane del Tripisciano
Foto Opera Anno Luogo Note descrittive
Gioacchino belli.JPG Gruppo statuario del Belli 1913 Roma L'opera monumentale più famosa dell'autore: il Monumento a Gioacchino Belli è nella piazza a lui dedicata a Roma.

Ultima opera dell'artista nisseno (1913), testimonia la maturità ormai compiuta dell'artista

« si allontana dalla sua retorica celebrativa, nel quale compaiono interessi verso un certo naturalismo, soprattutto negli altorilievi del basamento e nei bassorilievi nei quali si legge il riferimento alle incisioni popolari del Pinelli. »
(Franco Spena[4])
Paolo 1898 Roma Paolo statua in marmo per il palazzo di Giustizia di Roma.
Ortensio 1898 Roma Ortensio statua in marmo per il palazzo di Giustizia di Roma.
12 medaglioni degli apostoli 1902 Roma Dodici medaglioni con gli Apostoli per la chiesa di San Gioacchino a Roma; 1902.
San Giuseppe 1904 Roma Per la chiesa di San Gioacchino fu eseguita la scultura diSan Giuseppe , collocata nella cappella del Belgio.
Sacro Cuore 1904 Roma Per la chiesa di San Gioacchino fu eseguita la scultura delSacro Cuore, collocata nella cappella della Francia.
La Sicilia 1909 Roma La Sicilia, altorilievo sull'Altare della Patria a Roma.
Battesimo di Gesù 1912 Roma Battesimo di Gesù, bassorilievo in marmo presso la chiesa di Sant'Andrea in Valle; 1912.
Monumento sepolcrale ai coniugi Nardi  ? Roma
Crocifisso (bronzo)  ? Roma Cappella gentilizia Borrelli nel Cimitero del Verano.
Busto di Pasquale Stanislao Mancini 1889 Roma Camera dei Deputati.
Busto del Pittore Podesti 1890 Roma Accademia S. Luca; Circolo Artistico.
Bassorilievi al Caffè Aragno 1894 Roma
Monumento alla Famiglia Visocchi  ? Roma
Sopporti del Palco Reale al Teatro Argentina  ? Roma
Lapide in onore degli ufficiali medici morti in guerra 1900 Roma Ospedale del Celio
Ricordo in bronzo dei telegrafisti 1901 Roma Pantheon.
Immacolata 1902 Roma Nella Cappella degli U. S. A. in S. Gioacchino.
Dodici Angeli e stucchi 1905 Roma S. Andrea della Valle
Busto dell’incisore Paolo Mercuri 1909 Roma Pincio
Busto di Carlo Mayr 1911 Roma Gianicolo
L’Adriatico (Fontana) 1911 Roma Foro delle Regioni (Fontana ora distrutta).
Figure decorative  ? Roma Aula Massima di Cassazione.
Monumento al Card. Martinelli  ? Roma Chiesa di S. Agostino.
Fontana Monumentale  ? Roma Palazzo Torlonia
Addolorata  ? Roma Cappella Gentilizia Borrelli.
Crocifisso  ? Roma Cappella Gentilizia Borrelli.
Monumento sepolcrale ai coniugi Nardi  ? Roma
Monumento agli Artiglieri caduti nelle battaglie d’Africa  ? Roma
Architrave  ? Roma Palazzo di Giustizia.
Umberto I e Margherita di Savoia  ? Roma Palazzo del Quirinale.

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

Altre opere dell'artista che si trovano in città diverse da Roma, dove visse lungamente, e Caltanissetta, dove nacque e morì, sono:

Altre opere del Tripisciano
Foto Opera Anno Luogo Note descrittive
Fontana Tritone.jpg Fontana del Nettuno 1889 Marino La fontana, collocata al centro di piazza San Barnaba davanti alla facciata della basilica di San Barnaba, consiste in una vasca ellittica[123] di travertino con due fontanelle laterali ed al centro un pregevole gruppo scultoreo in marmo bianco del Nettuno con Tritone. La fontana venne commissionata dal Comune nel 1889 allo scultore Michele Tripisciano.[13]
Michele Tripiasciano autoritratto a 17 anni 02.jpg Autoritratto a 17 anni 1877 Manduria (TA) Autoritratto giovanile (Grafite su carta), creato durante il suo soggiorno al San Michele a Ripaa soli 17 anni, si evincono le grandi qualità tecniche dell'artista nisseno.
Michele Tripisciano - M. Trisciano a se stesso 1908.jpg Autoritratto 1808 Manduria (TA) Autoritratto giovanile (Grafite su carta), foglio di proprietà degli eredi a Manduria in provincia di Taranto.
Michele Tripisciano - Busto della madre in terracotta.jpg Busto della madre Calogera Falci 1911 Manduria (TA) Emotivamente coinvolgente per l'autore, il ritratto in terracotta della madre mostra una donna anziana dignitosissima, l'opera mostra di essere lavorata di getto per la presenza dell'abito non finito. L'opera è di proprietà degli eredi Tripisciano.
W. E. Gladstone 1895 Recanati Pinacoteca
L’Avaro 1913 Manduria (TA) Proprietà eredi Tripisciano
Sei altorilievi e quattro figure  ? Windsor Posto nella Cattedrale
Cavallo di marmo  ? Recanati Galleria del palazzo podestarile “Giacomo Leopardi".
Statue sacre  ? New York In varie chiese.
Statue sacre ? Buenos Aires Chiesa San Paolo.
Galatea 1880 Londra Figura mitologica protettrice dei marinai, è visibile a Londra ed è firmata: F.sco Fabi Altini scolpì.
Archimede 1889 Siracusa
Fontana del Sedio 1888 Carpineto
Fontana di Piazza Margherita 1888 Carpineto
Fontana Monumentale di Marino 1890 Marino
Monumento a Carlo Papa 1891 Modica
Monumento sepolcrale alla Famiglia Saya  ? Palermo Cimitero.
Gruppo marmoreo della Beata Biliart 1906 Liverpool e Namur
Madonna col Bambino 1909 Milano Nella Chiesa del Corpus Domini.
Monumento a Rainieri Carlo Molteni 1910 Milano Nella Chiesa del Corpus Domini.
Monumento funebre al chirurgo Lamberti Rossi 1913 Terracina Cimitero.
Monumento al Parroco Federico Fiandaca  ? Santa Caterina Villarmosa Nella Madrice.
Monumento alla Famiglia Bisocchi  ? Atina (Frosinone) Nel cimitero.
Bagnante in bronzo argentato per il Principe Said  ? Cairo
Madonna col Bambino  ? Parigi Nella cattedrale di Notre Dame.
Monumento a Marco Minghetti  ?  ? Bozzetto
Monumento a Garibaldi  ?  ? Bozzetto
Monumento a Benedetto Brin  ?  ? Bozzetto

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

A Roma nel quartiere: Casetta Mattei, gli è stata intitolata una via cittadina.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Salvatore Lo Leggio: Belli, Tripisciano e il cavaliere (di Leonardo Sciascia). URL consultato il 4 maggio 2011.
  2. ^ Opere realizzate per Tripisciano in mostra oggi in Corso Umberto - Il giornale online de La Sicilia, La Sicilia, 22 Settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  3. ^ Michele Tripisciano: un grande artista nisseno, a cento anni dalla sua morte., 013 il Fatto Nisseno, 18 settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  4. ^ a b Archivio Nisseno n°12 - Società Nissena di Storia Patria - Caltanissetta, presentazione del numero 12 della rivista Archivio Nisseno edita dalla Società Nissena di Storia Patria, 22 Settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  5. ^ Redazione, Tributo della città all’artista Michele Tripisciano. Inaugurata la tomba monumentale., Radio CL1 Notizie, 21 settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  6. ^ L’unica erede Lucia Politi Tripisciano contempla le opere del suocero Michele: “Grande emozione, ma quel cippo al cimitero va rimosso”. URL consultato il 4-05-2014.
  7. ^ in breve Caltanissetta, Il giornale online de La Sicilia, La Sicilia, 11 Ottobre 2013 p. 28. URL consultato il 12-10-2013.
  8. ^ Giuseppe Capozzi,Michele TripiscianoArchivio Nisseno Anno VII - N. 12 Gennaio-Giugno 2013 Ed. Società Nissena di Storia Patria Caltanissetta 2012 p. 33-34 ISSN 1974-3416
  9. ^ Gino Cannici, in Antonio Vitellaro, Breve storia della biblioteca “Luciano Scarabelli” di Caltanissetta, Paruzzo Printer, Caltanissetta 2009, pag. 43.
  10. ^ Marianna Rita Bova,Michele Tripisciano 1860-1913, catalogo delle opere Archivio Nisseno Anno VII - N. 12 Gennaio-Giugno 2013 Ed. Società Nissena di Storia Patria Caltanissetta 2012 p. 156 ISSN 1974-3416
  11. ^ Antonio Vitellaro,Michele Tripisciano a Caltanissetta Archivio Nisseno Anno VII - N. 12 Gennaio-Giugno 2013 Ed. Società Nissena di Storia Patria Caltanissetta 2012 p. 162-164 ISSN 1974-3416
  12. ^ Enzo Falzone, Michele TripiscianoArchivio Nisseno Anno VII - N. 12 Gennaio-Giugno 2013 Ed. Società Nissena di Storia Patria Caltanissetta 2012 p. 58-62 ISSN 1974-3416
  13. ^ Vittorio Rufo, L'abitato storico - Fontana del Tritone, in AA.VV., Marino - Immagini di una città, p. 155

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 13105087 LCCN: n88056046