Michele Schirru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele Schirru

Michele Schirru (Padria, 19 ottobre 1899Roma, 29 maggio 1931) è stato un anarchico italiano naturalizzato statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Padria (SS) e cresciuto a Pozzomaggiore, paese natale della madre, in Sardegna, emigrò giovanissimo negli Stati Uniti d'America e vi prese la cittadinanza: risale a quel periodo la sua adesione all'anarchismo, ne "L'Adunata dei Refrattari" di New York. Qui commerciò banane al mercato di Arthur Avenue, North Bronx; fu in prima fila nelle lotte a sostegno di Sacco e Vanzetti, come nella latente guerra civile fra fascisti ed oppositori nella comunità degli emigrati italiani.

Ritornò in Europa attraverso Parigi, luogo di ritrovo di molti esuli antifascisti. Nonostante la difficile atmosfera, a causa della presenza di infiltrati dediti a provocazioni ed attentati, le credenziali presentate come corrispondente de "L'Adunata dei Refrattari" saranno sufficienti per ottenere un incontro e la fiducia di Emilio Lussu. Schirru coltivava un'idea fissa, che divenne immediatamente una sua ferma convinzione: uccidere Mussolini come unica soluzione per liquidare il fascismo. Il 2 gennaio 1931 si avviò verso l'Italia con l'intenzione di realizzare il piano. L'accompagnò al treno lo stesso Lussu, che descriverà così l'ultimo saluto: «Lì, alla Gare de Lyon, salutandolo dal marciapiede sotto la vettura, dissi arrivederci e gli sorridevo. Anche lui sorrideva, ma triste. Rispose: no, non arrivederci. Addio. Soltanto questo disse, e sollevò il vetro del finestrino.».

Giunse a Roma la sera di lunedì 12 gennaio, alloggiando all'albergo Royal, scelto come luogo strategico rispetto agli itinerari abituali di Mussolini, che vi transitava quattro volte al giorno. Per due settimane studiò attentamente il tragitto attraverso Villa Torlonia, Porta Pia, il Viminale, Via Nazionale e Piazza Venezia, senza incrociare una sola volta le trasferte dell'obiettivo. Scoraggiato e velocemente sfiduciato, conobbe una ballerina ungherese di 24 anni, Anna Lucovszky, della quale s'innamorò e alla quale dedicava le sue giornate. Ma la sera di martedì 3 febbraio venne arrestato da un maresciallo all'Hotel Colonna, luogo degli incontri con Anna. In commissariato tentò il suicidio con la propria pistola: il proiettile trapassò entrambe le gote e Michele sopravvisse, sfigurato. Schirru fu processato dal Tribunale Speciale Fascista davanti al quale dichiarò il suo odio sia per il Fascismo, sia per il Comunismo[1]. In data 28 maggio 1931, condannato per la semplice intenzione di attentare alla vita di Mussolini[2][3] la sentenza riporta:«Chi attenta alla vita del Duce attenta alla grandezza dell'Italia, attenta all'umanità, perché il Duce appartiene all'umanità». Fu fucilato il giorno seguente a Casal Braschi e il plotone fu formato da militi sardi offertisi volontari.[4]. Morì urlando: "Viva l'anarchia!".

Schirru affrontò il plotone d'esecuzione con molto coraggio suscitando l'ammirazione dello stesso Mussolini il quale a Yvon De Begnac disse:

« Avrei usato clemenza a Sbardellotto e a Schirru. Non ho mai pensato di usarla nei riguardi di Bovone, cieco esecutore di atti terroristici diretti a fare il vuoto fra le masse, le quali nulla avevano a spartire con la politica. Ma Sbardellotto ventiduenne, che rispose all'invito del magistrato a firmare la domanda di grazia dichiarando di rimpiangere solo di non aver eseguito l'attentato; ma Schirru anarchico, ottimo combattente della grande guerra che grida la sua fede dinanzi al plotone di esecuzione, sono uomini veramente degni di un destino migliore di quello che la sorte ha loro riservato. »
(Benito Mussolini a Yvon De Begnac[5])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Fusti Carofiglio, Vita di Mussolini e storia del fascismo, p. 251: «Dichiarò di non aver avuto complici ed affermò il suo uguale odio sia per il fascismo, sia per il Comunismo.»
  2. ^ Books Google
  3. ^ Books Google
  4. ^ Mario Fusti Carofiglio, Vita di Mussolini e storia del fascismo, p. 251
  5. ^ Fucci, Le polizie di Mussolini, p. 206

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Fiori, Vita e morte di Michele Schirru (l'anarchico che pensò di uccidere Mussolini), Laterza, 1990, ISBN 88-420-3529-7.
  • Luc Nemeth, La saison de la liberté. Mike Schirru et l'attentat anarchiste contre Mussolini, tome 1 : 1899 - février 1930, CreateSpace, 2011, ISBN 2-9537372-0-0.
  • Giuseppe Galzerano, Michele Schirru. Vita, viaggi, arresto, carcere, processo e morte dell'anarchico italo-americano fucilato per l'«intenzione» di uccidere Mussolini, Galzerano editore, Casalvelino Scalo, 2006, pp.1136.
  • Michele Corsentino, Michele Schirru e l'attentato anarchico, Ed. Anarchismo, Catania, 1990.
  • Mario Fusti Carofiglio, Vita di Mussolini e storia del fascismo, Società editrice torinese, Torino, 1950,

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]