Michele Pesenti (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Michele Pesenti (Verona, 1470 circa) è un compositore e liutista italiano.

Servì come liutista presso gli Este a Ferrara. Fu tra i più inventivi compositori del genere della cosiddetta frottola, unitamente a Marchetto Cara e Bartolomeo Tromboncino[1].

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • "Ha' tu veduto un mio vitellin bianco" in La Favola di Orfeo 1494.
  • frottola: "Non mi doglio gia d'amore" in Banchetti Musicali a la Corte Estense.
  • frottola: "Dal lecto me levava" in Barzellette - Frottole Italiane del Cinquecento..
  • villota: "Quando lo pomo vien da lo pomaro" in Cantar alla Pavana Canzoni, Frottole, Villotte e Madrigali dell'Apografo Miscellaneo Marciano (1526).
  • "Alhor quando arivava" in Cigni, Capre, Galli e Grilli..
  • strumentale: "Un cavalier di Spagna" in Musica dell'epoca di Cristoforo Colombo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nino Pirrotta, Elena Povoledo, Music and theatre from Poliziano to Monteverdi, 1982, p. 31.