Michele Marelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele Marelli
Michele Marelli (2013)
Michele Marelli (2013)
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica classica
Musica contemporanea
Musica elettronica
Strumento Clarinetto, Corno di bassetto
Etichetta Stockhausen Complete Edition, Stradivarius, Neos
Sito web

Michele Marelli (Alessandria, 1978) è un clarinettista italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica sorgente]

Formazione musicale[modifica | modifica sorgente]

Avviato in tenera età allo studio del pianoforte, a 10 anni si dedica al clarinetto, strumento nel quale si diploma con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Giacomo Soave presso il Conservatorio di Alessandria.

Studia composizione e musica elettronica presso il Conservatorio di Torino e la Scuola Civica di Milano.

Terminati gli studi classici, si laurea in Lettere presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Torino con una tesi su Karlheinz Stockhausen, sotto la guida di Ernesto Napolitano.

Grazie ad una borsa di studio dell'Associazione Desono, si perfeziona in Inghilterra con Alan Hacker (approfondendo anche la direzione d'orchestra), in Germania con Suzanne Stephens e in Francia con Alain Damiens.

L'incontro con Stockhausen[modifica | modifica sorgente]

A diciotto anni conosce il compositore tedesco Karlheinz Stockhausen e con egli inizia una collaborazione artistica, della durata ultradecennale che si conclude con la scomparsa del compositore avvenuta nel dicembre 2007.

Stockhausen stesso spinge Marelli allo studio del corno di bassetto, strumento del quale diviene un virtuoso conosciuto a livello internazionale.[1]

Vincitore di sei edizioni del premio conferito dalla Fondazione Stockhausen per la migliore esecuzione delle sue opere, il compositore tedesco lo sceglie come solista del suo Ensemble (con il quale inciderà 3 CD) e contemporaneamente come assistente di Suzanne Stephens presso gli annuali Stockhausen Kurse Kürten.

Studia personalmente con il compositore l'intero repertorio per clarinetto e corno di bassetto, trasferendosi anche a Kürten ed approfondendo soprattutto l'aspetto mimico e scenico di alcuni suoi capolavori quali la pantomima Harlekin (1975) per clarinettista danzante della durata di 50 minuti.

Nel 2010 la Fondazione Stockhausen gli affida la prima esecuzione mondiale di UVERSA, 16ma Ora da KLANG, l'ultimo lavoro per corno di bassetto e musica elettronica a 8 canali composto da Stockhausen prima della sua scomparsa e tratto dall'incompiuto ciclo Klang.

Attività artistica[modifica | modifica sorgente]

Apprezzato e conosciuto per le sue capacità performative[2] e mimiche[3] e per il contributo dato alla riscoperta e all'ampliamento del repertorio del corno di bassetto,[4] Marelli ha collaborato con compositori quali Sylvano Bussotti, Franco Donatoni, Alberto Colla, Fabio Nieder, Claudio Lugo e Marco Stroppa, il quale gli ha dedicato il concerto per corno di bassetto amplificato e orchestra da camera Let me sing into your ear, eseguito in prima mondiale presso i Donaueschinger Musiktage 2010 sotto la direzione di Peter Eötvös.

Tiene regolarmente Masterclass e seminari in Conservatori italiani ed europei.

È endorser ufficiale della Vandoren di Parigi ed è artista ufficiale della Henri Selmer Paris suonando clarinetti Privilège.

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • Vincitore di 6 edizioni del Premio della Stockhausen Stiftung für Musik (2000-2001-2002-2004-2007-2009)
  • Primo Premio al Krzysztof Penderecki International Contemporary Chamber Music Competition di Cracovia (2004)
  • Premio Valentino Bucchi Concorso Internazionale di Clarinetto, Roma 2007
  • Honorary Logos Award, Gent (Belgio) 2000
  • Master dei Talenti Musicali della Fondazione CRT 2006
  • Borsa di studio pluriennale dell'Associazione Desono di Torino, diretta da Francesca Gentile Camerana
  • Premio discografico 5 Diapason dell'omonima rivista francese (Febbraio 2012) per il CD HARLEKIN[5]
  • Primo Premio al Concorso Internazionale di Composizione della Biennale di Koper (Slovenia) 2012 (Presidente di giuria Vinko Globokar)
  • Premio Prometheus 2012 del Gruppo Giovani Imprenditori della Confindustria di Alessandria per l'eccellenza nella cultura

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Etichetta discografica Anno Titolo Composizioni
Stockhausen-Verlag 2002 Stockhausen Complete Edition CD 64 Europa Gruss, Stop und Start
Stockhausen-Verlag 2003 Stockhausen Complete Edition CD 59 Rechter Augenbrauentanz
Krikri 2006 Krikri Festival 2005 (Belgium) M. Marelli-P. Boggio Oskar's Dream per corno di bassetto e musica elettronica
Stradivarius 2010 Harlekin K. Stockhausen Harlekin
Stockhausen-Verlag 2010 Stockhausen Complete Edition CD 94 Uversa, 16. Stunde aus Klang
Neos 2011 Donaueschinger Musiktage 2010 Marco Stroppa Let me sing into your ear
Stradivarius 2013 Stockhausen: for basset horn K. Stockhausen Traum-Formel, Evas Spiegel, Susani, Die 7 Lieder der Tage, Freia, In Freundschaft
Wergo 2013 Amour / Der kleine Harlekin / Wochenkreis K. Stockhausen Amour, Der kleine Harlekin, Wochenkreis (con Antonio Perèz Abellàn al sintetizzatore)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista apparsa sul numero di Novembre 2010 di Sistema Musica dal titolo "Michele Marelli-Grazie a Karlheinz suono anche il corno di bassetto" [1]
  2. ^ Giornale dello spettacolo, Festival Sinopoli a Taormina
  3. ^ Da il Corriere della Sera, articolo di Enrico Girardi pubblicato il 13 marzo 2011 "Composizione irridente per il geniale Stockhausen" [2]
  4. ^ Articolo apparso sul Kölnische Rundschau in occasione della Prima Mondiale di UVERSA di Stockhausen durante la Musiktriennale Köln 2010 [3]
  5. ^ Recensione di Pierre Rigaudière

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]