Michele Lessona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Michele Lessona
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Michele Lessona
Luogo nascita Venaria Reale
Data nascita 20 settembre 1823
Luogo morte Torino
Data morte 20 luglio 1894
Legislatura XVIII

Michele Lessona (Venaria Reale, 20 settembre 1823Torino, 20 luglio 1894) è stato uno zoologo, scrittore, politico e divulgatore scientifico italiano, nominato senatore del Regno d'Italia nel 1892.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Rampollo di un'antica famiglia, Michele era il terzo dei nove figli di Carlo Lessona e Agnese Maria Cavagnotti. Il padre Carlo nel 1814 venne ricompensato dal re Vittorio Emanuele I per la sua fedeltà alla casa Savoia durante l'occupazione francese di Napoleone I, con la nomina a docente di medicina veterinaria presso l'Università di Torino, Direttore della prima Scuola di Veterinaria in Venaria Reale e responsabile dell'allevamento dei cavalli di corte presso la tenuta "La Mandria" di Venaria Reale

Michele si iscrisse a 17 anni alla facoltà di Medicina dell'Università di Torino. Seguì con passione le lezioni di Giuseppe Gené. Laureatosi in medicina il 12 agosto 1846, esercitò per qualche tempo la professione a Torino. Innamoratosi di Maria Ghignetti, istitutrice delle sorelle minori, a causa della ferma opposizione della famiglia al loro matrimonio decise di fuggire con lei all'estero, spostandosi tra diversi paesi europei (Francia e Malta) ed extraeuropei (Turchia, Persia[1] e infine Egitto[2], dove per qualche tempo diresse un ospedale al Cairo).

In seguito alla morte per colera della moglie, ritornò in patria nel 1849 con l'unica figlia, Francesca, e si dedicò alle scienze naturali. Sposò in seconde nozze Adele Masi, vedova di G. B. Pollonera, da cui avrà sei figli.

Insegnò storia naturale dapprima ad Asti e poi all'Università di Torino. Nel 1854 insegnò mineralogia e zoologia a Genova. Dopo l'unità d'Italia, nel 1864 passò all'Università di Bologna. Nel 1865 ottenne la cattedra di zoologia e di anatomia comparata all'Università di Torino, succedendo a Filippo De Filippi. Rimase per il resto della sua vita a Torino dove divenne rettore dell'università torinese[3] e venne accolto all'Accademia delle Scienze. Come zoologo Lessona scrisse molte opere di zoologia, in particolar modo sulla fauna del Piemonte[4],[5].

Seguace del darwinismo ne fu uno dei più intelligenti divulgatori in Italia. Con il fondamentale aiuto di Adele Masi (1824-1904), sua seconda moglie, Lessona tradusse alcune delle opere di Charles Darwin in lingua italiana[6],[7],[8]. Lessona risulta inoltre traduttore di ventitré opere per un totale di trentadue volumi. Dalla sua corrispondenza emerge come quella intensa attività editoriale, inclusa la stesura di articoli e libri divulgativi, fosse frutto della sua collaborazione con Adele Masi, oltre che con le figlie e alcuni collaboratori[9]. Lessona fu infatti uno dei più noti divulgatori scientifici di età liberale, scrisse una biografia scientifica di Darwin[10] e diresse una delle prime riviste di divulgazione scientifica dell'Italia unita, La Scienza a dieci centesimi[11], che tuttavia ebbe una vita molto breve. Pubblicò un gran numero di articoli giornalistici raccolti in quattro volumi, col titolo di Conversazioni scientifiche, considerati "ancora oggi uno dei migliori esempi di letteratura scientifica italiana"[12]. È ricordato soprattutto per essere l'autore di "Volere è potere", un testo che ebbe un notevole successo nella seconda metà dell'800. Il libro, scritto con lo scopo di educare la gioventù italiana, riunisce le biografie di italiani caratterizzati da grande forza di volontà, sul modello di Chi si aiuta Dio l'aiuta (Self-Help) dell'inglese Samuel Smiles[13].

Dal 1877 si dedicò alla vita politica, divenendo consigliere comunale di Torino (dal 1877 al 1895).

Morì nel 1894 per complicazioni di una malattia cardiovascolare che lo affliggeva da tempo.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze italiane[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine del Leone e del Sole (Impero persiano) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine del Leone e del Sole (Impero persiano)

Opere[modifica | modifica sorgente]

Scientifiche[modifica | modifica sorgente]

  • Nozioni elementari di zoologia, Torino: Tommaso Vaccarino, 1867.
  • Storia naturale illustrata (Vol. 1: I mammiferi; Vol. 2: Gli uccelli; Vol 3: Rettili, anfibi, pesci; Vol. 4: Animali invertebrati), Milano: E. Sonzogno, 1876-1891.
  • Il mare, Torino: Tip. scolastica di Sebastiano Franco e figli, 1864.
  • Gli acquari, Torino: tip. S. Franco, 1862.
  • La Pieuvre : cenni intorno ai cefalopodi : lezione serale detta a Torino il 4 febbraio 1867, Torino: Tommaso Vaccarino, 1867.
  • Dello arocatus melanocephalus fabr. in Torino, Torino: Tip. e lit. Camilla e Bertolero, 1877.
  • Intorno alla Galleruca Calmariensis, Torino: Tip. lit. Camilla e Bertolero
  • Delle vipere in Piemonte, Torino: Stamperia Reale, 1877
  • Dei pipistrelli in Piemonte: osservazioni, Torino: Stamperia Reale, 1878
  • In Egitto; La caccia della jena, Roma, Sommaruga, 1883
  • Naturalisti italiani, Roma, Sommaruga,1884
  • Le cacce in Persia, Roma, Sommaruga,1884

Letterarie[modifica | modifica sorgente]

  • Volere è potere, Firenze: G. Barbera, 1869.
  • Conversazioni scientifiche, Milano: E. Treves & C., 1869-1874.
  • Naturalisti italiani, Roma: Sommaruga, 1884.
  • Confessioni di un rettore, Torino: Roux e Favale, 1880.
  • Carlo Darwin, Roma: Sommaruga, 1883.

Traduzioni[modifica | modifica sorgente]

Lessona svolse un'intensa attività di traduttore, soprattutto di opere scientifiche. Si deve a lui la conoscenza in Italia di opere di Félix Archimède Pouchet, John Lubbock, Michael A. Foster, ma soprattutto Charles Darwin. Tradusse tuttavia anche opere letterarie, fra le quali, ad esempio, il romanzo Consuelo di George Sand.

  • Michael A. Foster, Trattato di fisiologia, 4 voll., traduzione con note per cura di Michele Lessona, Bologna; Milano; Napoli, F. Vallardi, 1882.
  • Félix Archimède Pouchet, L'Universo: storia della natura, narrata popolarmente da F. A. Pouchet, tradotta da Michele Lessona, Milano, E. Treves, 1869.
  • John Lubbock, I tempi preistorici e l'origine dell'incivilimento, versione italiana di Michele Lessona, con un capitolo intorno all'uomo preistorico in Italia del prof. Arturo Issel, Torino, UTET, 1878.
  • Charles Darwin, Viaggio di un naturalista intorno al mondo, prima traduzione italiana col consenso dell'autore di Michele Lessona, Unione tipografico-editrice torinese, 1872.
  • Charles Darwin, L'origine dell'uomo e la scelta in rapporto col sesso, prima traduzione italiana col consenso dell'Autore del Prof. Michele Lessona, Torino, Unione tipografica-editrice, 1914.
  • Charles Darwin, La formazione della terra vegetale per l'azione dei lombrici con osservazioni intorno ai loro costumi, prima traduzione italiana col consenso dell'autore del professore Michele Lessona, Torino, Unione tipografico-editrice, 1882.
  • Alfred Edmund Brehm, La vita degli animali. Descrizioni generale del regno animale, riveduta da Michele Lessona, Torino, Unione Tipografico-Editrice, 1869?

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Lessona fu membro di numerose società scientifiche. Divenne membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione nel 1881 e membro della Reale Accademia delle Scienze di Torino.

Il 21 novembre 1892 Lessona fu nominato Senatore del Regno d'Italia, su proposta dell'allora Presidente del Consiglio dei ministri Giovanni Giolitti, che lo stimava e di cui era amico. Michele Lessona era molto popolare tra i giovani intellettuali dell'epoca, e vantava numerose amicizie tra le personalità del tempo: (Giuseppe Garibaldi, Quintino Sella, Giuseppe Verdi, Giosuè Carducci, Edmondo De Amicis).

Oltre a quello della rana di Lessona, diffusa in Italia, gli sono stati dedicati i nomi specifici di Diploglossus lessonae, una lucertola carnivora brasiliana, e di Trapelus lessonae, un'altra lucertola presente nelle regioni aride del Medio Oriente[14].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Michele Lessona, Le cacce in Persia, Roma, A. Sommaruga, 1884.
  2. ^ Michele Lessona, In Egitto. La caccia della jena, Roma, Sommaruga, 1883.
  3. ^ Michele Lessona, Confessioni di un rettore, Torino, Roux e Favale, 1880.
  4. ^ Michele Lessona, Delle vipere in Piemonte, Torino, Stamperia reale, 1877.
  5. ^ Michele Lessona, Dei pipistrelli in Piemonte : osservazioni, Torino, Stamperia reale, 1878.
  6. ^ Charles Darwin, Viaggio di un naturalista intorno al mondo di Carlo Darwin ; prima traduzione italiana col consenso dell'autore di Michele Lessona, [Torino], Unione tipografico-editrice torinese, 1872.
  7. ^ Charles Darwin, l'origine dell'uomo e la scelta in rapporto col sesso di Carlo Darwin ; prima traduzione italiana col consenso dell'Autore del Prof. Michele Lessona, Torino, Unione tipografica-editrice,, 1859.
  8. ^ Charles Darwin, La formazione della terra vegetale per l'azione dei lombrici con osservazioni intorno ai loro costumi di Carlo Darwin ; prima traduzione italiana col consenso dell'autore del professore Michele Lessona, Torino, Unione tipografico-editrice, 1882.
  9. ^ Paola Govoni, Un pubblico per la scienza. La divulgazione scientifica nell'Italia in formazione, Roma, Carocci Editore, 2002, cap. 4, 'Michele Lessona. La scienza per tutti'.
  10. ^ Michele Lessona, Carlo Darwin, Roma, Sommaruga, 1883.
  11. ^ Enrica Battifoglia, «Impegno civile di un naturalista nell'Italia risorgimentale», Le Scienze n. 517, settembre 2011, p. 101
  12. ^ Umberto Forte, Conversazioni scientifiche in Dizionario Bompiani delle Opere e dei Personaggi di tutti i tempi e di tutte le letterature, Milano, RCS Libri SpA, 2006, vol. II, 1925, ISSN: 1825-78870.
  13. ^ Samuel Smiles, Chi si aiuta Dio l'aiuta, ovvero Storia degli uomini che dal nulla seppero innalzarsi ai più alti gradi in tutti i rami della umana attività, tradotto dall'originale inglese da S. Strafforello con note, Milano, Editori della biblioteca utile, 1865.
  14. ^ Data base on-line sui rettili del Craig Venter Institute

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M. Bonifetto, «Michele Lessona e la divulgazione scientifica». In: Culture scientifiche e istituzioni in Italia tra Ottocento e Novecento, Istituto piemontese di scienze economiche e sociali A. Gramsci, 1984, pp. 1-60.
  • Mario Miccinesi, Introduzione a "Volere e potere" di Michele Lessona, Pordenone, Edizioni Studio Tesi, 1990, ISBN 88-7692-152-4.
  • G. Landucci, «Lessona, Michele». In: P. Tort (éd.), Dictionnaire du darwinisme et de l'évolution, Presses Universitaires de France, vol. 1, 1996, pp. 2622-23.
  • C. Lessona, S. Ivaldi Lessona (a cura di), I Lessona, la nostra storia, Firenze: Passigli Editori, 1999.
  • Paola Govoni, Un pubblico per la scienza. La divulgazione scientifica nell'Italia in formazione, Roma: Carocci, 2002, cap. 4 "Michele Lessona. La scienza per tutti". - ISBN 88-430-2321-7
  • Paola Govoni e Guido Verucci, «Lessona, Michele». In: Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 64, Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana, 2005, pp. 711-715 (on-line)
  • Paola Govoni, «Adele Masi Lessona». In: E. Luciano, C.S. Roero (a cura di), Stelle, Numeri e Alambicchi. Donne e Scienza in Piemonte dal 1840 al 1960, Parte I, Torino: Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile, 2008, pp. 8-14.
  • Enrica Battifoglia, «Impegno civile di un naturalista nell'Italia risorgimentale», Le Scienze n. 517, settembre 2011.
  • Andrea Scaringella, Michele Lessona, scienziato di molte arti, Torino: Daniela Piazza editore, 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 73983258 LCCN: n93108283 SBN: IT\ICCU\UFIV\055757