Michel Chossudovsky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michel Chossudovsky (1946) è un economista canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi laureato presso la University of Manchester, in Inghilterra, ottenne un dottorato di ricerca presso la University of North Carolina, negli Stati Uniti; attualmente è professore di economia (emerito) alla University of Ottawa. Chossudovsky è stato visiting professor in molti paesi nell'Europa occidentale, nel sud-est asiatico e in America Latina. Inoltre, è stato membro nel consiglio di diverse organizzazioni internazionali ed è stato consulente per i governi dei paesi in via di sviluppo. Chossudovsky è stato firmatario della dichiarazione di Kuala Lumpur per criminalizzare la guerra. È l'autore di The Globalization of Poverty and The New World Order (2003) and America's "War on Terrorism" (2005). Il suo libro più recente è intitolato Towards a World War III Scenario: The Dangers of Nuclear War (2011).[1][2][3][4]

Il prof. Michel Chossudovsky è presidente e direttore del Centre for Research on Globalization (CRG), un'organizzazione indipendente per la ricerca e l'informazione con sede a Montreal, Canada. CRG gestisce il sito GlobalResearch.ca che promuove un punto di vista critico verso la politica estera degli Stati Uniti e della NATO, così come teorie riguardanti l'attacco dell'11 settembre e la guerra al terrorismo, disinformazione dei media, povertà e diseguaglianza sociale, la crisi economica globale, la politica e la religione. Fa parte del Comitato Scientifico della rivista italiana Geopolitica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scott A. Bessenecker, The New Friars: The Emerging Movement Serving the World's Poor, IVP Books, 31 ottobre 2006, p. 156.
  2. ^ TFF Associates, The Transnational Foundation for Peace and Future Research.
  3. ^ Michel Chossudovsky – Department of Economics. Socialsciences.uottawa.ca. Retrieved on 2012-01-08.
  4. ^ Towards a World War III Scenario

5<http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=22389>

Controllo di autorità VIAF: 85381991 LCCN: n82050787