Michael Wallis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Wallis a Lichfield nel 2008

Michael Wallis (St. Louis, 7 ottobre 1945) è un giornalista, scrittore e doppiatore statunitense.

Ha scritto diciassette libri[1], tra i quali Route 66: Strada madre, nel quale parla della storica U.S. Route 66. Wallis ha ricevuto il John Steinbeck Award, l'Arrell Gibson Lifetime Achievement Award, il Will Rogers Spirit Award e il Western Heritage Award[1]. È stato nominato tre volte per il Premio Pulitzer.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Wallis frequentò l'Università del Missouri a Columbia e si trasferì a Miami, in Florida, nel 1978. Attualmente vive a Tulsa, in Oklahoma, con la moglie Suzanne Fitzgerald Wallis.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Route 66: Strada madre (Route 66: The Mother Road) - 1990
  • Pretty Boy: The Life and Times of Charles Arthur Floyd - 1992
  • Mankiller capo Cherokee. Racconta la sua gente (Mankiller: A Chief and Her People) - 1994
  • Oil Man: The Story Of Frank Phillips & The Birth Of Phillips Petroleum - 1995
  • Way Down Yonder in the Indian Nation - 1997
  • The Lincoln Highway: Coast to Coast from Times Square to the Golden Gate - 2007
  • Billy the Kid: The Endless Ride - 2008
  • The Wild West: 365 Days - 2011
  • David Crockett: The Lion of the West - 2011

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Michael Wallis è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Award-winning author speaks to library backers.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 115154197