Michael Tritter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Tritter
Tritter.png
Universo Dr. House - Medical Division
Lingua orig. Inglese
Autore David Shore
1ª app. in Pazzi d'amore
Ultima app. in Parole e fatti
Interpretato da David Morse
Voce italiana Antonio Sanna
Sesso Maschio
Professione Investigatore di polizia

Michael Tritter è un personaggio fittizio della serie televisiva statunitense Dr. House - Medical Division che appare durante la terza stagione. È interpretato da David Morse ed è un investigatore di polizia, antagonista di Gregory House.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Nell'episodio Pazzi di amore House si reca, come al solito controvoglia, all’ambulatorio, dove si occupa di Michael Tritter, un esperto detective che soffre di infiammazione ai genitali.

House dice che la causa del problema sia la disidratazione, perché ha notato che Tritter mastica la gomma alla nicotina per smettere di fumare, ma questi chiede un tampone; House lo attacca con un commento sarcastico e tenta di uscire dalla stanza, ma Tritter dà un calcio al bastone e lo fa cadere: nel relazionarsi con una persona non devi mai comportarti pensandola come se fosse un idiota, altrimenti incontrerai chi farà lo stesso con te, questo il pensiero di Tritter riferito al medico. Il diagnosta acconsente a fare un tampone, e poi chiede che Tritter si abbassi i pantaloni misurandogli la temperatura rettale, poiché la gomma scombina quella orale, uscendo dall’ambulatorio lasciando il paziente con il termometro nel retto e commentando con un'infermiera di avere l'impressione di essersi dimenticato qualcosa.

In seguito la Cuddy convoca Gregory nel suo ufficio, insieme a Michael Tritter. Tritter pretende delle scuse, anche se in realtà sta cercando di umiliare il medico, sostenendo che non può sempre averla vinta: House rifiuta.

Alla fine dell'episodio il primario si dirige verso casa con la sua moto, ma è costretto a fermarsi quando vede Tritter che lo insegue. House è arrabbiato all’idea della multa, ma Tritter replica che lo ha inseguito perché ha visto House impasticcarsi mentre lo visitava. Tritter dice che lo trova pericoloso, sotto l’effetto dei narcotici; inoltre trova un barattolo di Vicodin nella sua tasca: gli chiede di vedere la ricetta, House non gliela mostra e il detective lo porta in galera per possesso di droga.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio dell'episodio successivo, C'est la vie, House è rinchiuso in una cella alla stazione di polizia. Frustrato, chiede a Tritter di incriminarlo o di rilasciarlo, ma l’agente non reagisce.

Wilson arriva e paga la cauzione; House lo incontra fuori dalla stazione e l’amico gli consegna una confezione di Vicodin. House gli assicura di essere innocente, e che Tritter intendeva solamente punirlo.

In seguito, mentre lavora all’ambulatorio, House nota Tritter nell’atrio. Questi lo informa di aver aggiornato la Cuddy sull’arresto, ma lui ingoiando tranquillamente le sue pillole gli risponde sfrontatamente. Il poliziotto replica che forse è troppo convinto di riuscire ad intimidire gli altri, e poi se ne va.

Tornando a casa House vede Tritter con due agenti che lo informano di stare eseguendo una perquisizione. Tritter mostra un sacco pieno di pillole, con circa seicento Vicodin, che potrebbero essere attribuiti ad uno spaccio, anche se House ribatte che ogni confezione è rilasciata solamente dopo prescrizione medica, ma Tritter sospetta che il medico abbia falsificato le ricette: quella notte nella stanza d’albergo di Wilson, Tritter gli chiede se ha davvero prescritto il Vicodin all'amico e Wilson afferma che ne ha veramente bisogno, al che Tritter esibisce alcune prescrizioni e le mostra all’oncologo, affermando che le firme non sono tutte uguali. Wilson è sorpreso, ma sostiene che qualche volta firma in modo diverso; Tritter gli concede alcuni istanti per riconsiderare la sua ultima affermazione, perché se stesse mentendo, lo scoprirebbe, ma James non cambia la sua versione.

Tritter non demorde: nell'episodio seguente, Ultimo sacrificio, avvicina Cameron e la interroga: ella difende il capo, ma si blocca apprendendo che House ha abbandonato Wilson alla polizia: non ne era a conoscenza, e il poliziotto ne approfitta per indagare in profondità finché il cercapersone della dottoressa suona, per cui ella, cogliendo l'occasione, si precipita dai colleghi: erano Chase e Foreman, che l'hanno salvata dall'agente.

In seguito interroga anche Chase, a cui dice che pensa che Robert sia stato obbligato a fare prescrizioni al capo, e ora debba mentire alla polizia, e Foreman, che spiega d'essere convinto che House soffra veramente e che lo stato non dovrebbe decidere quante pillole possono sedare un dolore.

Alla fine dell'episodio House trova Wilson mentre cerca di fare un prelievo dal bancomat, ma c’è un problema: la banca gli comunica che i suoi fondi sono stati bloccati, per un’indagine della polizia in corso. House gli dice che non potranno tenersi i suoi soldi per molto, ma Wilson sa bene che non potrà utilizzarli fino a che non deciderà di consegnare l’amico a Tritter.

In Effetto domino gli viene sequestrata l'auto e gli viene revocata la licenza di prescrivere farmaci molto significativa per un oncologo.

Nell'episodio Aspettando Giuda per via di Tritter House rimane a corto di Vicodin e Wilson passa un tragico periodo, ma Tritter, afferma che quello è il suo modo di procedere quando vuole veramente qualcosa: se con Wilson non funzionerà, passerà magari alla Cuddy stessa; infatti il giorno dopo i membri del team di House si ritrovano con i conti bancari congelati.

Tritter interroga Foreman parla di suo fratello Marcus, che è in prigione a causa della droga: se egli testimonia contro House, Tritter si impegnerà di far liberare Marcus entro due mesi. Foreman non cede, e l’agente osserva che il medico è egoista tanto quanto il suo capo, poi dice a Cameron che, prima di incontrare House faceva sempre la cosa giusta, mentre ora si ostina a difenderlo ingiustificatamente.

A pranzo Chase incontra Tritter nella caffetteria dell’ospedale: egli spiega che sta per sbloccare i conti di Allison ed Eric, ma non quello di Robert: entrambi sanno bene che il suo conto non è mai stato bloccato, e Chase ha mentito con gli amici per non far vedere di collaborare con Tritter.

Alla fine dell'episodio Wilson raggiunge Tritter, e gli dice che vuole le trenta monete d’argento.[1]

All'inizio di Un piccolo Natale, Wilson e Tritter raggiungono un accordo: dopo una confessione dell'oncologo di non aver firmato le prescrizioni, la polizia offrirebbe ad House due mesi in un complesso di disintossicazione in cambio di una dichiarazione di colpevolezza, ma House freddamente risponde loro di uscire dal suo ufficio.

Tritter dice che ha solo tre giorni per prendere una decisione. Gli amici di House cercano di costringerlo ad accettare: gli negheranno Vicodin e trattamento di favore e sarà escluso dal caso finché non accetterà.

In seguito Wilson incontra Tritter e gli spiega che la dipendenza da farmaci danneggia le persone, ma House salva delle vite e prende le decisioni giuste che nessun altro potrebbe mai prendere, ed egli non testimonierà contro di lui, ma Tritter risponde che, basandosi sulle sue precedenti affermazioni, Wilson finirà in carcere e il suo rifiuto di testimoniare non proteggerà comunque House.

Nella fine dell'episodio House si dirige fino all’ufficio di Tritter per accettare la sua offerta. Tritter ha trovato delle nuove prove: House ha ritirato pillole con il nome di un paziente morto, per cui l'agente non ha più bisogno di Wilson per condannare House.

Conclusione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'episodio Parole e fatti House viene processato, ma grazie ad una falsa testimonianza della Cuddy (che afferma di aver sostituito le pillole con un placebo conscia del fatto che House fosse in quel momento "vulnerabile e disperato"), se la cava con una notte di cella per oltraggio alla corte; Tritter dice che spera di essersi sbagliato sul conto di House.

Analogie[modifica | modifica wikitesto]

Tra i personaggi della serie di Dr. House - Medical Division è presente un altro investigatore, Lucas Douglas, che compare nella quinta stagione. Si tratta tuttavia di un personaggio opposto alla figura di Tritter: mentre quest'ultimo è un investigatore al servizio della polizia e diventa nemico di House cercando in tutti i modi di portarlo in tribunale, il secondo è l'investigatore privato di House e diventa consapevolmente o meno l'amico e segugio di House per qualche episodio (in assenza di Wilson).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fa chiaramente riferimento al tradimento di Giuda

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]