Michael Jackson: 30th Anniversary Special

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Jackson: 30th Anniversary Celebration - The Solo Years
Tour di Michael Jackson
Album Invincible
Inizio 7 settembre 2001
Fine 10 settembre 2001
Spettacoli 2
Cronologia dei tour di Michael Jackson
Michael Jackson & Friends
(1999)
This Is It
(2009-2010)

Michael Jackson: 30th Anniversary Special (in realtà il titolo originale dei concerti era: Michael Jackson: 30th Anniversary Celebration - The Solo Years) sono stati due concerti evento tenuti da Michael Jackson nel 2001 (rispettivamente il 7 e il 10 settembre) al Madison Square Garden di New York per festeggiare i suoi 30 anni di carriera solista (il suo primo singolo da solista senza i Jackson 5 per la Motown intitolato Got to Be There uscì nel 1971).

All' evento parteciparono e si esibirono molti artisti come Whitney Houston, Justin Timberlake con gli 'N Sync, Beyonce con le Destiny's Child, Britney Spears, Slash, Liza Minnelli, Usher, Yoko Ono e molti altri; ma anche i volti del cinema: Marlon Brando, Elizabeth Taylor, Samuel L. Jackson e Chris Tucker che fecero dei discorsi o presentarono i vari cantanti.

L'evento culminante delle due serate fu però la reunion di Jackson coi fratelli The Jacksons coi quali non si era più esibito dal vivo dal Victory Tour del 1984.

Special TV della CBS[modifica | modifica wikitesto]

I due concerti del Michael Jackson: 30th Anniversary Celebration - The Solo Years furono montati e trasformati in un unico special TV di due ore trasmesso dalla CBS in USA per la prima volta il 13 novembre del 2001 facendo record di ascolti per il canale con circa 50 milioni di spettatori e diventando uno dei concerti musicali più visti nella storia della TV americana. [1] Questa stessa versione CBS dei due concerti venne trasmessa anche in altri canali TV in giro per il mondo, specialmente dopo la prematura morte dell'artista avvenuta il 25 giugno 2009. Una versione HD venne trasmessa in Giappone nel 2009.

Le ulteriori repliche della CBS e le varie trsmissioni all'estero hanno fatto di questo concerto musicale uno dei più visti nella storia. [2]

Ad oggi (2015), questo special inspiegabilmente non è ancora stato trasmesso da nessun emittente televisiva in Italia e non è ancora stato rilasciato in DVD o Blu-ray Disc in nessun paese del mondo se non in versioni bootleg.

Da questo special in poi il nome dei due concerti venne cambiato appunto da "celebration" a "special" e da allora sono conosciuti così.

Scaletta completa delle due serate (include anche pezzi tagliati nella versione CBS del concerto)[modifica | modifica wikitesto]

  1. You Are Not Alone
  2. Never Never Land
  3. Over the Rainbow
  • We Are the World (tutti gli artisti)
  • You Rock My World "reprise" (Michael Jackson e tutti gli artisti solo il 7 settembre)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Secondo il libro di Frank Cascio (amico di lunga data di Jackson) "Il Mio Amico Michael" [3] prima della serata del 7 settembre Jackson sarebbe stato pesantemente sedato dal proprio medico personale. Frank (allora assistente di Jackson) avrebbe così dovuto svegliarlo a forza dandogli del Gatorade per cercare di farlo riprendere mentre la truccatrice di MJ, Karen Faye e il suo stilista personale, Michael Bush iniziavano a prepararlo mentre ancora dormiva. Questo spiegherebbe alcuni ritardi, l'andatura incerta del cantante sul red carpet (con tanto di pantaloni ancora slacciati) [4], alcune imprecisioni nelle performances e un Jackson un po' disorientato nella serata del 7.
  • I biglietti per i due concerti erano tra i più cari della storia per un concerto evento. Si andava dai circa $5000 dollari (per i biglietti VIP) in giù, con prezzi più abbordabili per i fan club dell'artista. Jackson avrebbe guadagnato $7.5 milioni di dollari per ognuno dei due concerti, che sono oltre $150,000 dollari per minuto. L'incasso totale dei due concerti sarebbe stato di circa $11 milioni di dollari ai quali vanno aggiunti i diritti per le varie trasmissioni televisive dello special della CBS in tutto il mondo.
  • Coi biglietti VIP era garantita una cena con l'artista tenutasi dopo il concerto del 7 al prestigioso Tavern on the Green al Central Park di New York. Jackson avrebbe però lasciato la serata in anticipo rispetto ai piani a causa della calca di VIP, fans e paparazzi che lo avrebbero circondato.
  • Essendosi tenuto il 10 settembre 2001 il secondo e ultimo concerto, Jackson, i suoi fratelli, l'entourage e quasi tutti gli ospiti della serata si trovavano ancora a New York nel momento degli attentati dell'11 settembre 2001. Secondo alcune testimonianze, tra cui quella del fratello Jermaine, Michael fu svegliato da una telefonata di un amico all'estero che gli diceva di accendere la TV perché le Torri Gemelle erano state colpite. Jackson uscì allora nei corridoi dell'Hotel svegliando parenti e amici dicendo che dovevano lasciare subito la città. Nonostante gli aeroporti fossero stati chiusi e la città blindata, Jackson e il suo entourage risucirono a lasciare New York sani e salvi.
  • In seguito agli attentati, Jackson riprenderà la canzone What More Can I Give scritta inizialmente per i concerti benefici Michael Jackson & Friends del 1999 ma rimasta inedita fino ad allora e la dedicherà alle vittime degli attentati dell'11/09 presentandola prima al concerto United We Stand di Washington e poi auto-producendola come singolo negli anni seguenti. Al pezzo benefico prenderanno parte molti artisti tra i quali Mariah Carey, Celine Dion, Usher, Ricky Martin, Beyonce, Justin Timberlake e gli 'N Sync, Carlos Santana e molti altri.
Michael Jackson Portale Michael Jackson: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Michael Jackson