Michael Gary Stevens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore inglese nato nel 1962, vedi Gary Andrew Stevens.
Gary Stevens
Dati biografici
Nome Michael Gary Stevens
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Carriera
Squadre di club1
1982-1988 Everton Everton 208 (8)
1988-1994 Rangers Rangers 187 (8)
1994-1998 Tranmere Tranmere 126 (2)
Nazionale
1985-1992 Inghilterra Inghilterra 46 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 maggio 2007

Michael Gary Stevens (Barrow-in-Furness, 27 marzo 1963) è un ex calciatore britannico, nazionale inglese di ruolo terzino destro.

Difensore di fascia, fece parte dell’Everton guidato negli anni ottanta da Howard Kendall, che contese al Liverpool il primato cittadino e nazionale, vincendo, tra l’altro, due campionati d’Inghilterra e la Coppa delle Coppe. In nazionale inglese, prese parte ai campionati del mondo del 1986 e del 1990, nonché al campionato d'Europa 1988.

Attività di club[modifica | modifica wikitesto]

Gary Stevens è nato a Barrow-in-Furness, cittadina della contea nord-occidentale della Cumbria, calcisticamente nell’orbita della non distante Liverpool: fu proprio con l’Everton, infatti, che Gary Stevens esordì in campionato nel 1982, e fu il Liverpool l’avversario più agguerrito che dovette fronteggiare per arrivare alla vittoria in una competizione: nel 1984 i Reds eliminarono l’Everton in Coppa di Lega e andarono a conquistarla, ma a loro volta i Toffees eliminarono il Liverpool lungo la strada per la finale della Coppa d’Inghilterra, che l’Everton vinse a Wembley contro il Watford allora di proprietà di Elton John.

Con l’Everton, nella stagione successiva, Stevens vinse la Coppa delle Coppe e chiuse un treble che comprendeva anche la vittoria del campionato inglese e la FA Cup. A causa del bando imposto alle squadre inglesi dopo la strage dell'Heysel, tuttavia, la squadra non poté giocare la successiva Coppa dei Campioni. Fu una vera iattura perché in quegli anni l'Everton era la squadra più forte d'Europa.

La stagione seguente vide ancora Stevens alla guida della difesa che contese al Liverpool il primato nazionale: i Reds vinsero il campionato davanti all’Everton, e li batterono nella finale di Coppa d’Inghilterra per 3-1. Nel 1987, invece, fu l’Everton a rivincere il campionato.

Alla fine della stagione 1987/88, Stevens lasciò l’Everton e si trasferì in Scozia ai Rangers, in un momento critico per il club: il tecnico-giocatore Graeme Souness (a sua volta proveniente dal Liverpool) stava perseguendo la politica di ingaggiare vari giocatori provenienti da altre federazioni, in particolare quella inglese, bandita a livello di club dalle competizioni dell’UEFA: le squadre scozzesi rimanevano, per i giocatori inglesi, le uniche credibili rappresentanti del Regno Unito in Europa. La prima stagione di Stevens terminò con la conquista del titolo: con la squadra di Glasgow vinse in totale sei titoli consecutivi dal 1989 al 1994, più due Coppe di Scozia e tre Coppe di Lega, conseguendo un treble (1993) e quattro double (1992 insieme alla Coppa di Scozia, 1989, 1991 e 1994 insieme alla Coppa di Lega).

Nel 1994 Stevens tornò vicino casa, a Birkenhead (Merseyside), ingaggiato dal Tranmere, squadra di seconda divisione con la quale giocò fino al 1998, anno del suo definitivo ritiro.

Attività in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Stevens esordì in nazionale inglese nel giugno 1985, poco dopo aver conquistato il treble con l’Everton, e divenne quasi subito titolare fisso sulla fascia destra. In occasione del campionato del mondo 1986 in Messico fu tra i convocati della selezione nazionale, nella quale figurava anche Gary Andrew Stevens del Tottenham: l’omonimia causò confusione tra i cronisti e suscitò ilarità tra i tifosi inglesi[1]. Gary Stevens fu titolare nel quarto di finale perso contro l’Argentina in cui Maradona segnò il suo discusso goal di mano, sebbene non fu tra i difensori saltati dall’argentino durante la discesa verso il suo secondo goal: Stevens, infatti, era piazzato sulla linea di porta, alle spalle di Shilton, nel tentativo inutile di coprire il palo più vicino a Maradona.

Il campionato d'Europa 1988 in Germania Ovest si risolse in un disastro per la nazionale inglese, con tre sconfitte su tre incontri in prima fase (Irlanda 0-1, Paesi Bassi 1-3, URSS 1-3). Al successivo campionato del mondo 1990, invece, Stevens arrivò alle semifinali contro la Germania, perdendo ai rigori, e finendo quarto dopo aver perso la finale per il terzo posto contro l’Italia.

Inizialmente fuori dal gruppo dei convocati per il campionato d'Europa 1992 in Svezia, Stevens fu richiamato d’urgenza per sostituire Dixon, ma prima che il tecnico inglese Graham Taylor comunicasse la lista dei convocati ufficiali, si infortunò e fu scartato. La mancanza di un difensore di ruolo sulla fascia destra fu tra le cause dell’ennesima eliminazione inglese al primo turno del campionato europeo. Dopo quell’infortunio non fu più convocato e quindi la sua carriera in nazionale terminò dopo 47 incontri.

Da un recente sondaggio online apparso sul sito dell’Everton, in cui si invitavano i tifosi a scegliere l’undici ideale tra i giocatori di tutti i tempi del club, Stevens è risultato il terzino destro più votato[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Everton: 1983-1984
Everton: 1984, 1985, 1986, 1987
Everton: 1984-1985, 1986-1987
Rangers: 1988-1989, 1989-1990, 1990-1991, 1991-1992, 1992-1993, 1993-1994
Rangers: 1988-1989, 1990-1991, 1992-1993, 1993-1994
Rangers: 1991-1992, 1992-1993

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Everton: 1984-1985

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Uno dei cori da stadio più intonati, in quell’occasione, fu «Two Gary Stevens! There’s only two Gary Stevens!» (Due Gary Stevens! Ci sono solo due Gary Stevens!), cantato sulle note di Guantanamera, .
  2. ^ (EN) «Greatest Ever Everton team», dal sito Evertonfc.co.uk.

Controllo di autorità VIAF: 24114711 LCCN: nb2004310377