Michael Fried

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michael Fried (New York, 1939) è un critico d'arte e storico dell'arte statunitense.

La sua opera più nota è Art and Objecthood (Arte e Oggettualità, 1967) un saggio con cui prende nettamente posizione contro il Minimalismo. Il saggio si articola attorno ai due concetti di literalism e teatralità, con cui intende scongiurare l'eterna minaccia di un'identificazione fra arte e vita. Con il termine literalism si allude al mondo fisico e concreto delle cose e quindi allo sconfinamento dell'estetica nel reale. Con teatralità si allude invece alla durata e quindi alle nuove modalità di esperire le opere, che coinvolgono ora lo spettatore/osservatore: non più creazioni artistiche che si offrono a una pura contemplazione estetica, ma oggetti da percepire o addirittura veri spazi da percorrere.

Controllo di autorità VIAF: (EN46761268 · LCCN: (ENn79089516 · ISNI: (EN0000 0001 0895 4878 · GND: (DE123555299 · BNF: (FRcb119036127 (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie