Micha Josef Berdyczewski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Micha Josef Berdyczewski

Micha Josef Berdyczewski in ebraico מיכה יוסף ברדיצ'בסקי, pseudonimo Mikhah Yosef Bin-Gorion (Medžybiž, 7 agosto 1865Berlino, 18 novembre 1921) è stato uno scrittore e giornalista ucraino, di lingua ebraica e yiddish, noto per essere stato uno dei primi letterati di questa cultura ad ottenere grandi riconoscimenti in Germania.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque nell'Ucraina occidentale, in una regione colpita dalla diaspora askenazita, all'interno di una famiglia profondamente religiosa guidata dal padre, rabbino della cittadina, adetti di Rabbi Israel ben Eliezer, (anche noto come Baal Shem Tov), fondatore della corrente dello chassidismo,che era nato nella stessa località.

Si separò dalla sua prima moglie a causa della avversione mostrata dalla famiglia di essa nei confronti della passione manifestata dal giovane marito verso la letteratura moderna e laica.

Uno dei suoi primi articoli, pubblicato sul giornale Hamelitz nel 1888, cadde proprio in un periodo della sua vita definito "Hetzitz V'nifga" (הציץ ונפגע in ebraico che significa "verso l'eresia" - ) e fu caratterizzato da un forte spirito polemico e da una tendenza all'osservazione del complesso stato d'animo della sua generazione.

Nel 1890 si recò in Germania e in Svizzera per completare i suoi studi in filosofia presso le Università di Berlino e di Berna. In quegli anni, Berdyczewski approfondì le sue conoscenze delle opere di Nietzsche ed Hegel, pensatori che ebbero una grande influenza sulla sua formazione culturale.

Al suo ritorno in Ucraina, l'autore incominciò a pubblicare numerosi libri, il cui denominatore comune restò il deterioramento della vita tradizionale ebraica.

Dopo una breve parentesi polacca, nel 1911 Berdyczewski ritornò in Germania dove adottò il soprannome Ben-Gorion. Gli ultimi anni della sua vita li dedicò ad una ricerca di leggende e racconti folk ebraici.

Il pensiero filosofico[modifica | modifica sorgente]

Berdyczewski si mostrò critico nei confronti della tradizione spirituale ebraica e in una delle sue opere più importanti, Shinnuy ha-arachim ("Inversione dei valori") del 1922 sostenne che l'ebraismo in origine fu una nazione ed i profeti solo in un secondo tempo lo trasformarono in una religione, mentre di tutto ciò ai primi del Novecento restava solo l'idea astratta. Il disagio della sua generazione dipendeva proprio da questo motivo e il rimedio era una inversione dei valori che riportino l'uomo al centro dell'attenzione, liberandolo da Dio e riavvicinandolo alla natura. Quindi naturismo ed estetismo guidarono la poesia di Berdyczewski.[1]

I suoi libri, scritti in ebraico, Yiddish e talvolta in tedesco, mostrarono un quadro chiaro e nitido sulla tradizione ebraica dei paesi dell'Europa orientale e in particolar modo su quella talmudica e chassidica.

Opere letterarie[modifica | modifica sorgente]

  • Sefer Chassidim ("Il libro dei Pii", 1900)
  • Meheavar ha-karow ("Dal prossimo passato", 1909)
  • Meozar ha-aggadah ("Dal tesoro della saga, 1914)
  • Sinai und Garizin (1926)
  • Die Sagen der Juden ("Saghe e leggende ebraiche", 5 Vols., 1927)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol.II, pag.196

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 29684962 LCCN: n83126241