Międzyrzec Podlaski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il limitrofo comune rurale, vedi Międzyrzec Podlaski (comune rurale).
Międzyrzec Podlaski
comune
Międzyrzec Podlaski – Stemma Międzyrzec Podlaski – Bandiera
Międzyrzec Podlaski – Veduta
Localizzazione
Stato Polonia Polonia
Voivodato POL województwo lubelskie COA.svg Lublino
Distretto POL powiat bialski COA.svg Biała Podlaska
Amministrazione
Sindaco Artur Jan Grzyb
Territorio
Coordinate 51°59′00″N 22°47′00″E / 51.983333°N 22.783333°E51.983333; 22.783333 (Międzyrzec Podlaski)Coordinate: 51°59′00″N 22°47′00″E / 51.983333°N 22.783333°E51.983333; 22.783333 (Międzyrzec Podlaski)
Altitudine 148 m s.l.m.
Superficie 20,03 km²
Abitanti 17 140 (2007)
Densità 855,72 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 21-560
Prefisso (+48) 83
Fuso orario UTC+1
Targa LBI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Polonia
Międzyrzec Podlaski
Sito istituzionale

Międzyrzec Podlaski (o semplicemente Międzyrzec, in tedesco Meseritz, in yiddish מעזעריטש (Mezeritch), in ucraino Мендзижець Підляський) è una città polacca del distretto di Biała Podlaska nel voivodato di Lublino.

La città ha fatto parte, dal 1975 al 1998 del voivodato di Biała Podlaska.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo riconoscimento di Międzyrzec Podlaski come città avvenne nel 1477. Dal XVI secolo la città ha una grande popolazione ebraica. Nel 1795 la città fu occupata dall'Impero Austro-Ungarico, e fu posseduta dal Ducato di Varsavia dal 1809 al 1815, quando divenne membro del Regno del Congresso. Nel 1867 la città divenne una fermata delle ferrovie polacche.

Alla fine degli anni '30 del XX secolo circa 12.000 persone erano ebree. Nel settembre 1939, l'Armata Rossa occupò la città, ma all'inizio di ottobre l'Unione Sovietica cedette la città alla Germania, per effetto del Patto Molotov-Ribbentrop. Dopo la resa, circa 2.000 ebrei lasciarono la città per la zona di occupazione sovietica. I tedeschi costruirono un ghetto nella città, abitato da circa 20.000 prigionieri. Il 17 luglio 1943 il ghetto fu svuotato: gli ultimi 160-200 abitanti furono uccisi, e la città fu ufficialmente dichiarata libera dagli ebrei. Meno dell'1% della popolazione ebrea sopravvisse all'occupazione tedesca.

Luoghi[modifica | modifica sorgente]

Tra gli edifici più interessanti della città ci sono la piazza del mercato del XV secolo e la Chiesa di San Nicola, costruita nel 1477. L'ospedale locale fu costruito tra il 1846 e il 1950, e la stazione ferroviaria nel 1867.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Su circa 4.900 cittadini che lavorano in città, il 36% lavora nel settore industriale, il 19% nel commercio e l'11% nell'istruzione. Il tasso di disoccupazione cittadino era del 22% nell'ottobre 2005.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia