Metropolitan Transportation Authority (New York)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo Metropolitan Transportation Authority (New York)
Sample of MTA services MNRR NYCT Bus LIRR MTA Bus LI Bus NYCT Subway.jpg
Il Metropolitan Transportation Authority (MTA) fornisce servizi di autobus locali ed espressi, metropolitana e il servizio ferroviario regionale a New York, e gestisce molteplici ponti a pedaggio e tunnel nella città di New York.
Inaugurazione 1965
Mezzi utilizzati 2,290 carrozze per ferrovie pendolari[1][2]
6,399 carrozze per la metropolitana[2]
5,920 autobus[3][4]
Numero linee 16 (ferrovia pendolare)
24 (metropolitana)
338 (autobus)
4 (BRT)
Passeggeri
al giorno
all'anno

11.574.566 (al giorno)[1][3][4][5]
(dati 2007)

Il Metropolitan Transportation Authority (MTA) è una società di pubblica utilità, responsabile del trasporto pubblico nello stato americano di New York, che serve 12 contee nel sud-est di New York, insieme a due contee nel sud-ovest del Connecticut sotto contratto con la Connecticut Department of Transportation, portando oltre una media di 11 milioni di passeggeri nei giorni della settimana e più di 800.000 veicoli sui suoi sette ponti a pedaggio e nei due tunnel per ogni giorno della settimana.[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Noleggiata dalla Legislatura dello Stato di New York, nel 1965, come Metropolitan Commuter Transportation Authority (MCTA), inizialmente è stata creata per acquisire e gestire il fallimento della Long Island Rail Road. MCTA ha cambiato il suo nome diventando Metropolitan Transportation Authority (MTA) nel 1968, quando ha assunto la gestione della rete New York City Transit Authority (NYCTA) e Triborough Bridge and Tunnel Authority (TBTA), ora MTA New York City Transit (NYCT) e MTA Bridges and Tunnels, rispettivamente (B&T). L'agenzia ha inoltre acquisito in leasing i nuovi tracciati pendolari dello Stato di New York di Hudson, Harlem e nuove linee Haven della Penn Central Transportation Company, che si sono aggiudicati il loro funzionamento sovvenzionato, fino a quando le operazioni di tale società hanno chiuso i battenti, andando a far parte della Conrail nel 1976. MTA ha assunto la piena operatività nel 1983, come la Metro-North Railroad.

Responsabilità e servizi[modifica | modifica wikitesto]

MTA ha la responsabilità dello sviluppo e l'attuazione di una politica unitaria di trasporto di massa per l'Area metropolitana di New York, tra cui tutti e cinque i quartieri di New York e le contee suburbane di Dutchess, Nassau, Orange County, Putnam, Rockland, Suffolk e Westchester, tutte insieme formano il "Metropolitan Commuter Transportation District (MCTD)". Joseph Lhota, è attualmente Presidente e Amministratore Delegato del MTA, essendo stato nominato dal governatore Andrew Cuomo. Nuria Fernandez è anche stato nominato Direttore Capo Operativo.[7]

I presidenti del passato MTA più importanti erano: Richard Ravitch (1979-1983), Robert Kiley (1983-1991), Peter Stangl (1991-1995), Virgilio Conway (1995-2001), Peter S. Kalikow (2001-2007), Dale Hemmerdinger (2007-2009) e Jay Walder (2009-2011).

MTA è il più grande fornitore di trasporto pubblico dell'emisfero occidentale. Le sue agenzie servono una regione di circa 14,6 milioni di persone, distribuita su oltre 13.000 km², in 12 contee di New York e due nel Connecticut. Oggi fa muovere più di 8,5 milioni di clienti al giorno (2,6 miliardi su ferrovia e autobus in un anno) e impiega circa 65.000 lavoratori.

Entità correlate[modifica | modifica wikitesto]

MTA svolge pianificazioni e altre responsabilità sia direttamente che tramite le sue società controllate e collegate, e fornisce la propria supervisione di queste agenzie che ne dipendono, conosciute collettivamente come "entità collegate".[8] Quest'ultime rappresentano una serie di agenzie già esistenti che sono giunte sotto l'ombrello di MTA. A loro volta, queste agenzie in precedenza esistenti erano (con l'eccezione di MTA Bridges and Tunnels e MTA Capital Construction) successori di proprietà di imprese private che hanno fornito sostanzialmente gli stessi servizi.

Ciascuna di queste entità ha un nome popolare e, in alcuni casi, un precedente nome legale. I nomi popolari erano parte di uno sforzo globale di identificazione aziendale fatto nel 1994 per eliminare la confusione sulle affiliazioni delle varie "autorità" che facevano parte di MTA.[9] I nomi legali da allora sono stati utilizzati esclusivamente per documenti legali, come i contratti, e non sono stati utilizzati pubblicamente, tuttavia, a partire dalla metà degli anni 2000, il nome popolare è stato usato anche per i documenti legali relativi agli appalti di contratto in cui è stato utilizzato il nome legale finora. Entrambi sono elencati di seguito.

Agenzie sussidiarie[modifica | modifica wikitesto]

  • MTA Long Island Rail Road (LIRR)
    (nome legale - non più utilizzato pubblicamente: The Long Island Rail Road Company)
  • MTA Metro-North Railroad (MNR)
    (nome legale - non più utilizzato pubblicamente: Metro-North Commuter Railroad Company)
  • MTA Staten Island Railway (SIR)
    (nome legale - non più utilizzato pubblicamente: Staten Island Rapid Transit Operating Authority)
  • MTA Bridges and Tunnels (MTA B&T)
    (nome legale - non più utilizzato pubblicamente: Triborough Bridge and Tunnel Authority)
  • MTA Capital Construction (MTACC)
    (nome comune usato, anche se il nome legale è MTA Capital Construction Company)
  • MTA Regional Bus Operations (nome legale - non usato pubblicamente; ma piuttosto nel commercio):
    • MTA Bus
      (nome legale - a volte usato pubblicamente: MTA Bus Company)
    • MTA New York City Bus

Agenzie affiliate[modifica | modifica wikitesto]

Gestione[modifica | modifica wikitesto]

MTA è governata da un consiglio di 17 membri che rappresentano i 5 quartieri di New York e ciascuna delle contee che fanno parte della zona di servizio dello Stato di New York.

Cinque membri, oltre al Presidente e all'Amministratore Delegato, sono direttamente nominati dal Governatore di New York. Con quattro voti dal sindaco di New York, e uno ciascuno dai dirigenti della Contea di Nassau, Suffolk e Westchester. Ognuna di queste componenti dispone di un voto.

Anche i dirigenti della Contea di Dutchess, Orange, Putnam e Rockland possono nominare un rappresentante, ma devono esprimere un voto collettivo. Il Consiglio ha anche a rotazione sei posti senza diritto di voto detenuti dai rappresentanti degli impiegati MTA e da un comitato consultivo permanente di cittadini, che funge da voce per i clienti MTA.

Tutti i membri del consiglio sono confermati dal Senato statunitense.

Bilancio[modifica | modifica wikitesto]

Il deficit di bilancio di MTA è una crisi crescente, così come per i residenti della città e dello stato di New York e della legislazione. Attualmente MTA ha 31 miliardi di dollari di debito e di un buco di 900 milioni di dollari del bilancio operativo del 2011.[10]

Cause[modifica | modifica wikitesto]

MTA ha sempre funzionato in disavanzo, ma un aumento della spesa nel periodo 2000-2004, unito alla crisi economica ha portato a un forte aumento degli oneri finanziari a carico di MTA. I problemi di bilancio attuali derivano da più fonti. MTA non può essere sostenuta solo da tariffe e da pedaggi stradali. Nel preliminare di bilancio 2011, si sono previsti ricavi di esercizio per 6,5 miliardi di dollari, pari a solo il 50% dei 13 miliardi di dollari delle spese di gestione.[11] Pertanto MTA deve poter contare su altre fonti di finanziamento per rimanere operativa. Il gettito da imposte immobiliari a fini di trasporto ha contribuito a contenere il deficit. Tuttavia, a causa della debole congiuntura e del mercato immobiliare instabile, il denaro da tali tasse è fortemente diminuito, nel 2010, il gettito fiscale è sceso di almeno il 20% al di sotto del valore previsto.[12] Al di là di questo, in costante riduzione sono gli aiuti economici da parte dei governi della città e dello stato che hanno portato a chiedere denaro in prestito mediante l'emissione di obbligazioni, che hanno contribuito fortemente al debito che è presente oggi.[13]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Questo deficit di bilancio ha portato a diversi problemi, concentrati soprattutto a New York. La Metropolitana di New York ha aumentato le tariffe del triplo dal 2008, con il più recente che si verificano 30 dicembre, 2010, facendo innalzare le tariffe per corse singole da $ 2,00 a $ 2,25 e la MetroCard mensile da $ 89 a $ 104.[14] Ogni rialzo di tariffa è stata accolta dai clienti con crescente opposizione e in molti stanno cominciando a trovare la tariffa proibitiva. Il 2010 ha visto anche tagli di servizio pesanti per molte società controllate da MTA (see [8]). Meno treni più spaziati hanno portato a pesanti sovraffollamenti oltre le ore di punta normali[15] portando alla frustrazione molti piloti della metropolitana e di autobus. I dipendenti hanno anche sofferto a causa di problemi di bilancio. A metà luglio 2010 i licenziamenti hanno raggiunto quota 1000 e gran parte di coloro che sono stati colpiti erano dipendenti di basso livello che guadagnavano meno di 55 mila dollari all'anno.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b LIRR data from the National Transit Database
  2. ^ a b Metro-North data from the National Transit Database
  3. ^ a b NYC Transit data from the National Transit Database
  4. ^ a b MTA Bus data from the National Transit Database
  5. ^ MTA Bus data from the National Transit Database
  6. ^ MTA - About Bridges & Tunnels
  7. ^ Joseph Lhota Tapped by Governor Cuomo to Head MTA http://mta.info/news/stories/?story=423
  8. ^ James C, Jr. McKinley, What's in a Symbol? A Lot, the M.T.A. Is Betting in New York Times, 28 agosto 1994. URL consultato il 23 febbraio 2008.
  9. ^ Drum Major Institute for Public Policy. (2010). Solving the MTA's Budget Crisis and Reinvesting in Mass Transit: A Five-Step Platform for the Next Governor of New York State. Retrieved from [1].
  10. ^ Metropolitan Transportation Authority. (2010, July). MTA 2011 Preliminary Budget. July Financial Plan 2011-2014. Retrieved from [2].
  11. ^ Smerd, Jeremy. (2010, June 23). Another Tax Shortfall Hits the MTA's Budget. Crain's New York Business. Retrieved from [3].
  12. ^ Gupta, Arun and Valdes, Danny. (2009, June 5). Why the MTA is Broken. The Indypendent. Retrieved from [4].
  13. ^ Namako, Tom. (2010, October 7). MTA raises fares again, monthly MetroCard prices skyrocket to $104. New York Post. Retrieved from [5].
  14. ^ Mooney, Jake. (2010, July 26). MTA Cuts Mean Bigger Crowds, More Problems. City Limits News. Retrieved from [6].
  15. ^ Wells, Nicholas. (2010, August 12). MTA Budget Deficit - Not Riders' Fault! Westview News. Retrieved from [7].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America