Metone di Atene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Metone di Atene (in greco Μέτων ὁ Ἀθηναῖος, Mèton o Athenàios; ... – ...) è stato un astronomo, matematico e geometra greco antico del V secolo a.C..

È universalmente conosciuto per aver introdotto nel 432 a.C. il ciclo metonico, un ciclo di diciannove anni basato sull'osservazione che 19 anni solari corrispondono (quasi) esattamente a 235 mesi lunari. Sul ciclo metonico si basano i calendari lunisolari aritmetici, cioè quei calendari, come ad esempio quello ebraico, che mantengono il sincronismo sia col corso del sole sia con quello della luna per mezzo di approssimazioni aritmetiche del moti reali medi dei due astri. Altri calendari lunisolari, ad esempio quello cinese, si basano invece sul calcolo dell'orbita reale della Terra e della Luna, con risultati talvolta leggermente diversi da quelli ottenuti per approssimazione aritmetica.

È considerato come uno dei primi astronomi greci ad aver eseguito delle misure astronomiche precise scoprendo anche la non uniformità di moto del sole nella fascia dello zodiaco.

Nessuna delle sue opere è pervenuta fino ai nostri tempi.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Non è noto con certezza il suo luogo di origine; tra i pochi che fanno cenno alla sua origine, Claudio Eliano parla di lui nella sua Ποικίλη ἱστορία (Varia Historia) affermando che è nativo di Leuconoè, poco lontano da Atene.[1] Anche il commediografo Frinico, contemporaneo di Aristofane, nel suo Monotropos lo chiama Metone di Leuconoè. Teofrasto, parlando di lui dice che è di Atene.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudii Aeliani Varia Historia, Libro XIII.
  2. ^ Teofrasto, I Segni dei tempi : Frag. 4 (Diels)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 69321361