Metodo Condorcet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un metodo di Condorcet (definito da Jean-Antoine Caritat de Condorcet, matematico e filosofo del XVIII secolo, meglio conosciuto come il Marchese di Condorcet) è un metodo di votazione a vincitore unico, attraverso il quale i votanti assegnano ai candidati una precisa posizione, in ordine di preferenza (1°, 2°, 3°, ...). Il metodo di votazione deve soddisfare il criterio di Condorcet ossia il vincitore sconfiggerebbe sempre ciascun altro candidato in un confronto a due (vincitore di Condorcet).

In base all'ordine di preferenza si può stabilire il preferito e quindi il vincitore per ogni coppia di candidati (sono ammessi ordinamenti paritari, in caso di candidati fra cui si è indifferenti); l'ordinamento indica dunque anche il numero di vittorie nei confronti e il primo della lista è il vincitore di tutti i confronti e quindi il vincitore per il singolo votante. Ripetendo l'operazione per tutti i votanti e aggregando gli esiti si ottiene il vincitore dell'elezione.

Un metodo di Condorcet può far vincere un candidato che non è la prima scelta di nessun votante: seleziona quindi il miglior candidato di compromesso, il meno sgradito a tutti.

Vi sono circostanze in cui una elezione non ha un vincitore di Condorcet. Il paradosso di Condorcet descrive il caso di un "pareggio multiplo" (ciclo della regola di maggioranza) e occorre risolvere questa ambiguità circolare.

Perciò sono stati proposti metodi leggermente diversi per calcolare comunque il vincitore, che accoppiano il metodo di Condorcet generale sopra descritto con un "metodo di completamento di Condorcet", fra cui i più solidi sono il metodo Tideman o Ordinamento delle coppie e il Metodo Schulze o Rimozione sequenziale, che rispettano la definizione e possono essere considerati varianti del metodo di Condorcet.

In alternativa, si tratta di applicare un sistema di voto differente al più piccolo sottoinsieme di candidati che sconfiggono tutti gli esclusi (Smith) o non ne sono sconfitti (Schwartz).

In ogni caso, non tutti i sistemi elettorali reali sono metodi di Condorcet: non lo sono l'uninominale secco (plurality) né il voto singolo trasferibile né il voto per approvazione né il metodo di Borda.

Nel 1299 Raimondo Lullo aveva inventato un metodo che rientra tra quelli oggi detti di Condorcet, ma era basato su una procedura iterativa piuttosto che su un ordine di preferenza espresso dai votanti.